Conto corrente cointestato » Divisone 50% somme? Non sempre è vero

In un conto corrente cointestato, non è scontato che le somme contenute siano divise al 50% tra i due cointestatari.

Se un conto corrente bancario è cointestato, le giacenze che esso ospita si presumono appartenenti ai cointestatari in quote eguali; si tratta però di una presunzione vincibile mediante una prova contraria e, in particolare, anche mediante presunzioni gravi, precise e concordanti.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 809/14.

Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, se un cointestatario di un conto corrente rivendica la proprietà del 50% delle somme depositate in banca, l’altro cointestatario può fornire la prova del contrario di ciò, anche con semplici presunzioni, come per esempio gli estratti conto in cui figurano versamenti effettuati solo da questi, per redditi propri, come la pensione o il salario da lavoro dipendente.

Ma partiamo dal principio: a parere dei Giudici di piazza Cavour, il fatto che in un conto corrente cointestato le somme depositate siano divise in parti uguali, è una mera presunzione.

Per dimostrare il contrario, è necessario fornire una prova per dimostrare che in realtà le cose stanno in modo diverso e che le giacenze, in realtà, sono di proprietà di uno solo dei cointestatari.

Secondo quanto affermato dagli Ermellini, non è indispensabile una vera e propria prova, ma la dimostrazione dell’esclusività della titolarità dei soldi depositati può essere data con presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti.

Una prova evidente della non contitolarità delle somme in giacenza sul conto corrente cointestato può essere, ad esempio, quella che può essere offerta nel caso in cui uno solo dei cointestatari abbia provveduto ad alimentare il conto con proprio versamenti o accrediti di pensione o emolumenti.

Inoltre una presunzione grave, precisa e concordante di non titolarità si può avere nel caso nel quale uno dei cointestatari sia privo di redditi e non abbia mai avuto un proprio patrimonio.

15 Ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conto corrente cointestato » La comproprietà è presunta
Se il conto corrente è cointestato si presume, per legge, la comproprietà delle somme ivi depositate. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 18504/13, ha sancito che: L'articolo 1298 del codice civile stabilisce una presunzione di solidarietà attiva dei cointestatari del conto corrente bancario, salvo prova contraria. L'inversione dell'onere della prova può essere fornita anche per presunzioni. A parere degli Ermellini, quindi l'articolo 1298 del codice civile è da leggere in correlazione con l'articolo 1854 dello stesso, e stabilisce una presunzione di solidarietà attiva dei cointestatari del conto corrente bancario in ordine all'oggetto del contratto, ...

Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari hanno facoltà di compiere operazioni anche separatamente. Ne deriva che la banca, presso la quale viene intrattenuto il rapporto di conto corrente cointestato con firme disgiunte dei contitolari, non potrebbe rifiutarsi di dar seguito all'ordine impartito da uno di questi. Tuttavia, il discorso è diverso quando si affronta il problema ...

Conto corrente cointestato a firma congiunta - La banca deve restituire gli importi prelevati separatamente da uno dei cointestatari
E' corretta la condotta della banca che consente un prelievo sulla base di un'autorizzazione rilasciata da uno solo dei cointestatari di un conto corrente che prevede la necessità della firma congiunta di entrambe i contitolari? Se i cointestatari optano per un regime a firma congiunta del conto corrente, è sicuramente illegittima la condotta della banca che abbia dato corso all'operazione di prelievo sulla base di un'autorizzazione sottoscritta da uno solo dei cointestatari a firma congiunta, dal momento che questi non avrebbe potuto efficacemente autorizzare alcunché, se non con il concorso della volontà dell'altro contitolare. L'articolo 1854 del codice civile, infatti, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato » divisone 50% somme? non sempre è vero. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente cointestato » Divisone 50% somme? Non sempre è vero Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 15 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)