Contributi previdenziali » giurisdizione competenza ed opposizione

Le controversie inerenti il pagamento dei contributi degli esercenti la professione forense spettano alla giurisdizione del giudice ordinario ed alla competenza del giudice del lavoro, in quanto riguardano diritti ed obblighi che attengono ad un rapporto previdenziale obbligatorio e non ha carattere tributario.

I giudici di legittimità hanno avuto modo di affermare che, anche dopo la privatizzazione operata dal decreto legislativo numero 509 del 1994, è rimasto in capo alla Cassa Forense il potere di fare ricorso al ruolo per la riscossione, trattandosi di contribuzione obbligatoria per legge.

La procedura della riscossione mediante ruolo è stata nel tempo estesa anche ai contributi o premi dovuti agli enti previdenziali e, anche nel nuovo sistema, la controversia inerente a diritti ed obblighi che attengono ad un rapporto previdenziale obbligatorio conserva tale sua natura anche se originata da pretesa azionata dall’ente previdenziale a mezzo di cartella di pagamento, con la conseguenza che l’eventuale opposizione deve essere proposta innanzi al giudice competente a decidere in ordine al rapporto cui la cartella stessa è funzionale.

Nell’ambito di una procedura di riscossione coattiva eseguita per il recupero di contributi o premi dovuti agli enti previdenziali, la legge delinea le seguenti opposizioni esperibili:

  1. contro l’iscrizione a ruolo il contribuente può proporre opposizione al giudice del lavoro entro il termine di quaranta giorni dalla notifica della cartella. Il giudizio di opposizione contro il ruolo per motivi inerenti il merito della pretesa contributiva è uno strumento finalizzato ad ottenere una verifica giudiziale della fondatezza della pretesa contributiva.
  2. le opposizioni all’esecuzione e agli atti esecutivi nell’ambito delle procedure di riscossione delle entrate non tributarie si propongono nelle forme ordinarie. In particolare l’opposizione agli atti esecutivi deve essere proposta in un termine perentorio stabilito dall’articolo 617 codice di procedura civile, il cui rispetto deve essere controllato pregiudizialmente d’ufficio, anche in sede di legittimità.

Può accadere che venga eccepita l’inesistenza della notifica della cartella esattoriale; In tale evenienza, l’occasione per l’opposizione è rappresentata dalla notifica di un atto successivo della procedura.

Queste le indicazioni, sul tema della riscossione coattiva dei contributi dovuti agli enti previdenziali, fornite dalla Corte di Cassazione nella sentenza numero 9310 del 24 aprile 2014.

30 Aprile 2014 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartella esattoriale per contributi previdenziali - termini per il ricorso e fatti estintivi
In materia di cartelle esattoriali aventi ad oggetto contributi previdenziali si riporta l'orientamento del Tribunale di Roma, sezione lavoro, espresso con la recentissima sentenza del 9 febbraio 2012. Il vigente sistema di tutela giurisdizionale per entrate relative a contributi previdenziali (ed in genere per quelli non tributari) prevede le seguenti possibilità di tutela per il contribuente: proposizione di opposizione al ruolo esattoriale per motivi attinenti al merito della pretesa contributiva ai sensi dell'articolo 24, comma 6 , del Decreto Legislativo numero 46 del 1999, ovverosia nel termine di giorni quaranta dalla notifica della cartella di pagamento, davanti al giudice del ...

Cartella esattoriale per crediti previdenziali - competenza territoriale per il ricorso
Per l'opposizione a cartella esattoriale, relativa a crediti previdenziali, è competente il Tribunale del luogo ove ha sede l'ufficio dell'ente, se si tratta di lavoro subordinato; altrimenti, se si tratta di lavoro autonomo, il Tribunale nella cui circoscrizione risiede il debitore. Ai sensi dell'articolo 444, terzo comma, del Codice di procedura civile, al quale rinvia l'articolo 24, sesto comma, del Decreto Legislativo del 26 febbraio 1999, numero 46, giudice del lavoro territorialmente competente a conoscere delle opposizioni a cartella esattoriale per crediti previdenziali è il giudice del luogo ove ha sede l'ufficio dell'ente preposto ad esaminare la posizione assicurativa e ...

Opposizione a cartella esattoriale originata da crediti per contributi previdenziali o premi assicurativi
In materia di contributi e premi, in applicazione dell'articolo 32-bis del decreto legge numero 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge numero 2/2009 Richiesta di informazioni e di riesame del ruolo in autotutela Per questa cartella di pagamento è possibile chiedere informazioni all'ente impositore (indicato nell'intestazione della pagina relativa al "Dettaglio degli addebiti"). All'ente impositore potrà, inoltre, essere presentata istanza di riesame per chiedere l'annullamento del ruolo. Ricordare sempre che l'istanza in autotutela non interrompe né sospende i termini per proporre l'eventuale ricorso. Il responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo è il Direttore della Direzione/Ufficio, indicato nell'intestazione della pagina relativa al ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contributi previdenziali » giurisdizione competenza ed opposizione. Clicca qui.

Stai leggendo Contributi previdenziali » giurisdizione competenza ed opposizione Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 30 Aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Luglio 2017 Classificato nella categoria contenzioso e impugnazione di cartelle esattoriali originate da omesso o insufficiente pagamento di tributi e contributi Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)