Conto corrente cointestato? » Non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito

Il conto cointestato non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà dei soldi depositati.

La cointestazione di un conto corrente, infatti, attribuendo agli intestatari la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto sia nei confronti dei terzi, che nei rapporti interni, fa presumere la contitolarità dell'oggetto del contratto.

Tale presunzione, però, dà luogo soltanto all'inversione dell'onere probatorio, e può essere superata attraverso presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti, dalla parte che deduca una situazione giuridica diversa da quella risultante dalla cointestazione stessa.

Dunque, deve annullarsi la sentenza che riconduce alla cointestazione del conto la donazione del cinquanta per cento delle somme versate nel tempo dal uno dei contitolari sul conto.

Ciò, in quanto l'animus donandi non poteva essere riconosciuto sulla sola base di detta contestazione mentre il giudice avrebbe dovuto invece motivare sullo spirito di liberalità che assisteva ogni versamento.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 809/14.

Essere cointestatari di un conto corrente non configura una donazione indiretta

Il fatto che il marito cointesti alla moglie il conto corrente con cui gestire il risparmio di famiglia non costituisce di per sé la donazione indiretta di metà del denaro che affluisce sulla provvista.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza sopra esaminata.

Moglie vs marito: conto corrente a doppia firma

Arrivando alla fattispecie che ha fatto scaturire la sentenza, a parere del marito, la doppia firma sarebbe stata concessa alla consorte soltanto per consentirle di partecipare alla gestione del risparmio, poichè la provvista era costituita soltanto dai redditi da lavoro dell'uomo. Pertanto, la cointestazione del conto corrente sarebbe stato solo un modo per mettersi al riparo dalle lagne della coniuge.

E gli Ermellini, gli danno ragione: a loro parere la doppia firma sul conto corrente sarebbe troppo poco per configurare una donazione indiretta.

23 gennaio 2014 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Consentire lo svuotamento del conto da parte di uno dei cointestatari può costare caro alla banca
In tema di responsabilità della banca rispetto alla abusiva gestione, da parte di uno dei cointestatari a danno dell'altro, di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, l'ABF ha attribuito rilievo, ai fini dell'obbigo di restituzione imposto alla banca delle somme prelevate, alla circostanza che il prelievo da un conto ...
La mancanza di rapporto diretto tra donante e donatario non assume alcun rilievo preclusivo al sussistere di una donazione indiretta
La donazione indiretta si caratterizza per il fine perseguito e non già per lo strumento negoziale adottato a tal scopo, che dunque può essere costituito da qualunque contratto o da più contratti collegati. Ad esempio, la giurisprudenza ha rinvenuto una donazione indiretta nel collegamento tra contratto preliminare e definitivo di ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Qualora il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti si deve escludere che l'altro cointestatario possa pretenderne una quota
Nel conto corrente bancario intestato a più persone, i rapporti interni tra correntisti, anche aventi facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, sono regolati dal secondo comma dell'articolo 1298 del codice civile, in base al quale debito e credito solidale si dividono in quote uguali solo se non risulti diversamente. Ne consegue ...
Conto corrente cointestato - firma congiunta o disgiunta delega e pignoramento
Nel caso in cui il conto è intestato a più persone, la possibilità per i cointestatari di compiere operazioni anche separatamente (cosiddetta firma disgiunta) deve essere espressamente prevista dal contratto. Le condizioni contrattuali possono prevedere peraltro l'inversione di tale regola, precisando che in assenza di specifica disposizione deve presumersi che ...
Conto corrente cointestato a firma congiunta - La banca deve restituire gli importi prelevati separatamente da uno dei cointestatari
E' corretta la condotta della banca che consente un prelievo sulla base di un'autorizzazione rilasciata da uno solo dei cointestatari di un conto corrente che prevede la necessità della firma congiunta di entrambe i contitolari? Se i cointestatari optano per un regime a firma congiunta del conto corrente, è sicuramente ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato? » non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente cointestato? » Non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 23 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca