Il nuovo sistema di conciliazione per le controversie di luce e gas - Chi può accedervi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Per quanto riguarda le forniture di energia elettrica, potranno attivare il Servizio di Conciliazione ciascun cliente domestico o piccola e media impresa(PMI), queste ultime purché siano connesse in bassa tensione (BT), abbiano meno di 50 dipendenti ed un fatturato annuo che non oltrepassa i 10 milioni di euro.

Le conciliazioni per il settore gas invece possono essere attivate da tutti i clienti domestici, i condomini ad uso domestico con consumi non superiori a 200.000 m3 annui e le piccole e medie imprese (PMI) i cui consumi non superano i 50.000 m3 all'anno.

Per quanto concerne infine i clienti con tariffe dual fuel (fornitura congiunta di energia elettrica e gas naturale), basta rientrare in una delle categorie sopra menzionate.

Non è possibile invece avvalersi di questa procedura conciliativa quando, per la stessa controversia, le parti abbiano già iniziato un processo innanzi al Tribunale oppure sia già in corso altra procedura di risoluzione alternativa della controversia compresi i reclami eventualmente presentati allo Sportello per il consumatore di energia.

5 settembre 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca