Contratto di noleggio e prestito finalizzato d'auto

Accade a Napoli. Una società stipula contratti assimilabili al noleggio di veicoli. Poi fallisce, lasciando le controparti senza garanzia assicurativa e con un patto diventato nullo per inesigibilità della prestazione. Le vittime decidono, quindi, di sospendere il pagamento delle rate del prestito finalizzato d’auto, richiesto ed ottenuto dalla banca. Ben presto, tuttavia, il loro nominativo viene segnalato alle Centrali Rischi dei cattivi pagatori.

La domanda è » può il contraente, adire con successo l’autorità giudiziaria per ottenere la declaratoria di estinzione del mutuo di scopo e la cancellazione del proprio nominativo dal registro della centrale rischi dei cattivi pagatori?

A quanto sembra, la risposta è negativa ((Tribunale di Napoli, sezione II Civile, ordinanza numero 9820/13). Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore dei beni o dei servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto, alla risoluzione del contratto di credito. Ma, nel caso in esame, la banca ha finanziato l’acquisto, e non il noleggio di un’autovettura, e pertanto, le vicende del contratto di noleggio, non collegato al finanziamento di credito al consumo, non possono venire opposte al creditore.

Il prestito finalizzato d’auto, regolato dall’articolo 125 TUB, prevede, la vendita o l’esecuzione di un servizio specifico. Il contratto stipulato dai ricorrenti, anche se denominato rental od in altri modi (start up per l’acquisto di una vettura) è, in sostanza, un noleggio di un’auto, nuova od usata, a determinate condizioni contrattuali. Nello specifico, ed a conferma della corretta qualificazione del patto, erano garanti una pluralità di servizi accessori come la copertura assicurativa, il localizzatore, la disponibilità di un’auto nuova in caso di guasti, un certo chilometraggio. E’ allora evidente che non possa ravvisarsi la vendita o l’esecuzione di un servizio specifico, tanto più che in uno degli accordi impugnati le parti concordavano espressamente un noleggio “a lungo termine senza riscatto”, escludendo, così, anche il leasing. Infine se si fosse trattato di una vendita e, quindi, di un prestito finalizzato, il costo della RCA sarebbe andata a gravare sull’acquirente proprietario e non sulla società venditrice.

I giudici non escludono che il pagamento, se l’obbligazione per cui esso è stato concordato è diventata inesigibile, possa essere annullato. Ma, servirà un’apposita domanda. Risultano, infatti, errati i presupposti che la cessazione del noleggio si estenda automaticamente al finanziamento.

6 Settembre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Credito al consumo – il contratto (sintesi)
Quando il consumatore decide di accedere al credito al consumo per l'acquisto di un bene o servizio, deve firmare un contratto specifico, oltre a quello d'acquisto (se previsto). È necessario, quindi, tenere presente che il contratto di acquisto e il contratto di finanziamento sono distinti. Il contratto di acquisto riguarda il consumatore e il venditore, il contratto di credito al consumo invece, è tra il consumatore e la banca, o la finanziaria, che eroga il prestito. Il contratto di credito al consumo deve avere una serie di requisiti previsti dalla legge. Deve essere redatto per iscritto, altrimenti è da considerarsi ...

Credito al consumo – domande e risposte sulla normativa
Il credito al consumo è concesso nella forma del prestito dalle banche e dagli intermediari finanziari. Gli intermediari finanziari possono - come le banche - concedere credito in varie forme (credito al consumo, mutuo, locazione finanziaria ecc.); a differenza delle banche, non possono raccogliere depositi. Gli intermediari finanziari che concedono il credito al consumo sono iscritti: a) nell'elenco generale previsto dall'articolo 106 del Decreto legislativo 1 settembre 1993, numero 385 (di seguito, Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia), tenuto dall'Ufficio Italiano dei Cambi; b) nell'elenco speciale previsto dall'articolo 107 del Testo unico delle leggi in materia bancaria ...

Credito al consumo e inadempimento del fornitore - la finanziaria deve rimborsare il consumatore
Nei finanziamenti collegati al consumo, nel caso di grave inadempimento del fornitore di beni e servizi, il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito. La risoluzione del contratto di credito comporta l'obbligo del finanziatore di rimborsare al consumatore le rate già pagate, nonché ogni altro onere eventualmente applicato. La risoluzione del contratto di credito non comporta l'obbligo del consumatore di rimborsare al finanziatore l'importo che sia stato già versato al fornitore dei beni o dei servizi. Il finanziatore ha il diritto di ripetere detto importo nei confronti del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratto di noleggio e prestito finalizzato d'auto. Clicca qui.

Stai leggendo Contratto di noleggio e prestito finalizzato d'auto Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 6 Settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria credito al consumo e tutela cattivo pagatore Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)