Indice del post conto corrente » e' meglio averlo cointestato o separato?

Quando tra due conviventi o coniugi vi è pieno accordo e massima fiducia, potrebbe sembrar quasi ovvio avere un conto corrente bancario cointestato permettendo ad entrambi di poter fare versamenti e soprattutto, prelevamenti con la massima libertà, attingendo all'intero deposito congiunto. Bisogna però essere ben coscienti dei rischi che si possono correre gestendo un conto conto corrente bancario cointestato, specialmente se le somme depositate sono d’ingente entità. E’ stato affermato che, quando il marito (o la moglie) si allontana, magari successivamente allo sperpero del denaro del conto corrente, la banca si rivolge ad entrambi i contestatari del suddetto conto [ ... leggi tutto » ]

Il secondo comma dell'articolo 1298 del Codice Civile, trattando dei rapporti interni tra debitori o creditori solidali, stabilisce che: Le parti di ciascuno si presumono uguali, se non risulta diversamente. Quindi, in linea di massima, quando esiste un conto cointestato a due persone, senza indicazioni delle quote spettanti a ciascun cointestatario, vi è la presunzione legale che il deposito appartenga in misura del 50% ciascuno. Per quanto riguarda l’obbligazione in solido dei due cointestati nei confronti nei confronti della banca, l’articolo 1929 del C.c. recita:l’obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in [ ... leggi tutto » ]

Dal punto di vista giuridico e pratico, quindi, avere conti correnti separati sembra essere la miglior soluzione. In questo modo ognuno dei conviventi sarà libero di versare e prelevare a suo piacimento e gestire i propri risparmi senza interferenza con i risparmi dell'altro convivente. Inoltre, in caso di cessazione della convivenza o,comunque, di disaccordi tra i due partner, ognuno potrà disporre del suo residuo capitale, e comunque non sarà responsabile di eventuali debiti contratti dall'altro convivente. Tenere distinti i rapporti economici più importanti dai rapporti affettivi e sentimentali, non deve essere considerato un segno di sfiducia. Anzi, può rappresentare [ ... leggi tutto » ]

24 agosto 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento del conto corrente cointestato - quando uno solo dei cointestatari è debitore
Molto spesso la banca, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto cointestato al debitore sottoposto ad esecuzione. Ma, il pignoramento sulle somme depositate in un conto corrente bancario cointestato al debitore e ad una persona estranea all'obbligazione, ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Bilanciamento fra esigenze di operatività e di tutela dei cointestatari
L'articolo 1854 del codice civile stabilisce che, nel caso in cui il conto corrente sia intestato a più persone, con facoltà per le medesime di compiere operazioni anche separatamente, gli intestatari sono considerati creditori o debitori in solido dei saldi del conto corrente. L'articolo 1292 del codice civile, nel dettare ...
Conto corrente cointestato » La comproprietà è presunta
Se il conto corrente è cointestato si presume, per legge, la comproprietà delle somme ivi depositate. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 18504/13, ha sancito che: L'articolo 1298 del codice civile stabilisce una presunzione di solidarietà attiva dei cointestatari del conto corrente bancario, salvo ...
Conto corrente cointestato? » Non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito
Il conto cointestato non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà dei soldi depositati. La cointestazione di un conto corrente, infatti, attribuendo agli intestatari la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto sia nei confronti dei terzi, che nei rapporti interni, fa presumere la ...

Spunti di discussione dal forum

Può il cointestatario del conto corrente prelevare l’intero saldo disponibile?
Ci sono problemi per il cointestatario se avessi un conto cointestato con mio figlio e lui prelevasse l'intera disponibilità derivante da un bonifico a me intestato. Sarebbe una specie di donazione indiretta? I creditori potrebbero disturbare mio figlio?
Pignoramento conto cointestato – Come recupera somme il non debitore?
A causa di svariati debiti con creditori, di cui non voglio stare troppo a dilungarmi, mi è stato disposto un provvedimento di pignoramento del conto corrente: lo stesso, però, è cointestato (a firma disgiunta) con la mia attuale compagna, non debitrice. Ora la questione è la seguente: le somme sul…
Conto corrente cointestato, morte di uno dei coniugi ed erede indebitato
Nel caso in cui uno dei due coniugi intestatari di un conto corrente cointestato venga a mancare, può il correntista restante in vita spostare la somma rimanente in un altro conto, per evitare che in fase di successione venga pignorata la quota dell'unico erede (debitore)? Questa operazione può essere annullata…
Debiti del defunto su carta revolving associata a conto corrente cointestato
Mio padre era possessore della normale American Express oro e di quest'altra Blu American Express, entrambe canalizzate nel conto corrente cointestato a mio padre e mia madre. Nella carta blu è rimasto un debito per un fido di circa 3500 euro usato da mio padre che viene addebitato ratealmente ogni…
Vorrei sapere perché la banca nega l’apertura di un conto corrente cointestato con mio figlio
Mi piacerebbe sapere perché una banca nega l'apertura di un conto corrente cointestato con mio figlio: premesso che, sia io che mio figlio siamo già clienti della banca di altri conti correnti intestati singolarmente o cointestati con terzi. Tramite il call center, la banca risponde che la richiesta da me…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post conto corrente » e' meglio averlo cointestato o separato?. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Conto corrente » E' meglio averlo cointestato o separato? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 24 agosto 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca