Rapporto di conto corrente e morte del titolare

Il rapporto di conto corrente, in quanto riconducibile al rapporto di mandato, deve ritenersi automaticamente estinto con il decesso del titolare. Infatti, sebbene la normativa concernente il conto corrente bancario non specifichi gli effetti conseguenti al decesso del titolare, tuttavia, la dottrina e la giurisprudenza prevalenti vedono nel conto corrente bancario un unico contratto innominato misto con prevalenza delle prestazioni tipiche del contratto di mandato.

La morte del mandante, pertanto, costituisce una delle cause di estinzione del mandato e, quindi, a seguito della morte del titolare il conto corrente si estingue.

Conseguentemente, cessato il rapporto di conto corrente a partire dalla data di decesso del de cuius (ovvero da quella in cui tale decesso sia stato comunicato), la banca deve astenersi dal compiere qualsiasi ulteriore operazione come, ad esempio, l’addebito delle rate del prestito concesso al defunto o l’esecuzione di RID.

Se a seguito dell’estinzione del rapporto residua un debito a carico del titolare defunto, questo comporta l’obbligo degli eredi di corrispondere alla banca quanto residua, mentre la banca ha l’obbligo di comunicare tempestivamente l’importo dovutole, affinché si possa procedere alla chiusura definitiva dei rapporti ancora pendenti.

Queste le considerazioni svolte dall’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 1931/14.

9 Luglio 2015 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conto corrente cointestato a firma disgiunta » l'evento morte di uno dei contitolari non porta allo scioglimento del rapporto
In caso di cointestazione del rapporto di conto corrente a firma disgiunta l'evento morte di uno dei contitolari non porta allo scioglimento del rapporto. Il cointestatario superstite può continuare a utilizzare il conto dovendosi riconoscere piena continuità, pure successivamente alla morte di uno dei cointestatari, dell'efficacia del patto di firma disgiunta e quindi della potestà di compiere operazioni disgiuntamente anche oltre le rispettive quote. Pertanto, nel caso di morte del cointestatario la facoltà di disporre del saldo deve essere riconosciuta tanto al contitolare superstite, quanto agli eredi del cointestatario deceduto. La morte di uno dei cointestatari, infatti, non modifica l'obbligazione ...

Conto corrente cointestato a firma disgiunta e morte di uno dei cointestatari
In caso di morte di uno dei cointestatari di un conto corrente con operatività disgiunta, il diritto dell'altro cointestatario di ottenere dalla banca la liquidazione dell'intero saldo attivo del conto è subordinato alla presentazione da parte degli eredi, ai sensi della normativa fiscale, della denuncia di successione. Questa infatti costituisce una condizione in assenza della quale la banca può legittimamente rifiutare il pagamento al cointestatario, pur se questi sia legittimato a esigere la liquidazione della intera somma giacente sul conto corrente. Si tratta di un vincolo di indisponibilità delle somme presenti sul conto corrente cadute nell'asse ereditario, in assenza del ...

Conto corrente e decesso del titolare
Il decesso del titolare di un conto corrente con unico intestatario, o a firma congiunta, dà luogo all'estinzione del rapporto di conto corrente, in quanto riconducibile al rapporto di mandato. Qualora vi sia una pluralità di eredi si instaura la comunione ereditaria con riferimento al credito rappresentato dal saldo attivo del conto corrente ed è necessaria una disposizione congiuntamente impartita da tutti i coeredi per la liquidazione di tale saldo attivo. Infatti, i crediti del de cuius, a differenza dei debiti, non si dividono automaticamente tra i coeredi in ragione delle rispettive quote, ma entrano a far parte della comunione ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rapporto di conto corrente e morte del titolare. Clicca qui.

Stai leggendo Rapporto di conto corrente e morte del titolare Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 9 Luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 24 Maggio 2019 Classificato nella categoria assegni cambiali conti correnti » mini guide Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 6 Giugno 2019 at 15:24

    Mia zia è deceduta, non ha coniuge e nemmeno figli, come parente diretto ha solamente mia madre..
    Sul conto corrente aveva poco più di 5 mila euro (e di cui 2 mila utilizzati per il funerale) e non ha nulla a lei intestato (immobili, titoli ecc).
    Ovviamente la banca si oppone all’accesso da parte di mia madre del conto corrente per poter ritirare il liquido rimanente e conseguentemente far estinguere il conto stesso.

    • Simone di Saintjust 6 Giugno 2019 at 17:21

      La disposizione di cui all’articolo 48 TUS (Testo Unico imposte successioni e donazioni) è una norma, di carattere fiscale e con finalità anti elusive, e prevede che il debitore (la banca) non possa pagare le somme dovute agli eredi se non è stata fornita la prova della presentazione della dichiarazione di successione con l’indicazione dei relativi crediti di titolarità del defunto.

      La richiamata normativa fiscale determina, fino alla presentazione della documentazione successoria, un vincolo di indisponibilità sulle somme nell’asse ereditario.

      Insomma, bisogna presentare dichiarazione di successione e poi esibirla alla banca.

  • Anonimo 14 Dicembre 2018 at 14:00

    Mio padre è deceduto il 23/11/2018,mi sono informata alla sua banca e risulta avere solo i soldi della fattura dell’ Onoranze Funebri. Non possiede altro, neanche immobili. Mi hanno detto che ci vorrà un mese perché inviteranno le carte all’ufficio entrate, in più dovrò pagare 75 euro. Ma io so che con fattura alla mano dovrebbero liquidarmi subito.

    • Ornella De Bellis 14 Dicembre 2018 at 14:59

      Non funziona come lei ritiene di sapere: per consegnare a qualcuno i soldi depositati sul conto corrente del defunto bisogna effettuare la dichiarazione di successione e registrarla all’Agenzia delle entrate, anche se i beni da ereditare non comprendono immobili, se il valore dei beni non superano i 100 mila euro e se il chiamato all’eredità è una figlia. Solo in questo modo la banca può, infatti, conoscere gli eredi che hanno diritto a prelevare i soldi del conto corrente intestato al defunto. In pratica, occorre il certificato di eseguita dichiarazione e di pagamento dell’imposta (nella fattispecie 75 euro), rilasciata dall’Agenzia delle Entrate territorialmente competente, all’interno della quale si possa evincere in modo chiaro il dettaglio dei beni e dei valori dichiarati (tra cui deve, naturalmente, esser presente anche il conto bancario) e chi sono gli eredi legittimati a prelevare la giacenze disponibili sul conto corrente del defunto.

      E’ vero che alcune banche si limitano a chiedere un atto di notorietà o una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: ma siffatta prassi non può, naturalmente, assurgere al rango di legge.