Conto corrente cointestato a firma disgiunta - quando il prelievo si configura come appropriazione indebita

E' configurabile il reato di appropriazione indebita a carico del cointestatario di un conto corrente bancario, il quale, pur se autorizzato a compiere operazioni separatamente, disponga in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito degli altri cointestatari, della somma in deposito in misura eccedente la quota parte da considerarsi di sua pertinenza, in base al criterio stabilito dal codice civile, secondo cui le parti di ciascun cointestatario si presumono, fino a prova contraria, uguali.

Così si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero 29019/14.

In pratica, il cointestatario di un conto corrente a firma disgiunta, che dispone, senza il consenso degli altri cointestatari, delle giacenze del conto corrente per una quota maggiore di quella a lui teoricamente assegnata dal codice civile (il 50% se i cointestatari sono due, il 33,3% laddove ci siano tre cointestatari ecc…) può essere chiamato a rispondere del reato di appropriazione indebita.

Si tratta di una pronuncia che pone dei limiti alla libertà di azione del soggetto cointestatario di un conto corrente bancario o postale e che si discosta dalla giurisprudenza consolidata della Corte di cassazione in tema di conti correnti cointestati con firma disgiunta.

Almeno fino ad aggi, infatti, secondo i giudici di legittimità e gli arbitri bancari, quando il rapporto di conto corrente è intestato a più persone con facoltà di compiere operazioni anche in modo disgiunto, le disposizioni relative al rapporto stesso, anche se relative alla sua estinzione, potevano essere effettuate da ciascun intestatario separatamente, con piena liberazione della Banca anche nei confronti degli altri cointestatari.

Inoltre, nel caso di morte o di sopravvenuta incapacità di agire di uno dei cointestatari del rapporto, ciascuno degli altri cointestatari conservava il diritto di disporre separatamente sul rapporto medesimo. Analogamente lo conservavano gli eredi del cointestatario, che erano però tenuti ad esercitarlo tutti insieme, ed il legale rappresentante dell'interdetto o inabilitato.

15 luglio 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente cointestato a firma disgiunta » l'evento morte di uno dei contitolari non porta allo scioglimento del rapporto
In caso di cointestazione del rapporto di conto corrente a firma disgiunta l'evento morte di uno dei contitolari non porta allo scioglimento del rapporto. Il cointestatario superstite può continuare a utilizzare il conto dovendosi riconoscere piena continuità, pure successivamente alla morte di uno dei cointestatari, dell'efficacia del patto di firma ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Conto corrente cointestato a firma congiunta - La banca deve restituire gli importi prelevati separatamente da uno dei cointestatari
E' corretta la condotta della banca che consente un prelievo sulla base di un'autorizzazione rilasciata da uno solo dei cointestatari di un conto corrente che prevede la necessità della firma congiunta di entrambe i contitolari? Se i cointestatari optano per un regime a firma congiunta del conto corrente, è sicuramente ...
Conto corrente cointestato - firma congiunta o disgiunta delega e pignoramento
Nel caso in cui il conto è intestato a più persone, la possibilità per i cointestatari di compiere operazioni anche separatamente (cosiddetta firma disgiunta) deve essere espressamente prevista dal contratto. Le condizioni contrattuali possono prevedere peraltro l'inversione di tale regola, precisando che in assenza di specifica disposizione deve presumersi che ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Consentire lo svuotamento del conto da parte di uno dei cointestatari può costare caro alla banca
In tema di responsabilità della banca rispetto alla abusiva gestione, da parte di uno dei cointestatari a danno dell'altro, di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, l'ABF ha attribuito rilievo, ai fini dell'obbigo di restituzione imposto alla banca delle somme prelevate, alla circostanza che il prelievo da un conto ...

Spunti di discussione dal forum

Conto corrente cointestato firma disgiunta – Quando c’è appropriazione indebita?
Io e la mia ex compagna, ex conviventi (ci siamo lasciati da poco) avevamo aperto un conto corrente cointestato, a firma disgiunta, sul quale convenivano i nostri due stipendi: lo utilizzavamo per far fronte a spese domestiche ed altri bisogni familiari. Premetto che sul conto vi erano 20.000 euro, accumulati…
Morte cointestatario mutuo e assicurazione vita – Può la banca richiede ancora il pagamento delle rate?
Mio marito è venuto a mancare da qualche mese: eravamo cointestatari di un mutuo ipotecario al 50% con annessa assicurazione vita per entrambi. Le clausole della polizza prevedono che, in caso di morte di uno dei cointestatari, l'assicurazione risarcisca per intero la parte del cointestatario deceduto. Dunque io avrei dovuto…
Può il cointestatario del conto corrente prelevare l’intero saldo disponibile?
Ci sono problemi per il cointestatario se avessi un conto cointestato con mio figlio e lui prelevasse l'intera disponibilità derivante da un bonifico a me intestato. Sarebbe una specie di donazione indiretta? I creditori potrebbero disturbare mio figlio?
Chiusura conto cointestato a firma disgiunta effettuato da uno dei cointestatari
Conto cointestato a firma disgiunta fra me e la seconda moglie di mio padre: casualmente mi accorgo che sul nostro conto corrente sono stati stornati diversi importi pagati ad una finanziara alla quale avevo chiesto un finanziamento con addebito in conto, chiamo in banca e l'impiegato mi dice che il…
Procura su conto corrente
Ho firmato la procura sul conto corrente bancario intestato alla società di mio zio. Volevo sapere se ora sono in qualche modo responsabile in solido anch'io e qual è la differenza tra la procura e firma disgiunta su un conto corrente bancario.

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato a firma disgiunta - quando il prelievo si configura come appropriazione indebita. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente cointestato a firma disgiunta - quando il prelievo si configura come appropriazione indebita Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 15 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Luigi Bianchi 6 febbraio 2015 at 18:17

    Avevo sempre ritenuto la cointestazione a firme disgiunte come una designazione di un ‘alter ego’ cui si dava la piena facoltà di agire. Avevo un conto titoli cointestato con mio zio; nel 1994, tre mesi prima del suo decesso, avevo trasferito tutto su altro conto: una sentenza del 1/2015 mi condanna alla restituzione agli eredi della metà del conto. La sentenza di cui sopra (2014 n.29019) ha valore anche sul mio operato del 1994?
    grazie

    • Annapaola Ferri 6 febbraio 2015 at 20:26

      Ha valore nel senso che l’orientamento indicato dai giudici di legittimità è stato evidentemente seguito proprio dalla Corte che l’ha giudicata.

  • letizia.martines 7 ottobre 2014 at 12:47

    Desideravo sapere se la sentenza 29019/14 ha efficacia retroattiva.

    • Simone di Saintjust 7 ottobre 2014 at 14:11

      Si tratta di una sentenza che interpreta il combinato disposto dagli articoli 1298 e 1854 del codice civile.

      Articolo 1298 – Nei rapporti interni l’obbligazione in solido si divide tra i diversi debitori o tra i diversi creditori, salvo che sia stata contratta nell’interesse esclusivo di alcuno di essi. Le parti di ciascuno si presumono uguali, se non risulta diversamente.

      Articolo 1854 – Nel caso in cui il conto sia intestato a più persone, con facoltà per le medesime di compiere operazioni anche separatamente, gli intestatari sono considerati creditori o debitori in solido dei saldi del conto.

Altre info