Indice del post la fondazione di una società cooperativa: tutto ciò che si deve sapere

Nell'articolo che segue scopriremo come, quando e per quali scopi è possibile costituire una società cooperativa, prevista dell'ordinamento giuridico italiano. Per il codice civile italiano, una società cooperativa è una società costituita per gestire in comune un'impresa che si prefigge lo scopo di fornire innanzitutto agli stessi soci (scopo mutualistico) quei beni o servizi per il conseguimento dei quali la cooperativa è sorta. Nel prosieguo dell'articolo, dunque, [ ... leggi tutto » ]

La cooperativa è una società formata da persone fisiche o giuridiche, caratterizzata dallo scopo mutualistico, cioè dall'intento di fornire beni, servizi e occasioni di lavoro ai soci, a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle che otterrebbero dal mercato. Diversi, i tipi di vantaggio che possono ad esempio consistere in una maggiore retribuzione, oppure nell'acquisto di beni a un prezzo più basso. Inoltre, a differenza di quanto accade in altre forme societarie, l'accumulazione del capitale è destinata prevalentemente a reinvestimenti dell'azienda; è indivisibile; i soci sono suoi gestori, e il patrimonio costituito è affidato a nuove generazioni di soci. Una [ ... leggi tutto » ]

La cooperazione trova le proprie radici nel valore dell'imprenditorialità associata, ricerca il proprio sviluppo nel mercato, considera proprio fi ne il miglioramento delle condizioni, materiali e sociali dei propri soci e della società nel suo complesso. Una cooperativa abbraccia e mette al primo posto le persone rispetto al denaro e il lavoro rispetto al capitale. Una cooperativa, nel rispetto dei principi di democrazia, equità, uguaglianza, trasparenza, si impegna alla loro applicazione attraverso criteri e regole di comportamento, che costituiscono punti di riferimento per tutti i soggetti coinvolti in una cooperativa e, in primo luogo, per chi è chiamato a [ ... leggi tutto » ]

La cooperativa è una società (cioè un'impresa formata da più persone) caratterizzata dallo scopo mutualistico; (art. 2511 del codice civile: le cooperative sono società a capitale variabile con scopo mutualistico). Per procedere alla legale costituzione di una società cooperativa è necessario che i soci siano almeno tre. Se la cooperativa è formata da tre a otto soci è obbligatorio che siano persone fisiche e che la società adotti le norme della società a responsabilità limitata. Se i soci sono almeno nove non sussiste tale vincolo. La legge determina il numero minimo dei soci necessario per la costituzione di particolari [ ... leggi tutto » ]

Dalla necessaria presenza dello scopo mutualistico deriva, in primo luogo, una regola del tutto caratteristica delle cooperative. Il socio cooperatore non si limita a finanziare la cooperativa ma siccome deve intrattenere i rapporti di scambio mutualistico, deve anche possedere i necessari requisiti. Tali requisiti possono essere semplicemente quelli previsti dal codice civile (art. 2527 comma 1 e 2) o previsti da un' apposito regolamento interno approvato dall'assemblea dei soci. L'atto costitutivo può prevedere, determinandone i diritti e gli obblighi in un apposito regolamento, l'ammissione del nuovo socio cooperatore nella categoria "socio speciale", in ragione dell'interesse alla sua formazione ovvero [ ... leggi tutto » ]

Le cooperative si distinguono in cooperative a mutualità prevalente e cooperative a mutualità non prevalente. Il requisito della prevalenza è elemento necessario per ottenere particolari benefici fiscali. Sono cooperative a mutualità prevalente, in ragione dello scambio mutualistico, quelle che (art.2512 del codice civile): svolgono la loro attività prevalentemente in favore dei soci, consumatori o utenti di beni o servizi; si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento della loro attività, delle prestazioni lavorative dei soci; si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento della loro attività, degli apporti di beni o servizi da parte dei soci. Gli amministratori e i sindaci devono documentare la condizione [ ... leggi tutto » ]

I requisiti mutualistici costituiscono il "cuore" della disciplina cooperativa: Le cooperative a mutualità prevalente devono obbligatoriamente prevedere nei propri statuti alcuni requisiti mutualistici (art. 2514 del codice civile). I requisiti previsti sono: il divieto di distribuire dividendi in misura superiore all'interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato; il divieto di remunerare gli strumenti finanziari (es. titoli azionari emessi dalla cooperativa) offerti in sottoscrizione ai soci cooperatori in misura superiore a due punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi; il divieto di distribuire le riserve fra i soci [ ... leggi tutto » ]

Il ristorno consente la ridistribuzione ai soci del profitto realizzato dalla cooperativa relativamente all'attività svolta con i soci stessi. La distribuzione è proporzionale alla quantità e qualità degli scambi mutualistici che i soci hanno intrattenuto con la cooperativa nel corso dell'esercizio. Il ristorno può consistere: in un'integrazione dei salari (nel caso delle cooperative di lavoro), che non può superare il 30% dei salari correnti corrisposti nell'esercizio sociale; in un rimborso di costi o aumento di ricavi dell'attività svolta con il socio. Il ristorno ai soci può essere erogato in forma liquida oppure mediante aumento del capitale sociale (in questo [ ... leggi tutto » ]

Andiamo ora ad affrontare la questione della struttura societaria che deve essere costituita in una società cooperativa. Le cooperative sono società a capitale variabile. Il capitale non è quindi determinato in un ammontare prestabilito, ma varia in ragione della variabilità del numero dei soci e della loro quota di individuale di partecipazione. Le società, in quanto persone giuridiche, operano attraverso organi, svolgono cioè le loro funzioni attraverso persone fisiche alle quali vengono attribuiti determinati incarichi. Gli organi sono sia individuali (ad es. il presidente, in quanto rappresentante legale, l'amministratore unico), che collegia-li (l'assemblea dei soci, il collegio sindacale, il [ ... leggi tutto » ]

Per prima cosa, è bene notare che la cooperativa deve costituirsi per atto pubblico, cioè redatto dal Notaio. L'atto costitutivo, di cui è parte integrante lo statuto, deve contenere: per ogni socio persona fisica: dati anagrafici, codice fiscale, professione; per ogni socio persona giuridica: denominazione, sede, codice fiscale nonchè generalità del delegato a rappresentare la società nella cooperativa; nomina dei primi organi sociali: consiglio d'amministrazione (tra cui presidente e vice presidente), eventuale collegio sindacale (tra cui presidente, membri effettivi e membri supplenti) e incaricato del controllo contabile. Lo statuto, strumento basilare che fissa le regole generali della società, deve [ ... leggi tutto » ]

Riassumendo quanto esplicato nei precedenti paragrafi, dunque, l'impresa cooperativa è caratterizzata da otto principi fondanti. L'impresa cooperativa è caratterizzata da alcuni principi fondanti: Una testa, un voto La partecipazione La natura mutualistica La natura non speculativa La porta aperta La solidarietà intergenerazionale La solidarietà intercooperativa La mutualità verso l'esterno UNA TESTA UN VOTO La cooperativa è l'unica forma imprenditoriale che non consente la concentrazione in poche mani della proprietà di una società. Qualunque sia la quota di capitale posseduta, il valore del socio in assemblea è sempre uguale ad uno. LA PARTECIPAZIONE Sono i soci che amministrano la cooperativa. [ ... leggi tutto » ]

Un utile vademecum per chiarire ulteriormente le idee al lettore: vi presentiamo le nove domande che chiunque si deve porre prima di costituire una società cooperativa. Quali sono le caratteristiche distintive dell'impresa cooperativa? L'impresa cooperativa è un'impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della S.r.l o della S.p.A. La cooperativa pone al centro le persone, per questo pone dei limiti alla remunerazione del capitale, garantendo così la centralità dei soci. Tra i principi fondamentali che regolano l'impresa cooperativa: Democrazia: La cooperativa è un'impresa "democratica" che prevede un forte controllo da parte dei soci secondo il [ ... leggi tutto » ]

29 ottobre 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post la fondazione di una società cooperativa: tutto ciò che si deve sapere. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post La fondazione di una società cooperativa: tutto ciò che si deve sapere Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 29 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avvio attività Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca