Contratto H3G e penale per inadempienze - Come ci si deve comportare?

Contratto H3G - Portabilità verso nuovo operatore

A ottobre 2012 ho disdetto anticipatamente un contratto H3G con abbonamento top 400 per l'acquisto di un samsung galaxy S3: il contratto prevedeva un finanziamento da me onorato al momento della chiusura e consigliato dall'operatore.

Ho effettuato la migrazione di operatore usando la portabilità del mio vecchio numero di telefono.

Dopo un paio di settimane ricevo come comunicato dall'operatore una fattura di importo di 30 € pagata regolarmente e a distanza di qualche giorno una nuova fattura di € 370 per inadempienze legate al contratto.

Naturalmente, mi sono rifiutato di pagare.

Ora, mi intimano tramite lettera raccomandata di un avvocato di pagare una somma di 370€.

In caso contrario, dicono, procederanno legalmente.

Vorrei sapere, sono obbligato a pagare questo importo?

Cosa succede se non pago?

A quali conseguenze posso andare incontro?

Contratto H3G - Il decreto Bersani garantisce ai consumatori la possibilità di effettuare la disdetta dal contratto senza costi

Stia tranquillo: il decreto Bersani e la sua successiva conversione, garantisce agli utenti la possibilità di effettuare la disdetta dal contratto senza dover pagare assolutamente nulla.

Infatti, la legge numero 40 del 2007, che ha convertito, con modifiche, il Decreto Bersani numero 7 del 2007, all'articolo 1, comma 1, prevede che “ Al fine di favorire la concorrenza e la trasparenza delle tariffe, di garantire ai consumatori finali un adeguato livello di conoscenza sugli effettivi prezzi del servizio, nonché di facilitare il confronto tra le offerte presenti sul mercato, è vietata, da parte degli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche, l'applicazione di costi fissi e di contributi per la ricarica di carte prepagate, anche via bancomat o in forma telematica, aggiuntivi rispetto al costo del traffico telefonico o del servizio richiesto. E' altresì vietata la previsione di termini temporali massimi di utilizzo del traffico o del servizio acquistato. Ogni eventuale clausola difforme è nulla e non comporta la nullità del contratto, fatti salvi i vincoli di durata di eventuali offerte promozionali comportanti prezzi più favorevoli per il consumatore”.

Inoltre, il comma 3 del medesimo articolo, recita così: I contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata, devono prevedere la facoltà del contraente di recedere dal contratto o di trasferire le utenze presso altro operatore senza vincoli temporali o ritardi non giustificati e senza spese non giustificate da costi dell'operatore e non possono imporre un obbligo di preavviso superiore a trenta giorni. Le clausole difformi sono nulle, fatta salva la facoltà degli operatori di adeguare alle disposizioni del presente comma i rapporti contrattuali già stipulati alla data di entrata in vigore del presente decreto entro i successivi sessanta giorni.

Quindi, praticamente, non c'è nessun l'obbligo di contratto per gli utenti, che non devono per forza restare fedeli agli operatori di telefonia e di reti televisive o di comunicazione elettronica, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata.

Il contratto di adesione stipulato con tali operatori deve invece prevedere la facoltà del contraente di recedere dal contratto in qualsiasi momento e senza spese non giustificate da costi dell'operatore.

Gli operatori non possono, inoltre, imporre un obbligo di preavviso superiore a 30 giorni.

Dando disdetta o facendo un recesso anticipato del contratto, il cliente non deve versare al fornitore di servizi alcuna penale, ma solo i cosiddetti "costi di gestione dell'operatore" che, nello specifico, sono spese reali che il gestore sopporta per operazioni quali la disattivazione del servizio o il trasferimento dell'utenza.

Al fine di evitare tempi lunghi, le converrebbe optare per lo strumento della conciliazione che in maniera rapida ed a basso costo permette di poter andare a trovare una soluzione “amichevole” per dirimere le controversie.

Infatti, in caso di problemi con fornitori di servizi di telecomunicazione elettronica, non si può ricorrere immediatamente al giudice di pace o in tribunale.

Le occorrerà prima rivolgersi al Corecom regionale o ad un altro organismo non giurisdizionale per una conciliazione obbligatoria, come impone la delibera dell'Agcom numero 173/07/CONS.

Solo dopo, in caso di esito insoddisfacente per la conciliazione, potrà valutare, anche considerando i relativi costi, la possibilità di far leva sulla giustizia ordinaria.

18 febbraio 2013 · Marzia Ciunfrini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Indennizzi minimi per ritardi e disservizi delle compagnie telefoniche
Ho letto da qualche parte che l'AGCOM ha fissato gli indennizzi minimi previsti per eventuali ritardi e disservizi da parte delle "famigerate" compagnie telefoniche. Vorrei sapere, quali sono gli indennizzi previsti dall'Autorità per la definizione delle controversie fra utenti e operatori? L'Autorità può decidere anche sull'eventuale diritto dell'utente ad essere ...
La conciliazione » Ecco come contestare bollette di luce telefono e gas
Per risolvere le controversie relative a ipotetici abusi o discordanze sulle bollette di luce telefono o gas, è possibile, senza dover per forza attivare un giudizio in tribunale promuovere una conciliazione al fine di tentare una soluzione bonaria alla vertenza ed evitare gli ingenti costi di una causa, evitando anche ...
Procedura di conciliazione per le controversie relative alla fornitura di energia elettrica e gas - Obbligatoria da gennaio 2017
Dal gennaio 2017, dopo il reclamo all'operatore, il tentativo di conciliazione presso il Servizio dell'Autorità per le controversie dei clienti di energia elettrica e gas nei confronti delle imprese - che saranno obbligate a prendervi parte - diventa il principale luogo di risoluzione delle problematiche tra le parti. In caso ...
Linea internet ADSL molto lenta » Come comportarsi?
Dopo aver stipulato un contratto per internet, in Adsl, con un noto gestore, ho riscontrato un problema. La navigazione è molto più lenta di quella promessa dal gestore, visto che ho sottoscritto un servizio ad alta velocità. Ho segnalato il disservizio più volte, ma la faccenda non è mai stata ...
Tutela del consumatore: fonia ed internet » Il riepilogo
Grazie alle attuali liberalizzazioni introdotte in materia di tutela del consumatore per la telefonia, sono stati previsti una serie di diritti hanno carattere obbligatorio. Pertanto, sono da considerarsi nulle, e quindi contestabili, tutte quelle clausole di un contratto che risultano difformi dalla previsione normativa. Chiariamo quali all'interno dell'articolo. Il costo ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratto h3g e penale per inadempienze - come ci si deve comportare?. Clicca qui.

Stai leggendo Contratto H3G e penale per inadempienze - Come ci si deve comportare? Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 18 febbraio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 21 settembre 2017 Classificato nella categoria tutela consumatore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande