Indice del post l'assicurazione contro i danni a tutela del consumatore: l'indagine

Tutto ciò che il consumatore deve conoscere sul tema dei contratti di assicurazione contro i danni: informazioni utili, cautele da attuare, rischi, pro e contro. Nell'assicurazione contro i danni l'assicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l'assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro (non per forza stradale, il comune incidente automobilistico). Anche le assicurazioni danni, come le altre, sono regolamentate da particolari disposizioni di legge a tutela [ ... leggi tutto » ]

Chiariamo bene al consumatore, in linea generale, che cosa sono e come funzionano i contratti di assicurazione che tutelano i danni dell'assicurato. Le polizze di assicurazione che tutelano contro i danni costituiscono uno dei rami più importanti dell'intero settore assicurativo: la prima distinzione che va effettuata è quella tra i danni materiali e i danni personali. I danni materiali sono quelli che colpiscono le cose, gli oggetti e le proprietà degli assicurati. Possono essere causati da incendio, furto, o altri eventi che possano causare distruzione o irreparabile danneggiamento. Nei danni causati da incendio sono anche compresi fulmini, esplosioni e [ ... leggi tutto » ]

Come accennato nel paragrafo precedente, i contratti di assicurazione contro i danni coprono diversi tipi di rischio: dalla malattia, agli infortuni, agli incendi, all'assistenza legale, ed altro. Se il luogo di ubicazione del rischio e' in Italia le leggi che li regolano sono quelle italiane, diversamente valgono le leggi dello Stato estero (dell'UE) ove e' ubicato il rischio. Se il rischio e' ubicato in uno Stato extra UE si applicano disposizioni particolari. Possono offrire polizze danni solo le imprese di assicurazione autorizzate dall'IVASS (ex ISVAP) che abbiano per oggetto sociale unicamente il ramo danni o il ramo danni (infortuni [ ... leggi tutto » ]

Vediamo quali sono, nel dettaglio, le varie tipologie di contratti di assicurazione contro i danni che sussistono nell'ordinamento giuridico italiano. Le assicurazioni danni possono coprire rischi diversi. Li elenchiamo qui di seguito: infortuni (compresi gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali); prestazioni forfettarie; indennità temporanee; forme miste; persone trasportate; malattia: prestazioni forfettarie; indennità temporanee; forme miste; veicoli terrestri, ferroviari, aerei, marittimi o fluviali: ogni danno subito da veicoli terrestri, ferroviari, aerei, marittimi o fluviali; merci trasportate (compresi merci, bagagli e ogni altro bene): ogni danno subito dalle merci trasportate o dai bagagli, indipendentemente dalla natura del mezzo di [ ... leggi tutto » ]

Alcuni consigli da attuare nella fase precontrattuale nei contratti di assicurazione contro i danni: gli obblighi degli agenti di assicurazione e i doveri del consumatore. L'agente di assicurazione deve proporre o consigliare il prodotto più adeguato alle esigenze del cliente, illustrando le caratteristiche essenziali del contratto e le prestazioni a cui e' obbligata la compagnia di assicurazione. L'agente di assicurazione deve anche chiarire se offre il contratto in virtù di un obbligo verso una o più imprese assicurative, e in tal caso deve nominarle. Diversamente, deve comunque comunicare che fornisce consulenza imparziale (indipendente), e che quindi e' in grado [ ... leggi tutto » ]

La durata del contratto di assicurazione contro i danni: obblighi dell'assicuratore e diritti del consumatore. I contratti devono sempre essere scritti, con obbligo per la compagnia di assicurazione di consegnarne copia al contraente. Anche durante il rapporto il contraente ha sempre diritto ad averne duplicato, a proprie spese. Il contratto sottoscritto con un'impresa che risulta non autorizzata e' nullo. Non e' invece nullo quando passa da un'impresa ad un'altra per effetto di cessione di portafoglio, fusione, scissione. In questo caso pero' al contraente e' data possibilità di recedere entro 60 giorni (vedi per i dettagli art.168 codice delle assicurazioni). [ ... leggi tutto » ]

Va innanzitutto detto che la compagnia di assicurazione può proporre polizze pluriennali in alternativa a quelle annuali, concedendo in tal caso una riduzione del premio. Nel caso di polizze pluriennali e' importante sapere che la legge interviene sulla possibilità di rescindere in anticipo. In realtà la norma ha subito diverse modifiche e quindi le regole sono diverse a seconda del momento in cui il contratto e' stato stipulato. Per tutti i contratti stipulati a partire dal 15 Agosto del 2009 le polizze pluriennali non possono essere disdette prima di cinque anni. Trascorso il quinquennio, e' possibile rescindere annualmente con [ ... leggi tutto » ]

Cosa rischia il cliente e come agisce la compagnia assicurativa quando il contribuente non paga il premio del contratto di assicurazione contro i danni. Per il codice civile al mancato pagamento di un premio scatta la sospensione della copertura fino alle ore 24 del giorno in cui il premio viene pagato. Se non vengono pagati nemmeno i premi successivi la sospensione dura fino alle ore 24 del quindicesimo giorno dopo la scadenza (del premio). La compagnia di assicurazione puo' ovviamente mettere in atto le azioni di riscossione previste dalla legge, ma se non lo fa entro sei mesi dalla [ ... leggi tutto » ]

I contratti di assicurazione contro i danni sono regolati da alcune particolari disposizioni di legge, che vedremo in questo paragrafo. Innanzitutto, se si manifesta l'evento per cui si e' assicurati di esso va data comunicazione alla compagnia di assicurazione entro massimo tre giorni da quando se ne e' venuti a conoscenza. L'assicurato e' esentato da questo obbligo solo se la compagnia e' intervenuta entro lo stesso termine con operazioni di salvataggio o con una constatazione. Il mancato avviso causa la perdita del diritto al rimborso. Se il rischio oggetto del contratto non esiste o cessa di esistere prima della [ ... leggi tutto » ]

Parliamo ora di alcuni particolari casi di polizze assicurative, inserite nell'ambito delle le assicurazioni contro i danni. Ad esempio, la polizza di tutela legale, fa parte del ramo danni, ed e' quell'assicurazione che copre le spese legali e peritali dell'assicurato nei casi in cui questi si trovi nella situazione di dover difendere i propri interessi in sede giudiziale o extragiudiziale, soprattutto allo scopo di conseguire un risarcimento del danno oppure di difendersi da una domanda di risarcimento avviata nei suoi confronti. Spesso si tratta di una copertura collegata ad altri tipi di assicurazione, e in questi casi, se il [ ... leggi tutto » ]

Le armi a favore del contribuente nei contratti di assicurazione contro i danni: il reclamo alla compagnia assicurativa e la conciliazione obbligatoria. Nel caso di mancato rispetto delle normative e' possibile, come primo passo, inviare alla compagnia di assicurazione un reclamo. Le compagnie devono gestire i reclami secondo i dettami dell'IVASS, organizzando un apposito ufficio. La risposta va fornita entro 45 giorni dall'invio del reclamo , pena l'addebito di sanzioni da parte dell'IVASS. In tutti i casi di mancata o insoddisfacente risposta si può girare il reclamo all'IVASS (istituto di vigilanza) con apertura di un'istruttoria, monitorabile dall'interessato, che dura [ ... leggi tutto » ]

Nei contratti di assicurazione contro i danni la perizia per l’accertamento del danno sospende il termine di prescrizione del diritto all'indennizzo. In tema di assicurazione contro i danni, salvo che l’assicuratore abbia contestato l’operatività della garanzia, la prescrizione del diritto dell’assicurato all'indennità decorre dalla data in cui il diritto stesso puo' essere esercitato e, cioe', dal momento del verificarsi del fatto ovvero, quando le parti abbiano previsto lo svolgimento di una perizia contrattuale per la quantificazione del danno, dal momento della conclusione di tale procedura. Infatti, poiché in caso di affidamento ai periti della quantificazione del danno la prestazione, [ ... leggi tutto » ]

20 febbraio 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il sub agente non comunica l'avvenuto pagamento del premio relativo ad una polizza RC auto, ma rilascia il contrassegno - La compagnia è tenuta comunque a risarcire il terzo danneggiato
Ove sia stata sottoscritta una polizza di assicurazione per la responsabilità civile auto e sia stato rilasciato all'assicurato l'apposito contrassegno (indicativo di una certa decorrenza e durata della garanzia) ma la compagnia assicurativa non abbia ricevuto il premio (o la prima rata di premio) stabilito nel contratto a causa del ...
Contratti di assicurazione con premio rateizzato » Cosa succede dopo la scadenza della rata
Cosa succede quando scade il termine per pagare la rata nei contratti di assicurazione con premio rateizzato? Nei contratti di assicurazione dell'rc auto con rateizzazione del premio, una volta scaduto il termine di pagamento della rata di premio, l'efficacia del contratto resta sospesa a partire dal quindicesimo giorno successivo alla ...
Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni ...
Sinistro stradale e polizza Rc auto » Non va applicato il limite del massimale per danni successivi alla messa in mora della compagnia assicurativa
Assicurazione rc auto ed incidente stradale: il massimale non va applicato per danni successivi alla messa in mora della compagnia assicurativa. In tema di sinistro stradale e polizza rc auto, gli interessi trovano causa distinta e autonoma nel fatto colposo della compagnia in ritardo con il ristoro. Questo, in sintesi, ...
Rc auto: classe di merito resta la stessa? » Compagnia assicuratrice non può aumentare il premio
Polizza rc auto scaduta: la compagnia assicuratrice aumenta il premio anche se la classe di merito è rimasta la medesima dell'anno precedente? L'automobilista ha diritto al risarcimento dei danni. Alla scadenza annuale del contratto assicurativo, la compagnia non può aumentare senza motivo e spropositatamente il premio della polizza rc auto ...

Spunti di discussione dal forum

Sinistro con danni a persone – Assicurazione ritarda a liquidare indennizzo: che fare?
Sono stato coinvolto in un incidente stradale nei primi di luglio: la mia auto è stata completamente distrutta e io ho riportato danni al femore. Già in sede di sinistro era chiara la dinamica: mi erano venuti addosso e non avevo colpa alcuna. Ho aspettato comunque, come da richiesta della…
Incidente come passeggero e veicolo non assicurato – Chi deve risarcirmi?
Il luglio scorso, sono stato coinvolto in un incidente come passeggero, mentre ero in macchina di un mio amico. Ho riportato lesioni alle ginocchia ed un forte trauma cranico. Ironia della sorte, l'autovettura dell'altro conducente era sprovvista di assicurazione. Ora mi chiedo, chi deve risarcirmi per i danni fisici, e…
Sinistro senza assicurazione
A me è purtroppo capitato un sinistro nel periodo nel quale non ero assicurato, ora essendovi la controparte che vuole avere ragione ed essendovi la mia assicurazione che non garantisce chi deve pagare i danni e come fare per opporsi?
Danni da infiltrazioni di un lastrico solare – Chi risarcisce il condominio o il proprietario?
Abito in affitto in un appartamento all'ultimo piano e l' abitazione ha subito danni rilevanti da infiltrazioni di un lastrico solare di proprietà esclusiva del mio padrone di casa. La copertura è però condominiale e quindi padrone di casa ed amministratore del condominio litigano fra loro su chi deve pagare…
Perdita del bagaglio da parte del vettore aereo durante il viaggio di nozze – Posso chiedere il risarcimento danni morali?
Per il mio matrimonio mi è stato regalato, dai miei suoceri, un viaggio di nozze da sogno alle maldive: durante il volo intercontinentale, però, il mio bagaglio è stato smarrito. Mi è stato recapitato, a vacanza terminata, solo dopo 15 giorni dallo smarrimento, in Italia. Durante la luna di miele…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post l'assicurazione contro i danni a tutela del consumatore: l'indagine. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post L'assicurazione contro i danni a tutela del consumatore: l'indagine Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Vuoi fare una domanda?