Contratti di locazione » Bonus per affitti a canone basso

Contratti di locazione: bonus per i locatori che affittano casa a canone agevolato. Deduzione del 20% dell’IRPEF sul costo di acquisto.

In arrivo agevolazioni e vantaggi per i proprietari di immobili che, entro 6 mesi dall’acquisto o dalla relativa costruzione, stipuleranno un contratto di locazione a canone libero, con un importo di affitto inferiore al minore dei canoni previsti dai contratti a canone concordato e a canone speciale.

Ciò è quanto previsto dal decreto Sblocca Italia, che, per chi rispetta questi schemi, prevede la deduzione dall’IRPEF del 20% del costo di acquisto o di costruzione di abitazioni, nel quadriennio 2014-2017.

Nel dettaglio, l’incentivo consiste in una deduzione dal reddito, ripartita in otto anni, del 20% del prezzo di acquisto o di costruzione, nel limite massimo complessivo di spesa di 300.000 euro, ma non è applicabile per quegli immobili ai quali non è attuabile nessuno dei canoni massimi di locazione.

Sono compresi nel bonus esclusivamente gli acquisti effettuati dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2017, di unità immobiliari a destinazione residenziale, di nuova costruzione o oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia.

Parliamo delle unità immobiliari classificate nelle categorie catastali da A/1 ad A/11 (esclusa la A/10), a prescindere dal loro effettivo utilizzo: sono escluse anche le categorie catastali di lusso (A/1, A/8 e A/9).

Per rientrare nell’agevolazione prevista dalla normativa, l’unità immobiliare acquistata o costruita deve essere destinata, entro sei mesi dall’acquisto o dal termine dei lavori di costruzione, alla locazione per almeno otto anni e sempre ché tale periodo abbia carattere continuativo.

Non si perde la deduzione, comunque, se, per motivi non imputabili al locatore, il contratto di locazione si risolve prima del decorso degli 8 anni, a patto che ne venga stipulato un altro entro un anno dalla data della suddetta risoluzione.

Come accennato, poi, il canone di locazione non può essere superiore a quello previsto per i contratti a canone concordato e a quello speciale stabilito per le unità abitative realizzate o recuperate nei Comuni ad alta tensione abitativa.

Anche se il testo di legge parla di destinazione alla locazione per 8 anni, si ritiene che entro 6 mesi dall’acquisto debba essere stipulato un contratto di affitto per 8 anni.

Per rientrare nel bonus, dunque, non possono essere sottoscritti i contratti a canone concordato, quelli per studenti universitari, transitori o turistici.

Comunque, considerando che non esiste un contratto di locazione di 8 anni consecutivi, si ritiene sia valido esclusivamente quello a canone libero, la cui durata è di 4 anni, rinnovabile per altri 4 anni.

Pertanto, solo con il rinnovo si arriva agli 8 anni richiesti per accedere alla detrazione IRPEF.

15 Settembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ravvedimento operoso brevissimo, breve e lungo per omessa registrazione dei contratti di locazione
Per omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione è prevista l'applicazione di una sanzione il cui ammontare può variare dal 120% al 240% dell'imposta di registro dovuta. Oltre alla sanzione, il contribuente è tenuto ad effettuare il pagamento anche dell'imposta di registro non versata e, naturalmente, degli interessi. Per regolarizzare l'omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione, il contribuente può ricorrere al ravvedimento operoso, eseguendo spontaneamente il pagamento: dell'imposta dovuta; degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato ...

Contratti di locazione (affitto) » Nuove regole: scopriamo il canone concordato
Dopo un decreto del governo, arrivano nuove regole per i contratti di locazione a canone concordato: vediamo quali sono le novità più importanti. Affitti a canone concordato, via libera. In un decreto del ministero delle Infrastrutture le nuove regole per le locazioni agevolate. Lo sconto esteso anche per i contratti a dottorandi e studenti iscritti ai master. Ma cosa si intende per canone concordato? Approfondiamo la questione nei paragrafi successivi. ...

Prescrizione adeguamento ISTAT canone di locazione
Per quanto attiene la prescrizione dell'adeguamento del canone di locazione agli indici ISTAT bisogna distinguere fra contratti a canone concordato e contratti liberi. Nel caso in cui il contratto stipulato sia a canone concordato, ovvero di durata triennale con possibilità di rinnovo per i successivi due anni, la legge prevede l'adeguamento annuale del canone di locazione allo 0,75% dell'indice ISTAT. Tuttavia l'adeguamento è dovuto solo se il locatore ne fa domanda, a partire dal mese successivo a quello in cui viene espressamente formulata la richiesta. Come indicato dalla Corte di cassazione con la sentenza numero 15034/2004 l'aggiornamento del canone, per ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratti di locazione » bonus per affitti a canone basso. Clicca qui.

Stai leggendo Contratti di locazione » Bonus per affitti a canone basso Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 15 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)