Indice del post conto corrente » e' meglio averlo cointestato o separato?

Conto corrente cointestato » vantaggi e rischi

Quando tra due conviventi o coniugi vi è pieno accordo e massima fiducia, potrebbe sembrar quasi ovvio avere un conto corrente bancario cointestato permettendo ad entrambi di poter fare versamenti e soprattutto, prelevamenti con la massima libertà, attingendo all'intero deposito congiunto. Bisogna però essere ben coscienti dei rischi che si possono correre gestendo un conto conto corrente bancario cointestato, specialmente se le somme depositate sono d’ingente entità. E’ stato affermato che, quando il marito (o la moglie) si allontana, magari successivamente allo sperpero del denaro del conto corrente, la banca si rivolge ad entrambi i contestatari del suddetto conto [ ... leggi tutto » ]

Conto corrente cointestato » Norme ed Orientamenti giurisprudenziali

Il secondo comma dell'articolo 1298 del Codice Civile, trattando dei rapporti interni tra debitori o creditori solidali, stabilisce che: Le parti di ciascuno si presumono uguali, se non risulta diversamente. Quindi, in linea di massima, quando esiste un conto cointestato a due persone, senza indicazioni delle quote spettanti a ciascun cointestatario, vi è la presunzione legale che il deposito appartenga in misura del 50% ciascuno. Per quanto riguarda l’obbligazione in solido dei due cointestati nei confronti nei confronti della banca, l’articolo 1929 del C.c. recita:l’obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in [ ... leggi tutto » ]

Conti correnti separati o cointestati » Conclusioni

Dal punto di vista giuridico e pratico, quindi, avere conti correnti separati sembra essere la miglior soluzione. In questo modo ognuno dei conviventi sarà libero di versare e prelevare a suo piacimento e gestire i propri risparmi senza interferenza con i risparmi dell'altro convivente. Inoltre, in caso di cessazione della convivenza o,comunque, di disaccordi tra i due partner, ognuno potrà disporre del suo residuo capitale, e comunque non sarà responsabile di eventuali debiti contratti dall'altro convivente. Tenere distinti i rapporti economici più importanti dai rapporti affettivi e sentimentali, non deve essere considerato un segno di sfiducia. Anzi, può rappresentare [ ... leggi tutto » ]

24 agosto 2014 · Andrea Ricciardi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post conto corrente » e' meglio averlo cointestato o separato?. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Conto corrente » E' meglio averlo cointestato o separato? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 24 agosto 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca