Contributo RAEE » Come sbarazzarsi, senza pagare, di apparecchi ormai inusati - Incidenza del contributo

Indice dei contenuti dell'articolo

Ma quanto incide il contributo RAEE sul prezzo finale di ogni tipo di elettrodomestico che acquisteremo?

Gli importi degli Eco-contributi RAEE più alti si registrano nella categoria dei “Grandi Elettrodomestici”.

I vecchi frigoriferi e congelatori (prodotti più pesanti e ingombranti e dunque più costosi da trasportare e da trattare) contengono al loro interno gas, come HCFC (Idroclorofluorocarburi) e CFC (clorofluorocarburi), pericolosi per lo strato di ozono, e richiedono processi più articolati per garantire il riciclo nella massima tutela dell’ambiente.

Frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici e piani cottura rappresentano inoltre una fonte preziosa di materiali come rame, ferro e alluminio che è opportuno recuperare per il successivo riutilizzo nella produzione di nuovi apparecchi.

Per la categoria dei prodotti “Tv e Audiovideo” gli importi degli Eco-contributi sono di dimensioni ridotte per i prodotti di elettronica di consumo dalle piccole-medie dimensioni mentre aumentano sensibilmente per i televisori.

In questo caso, a prescindere dalla tipologia – schermo piatto o tubo catodico – è spesso necessario un disassemblaggio manuale che integra le procedure meccaniche adottate negli impianti di trattamento.

Soprattutto per i vecchi televisori con tubo catodico, prima di triturare e riciclare le componenti plastiche che lo compongono, è richiesta una cura particolare per lo smaltimento delle polveri fluorescenti e il recupero dei vetri del tubo catodico contenenti residui di piombo.

Gli importi per la categoria dei prodotti “Piccoli Elettrodomestici ed Apparecchiature varie” si differenziano a seconda della dimensione e del peso dell’apparecchio che dovrà essere smaltito.

Questa categoria raggruppa al proprio interno un universo molto ampio di prodotti, composti da materiali diversi tra loro. Il processo di riciclo consentirà di recuperare i materiali metallici, quali rame, alluminio e ferro, e le plastiche di cui sono composti la maggior parte dei prodotti che rientrano in questa macrocategoria.

Le lampade a risparmio di energia e gli apparecchi illuminanti rappresentano la gamma di prodotti con il valore dell’Eco-contributo RAEE più basso.

Un valore ridotto ma molto importante, che permette di finanziare il recupero dei materiali plastici e metallici degli apparecchi di illuminazione e, soprattutto, di smaltire con cura le polveri fluorescenti e il mercurio presenti nelle moderne lampade a risparmio di energia.

Per questa categoria di prodotto, infatti, le tecnologie a disposizione consentono di riciclare quasi il 99% dei materiali, recuperando la totale quantità di vetro e i residui metallici di cui sono composti.

6 Maggio 2013 · Giovanni Napoletano

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contributo raee » come sbarazzarsi, senza pagare, di apparecchi ormai inusati - incidenza del contributo. Clicca qui.

Stai leggendo Contributo RAEE » Come sbarazzarsi, senza pagare, di apparecchi ormai inusati - Incidenza del contributo Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 6 Maggio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo vizi della cosa venduta garanzie e recesso - consumismo responsabile

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)