Il contratto di sale and lease back - Quando è lecito e quando è nullo

Con il contratto di sale and lease back (vendita con leasing e patto di riscatto) un’impresa commerciale o industriale (oppure un lavoratore autonomo) vende un bene immobile di sua proprietà ad una società che ne paga il corrispettivo, diventandone proprietaria, e contestualmente cede il bene così acquisito in locazione finanziaria (leasing) alla stessa parte venditrice, che versa periodicamente dei canoni, con facoltà di riacquistare la proprietà del bene venduto, esercitando un diritto di opzione per un predeterminato prezzo (riscatto) al termine della durata contrattuale.

La normativa vigente si pone l’obiettivo di impedire al creditore (società finanziaria) l’esercizio di una qualsivoglia pressione morale e/o psicologica sul debitore (impresa commerciale o industriale, lavoratore autonomo) nonché la possibilità, per tale creditore, di divenire proprietario del bene oggetto del contratto di sale and lease back attraverso un meccanismo che lo sottrarrebbe alla regola della par condicio creditorum.

Inoltre, il contratto di sale and lease back viola le disposizioni del Codice civile, in tema di divieto di patto commissorio, se, in caso di inadempimento, non è prevista, per la parte venditrice, alcuna possibilità di recuperare l’eventuale eccedenza di valore del bene alienato rispetto all’ammontare del debito accumulato con il mancato pagamento dei canoni di leasing.

In pratica, l’operazione contrattuale di vendita con leasing e patto di riscatto può definirsi fraudolenta nel caso in cui si accertino le seguenti note caratteristiche: la presenza (preesistente o contestuale) di una situazione di credito e debito tra la società finanziaria e l’impresa venditrice ed utilizzatrice; una situazione di difficoltà economica del venditore; la sproporzione tra il valore del bene alienato e l’importo versato dalla società finanziaria.

Concludendo, il contratto di sale and lease back e’ lecito se diretto a finanziare l’impresa mentre e’ nullo se finalizzato ad aggirare, con intento fraudolento, il divieto di patto commissorio previsto dall’articolo 2744 del Codice civile.

Queste, in sintesi, le considerazioni di diritto sviluppate dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 16646/2017.

3 Agosto 2017 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: ,

Approfondimenti

Il patto marciano e la tutela del debitore nel contratto di leasing back
Nel lease back (o leasing back) un soggetto vende ad una società finanziaria il bene che gli verrà contestualmente concesso in leasing secondo le consuete modalità, con il diritto di rientrarne in possesso una volta terminato il periodo di locazione. Uno dei contraenti assume, dunque, la doppia veste di fornitore e utilizzatore del bene concesso in leasing, con la possibilità di ricavare dall'operazione liquidità aggiuntiva. Il patto marciano è una clausola del contratto di leasing back finalizzata ad impedire che il concedente (creditore), in caso di inadempimento dell'utilizzatore (debitore), si appropri di un valore superiore all'ammontare del suo credito. Un ...

Patto marciano e patto commissorio » Differenze analogie e definizioni
Nei mesi scorsi, nell'ambito della disciplina sugli accordi tra creditore e debitore, si è sentito spesso parlare del cosiddetto patto marciano: ma di cosa si tratta? E quali sono le differenze rispetto al “patto commissorio”? Scopriamo analogie e differenze nel prosieguo dell'articolo. Il cosiddetto Decreto Banche ossia il D.L. n. 59/2016 (convertito in data 3 luglio 2016 nella L. 119/2016) introduce all'articolo 2 la possibilità per le imprese di garantire i finanziamenti tramite il trasferimento sospensivamente condizionato di un bene immobile, secondo gli schemi propri e tipici del c. d. patto marciano. Il patto marciano, istituto sconosciuto alla legge positiva ...

Acquisto prima casa tramite leasing immobiliare » Come funziona quando è possibile e perché conviene
In alcuni precedenti interventi abbiamo parlato dell'introduzione del rent to buy nella normativa italiana: ora, vogliamo riassumervi un'altra forma di acquisto immobiliare promossa per soddisfare le esigenze di coloro che intendono accedere alla proprietà in modo graduale acquisendo subito la disponibilità dell'immobile, a fronte del pagamento di canoni periodici , ma rimandando l'eventuale acquisto/ riscatto ad un momento futuro. Quando si parla di leasing immobiliare, parliamo di quel contratto di locazione finanziaria di immobile da adibire ad abitazione principale", anche detto leasing finanziario abitativo. Si tratta di un particolare contratto con cui una società di leasing (banca, finanziaria o altro ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il contratto di sale and lease back - quando è lecito e quando è nullo. Clicca qui.

Stai leggendo Il contratto di sale and lease back - Quando è lecito e quando è nullo Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 3 Agosto 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 27 Giugno 2020 Classificato nella categoria il leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)