Contributo per l'acquisto di servizi per l'infanzia » Bonus fino a 600 euro per le madri lavoratrici

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Vi presentiamo una sintesi del decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che stabilisce i criteri e le modalità di accesso al contributo riconosciuto al termine del periodo di congedo di maternitá e negli undici mesi successivi, alla mamma lavoratrice, dipendente di amministrazioni pubbliche, di privati datori di lavoro, nonché la madre lavoratrice iscritta alla gestione separata.

Il contributo, d'importo pari ad un massimo di 600 euro mensili, per un periodo complessivo non superiore a sei mesi, può essere richiesto in luogo del congedo parentale e può essere utilizzato alternativamente per il servizio di baby sitting o per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati.

La richiesta, che deve essere inoltrata per via telematica, può essere presentata anche dalla lavoratrice che abbia usufruito in parte del congedo parentale.

Per gli anni 2014 e 2015 le domande possono essere presentate entro il 31 dicembre di ciascun anno.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca