Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Qualora il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti si deve escludere che l'altro cointestatario possa pretenderne una quota

Nel conto corrente bancario intestato a più persone, i rapporti interni tra correntisti, anche aventi facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, sono regolati dal secondo comma dell'articolo 1298 del codice civile, in base al quale debito e credito solidale si dividono in quote uguali solo se non risulti diversamente.

Ne consegue che, qualora il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti, si deve escludere che l'altro possa, nel rapporto interno, avanzare diritti sul saldo medesimo. Peraltro, pur ove si dica insuperata la presunzione di parità delle parti, ciascun cointestatario, anche se avente facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, nei rapporti interni non può disporre in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito dell'altro, della somma depositata in misura eccedente la quota parte di sua spettanza, e ciò in relazione sia al saldo finale del conto, sia all'intero svolgimento del rapporto.

Insomma, la mera cointestazione di un conto corrente o di titoli anche a firme disgiunte, non integra di per sé un atto di liberalità a favore del cointestatario. Infatti, la cointestazione di un conto corrente ad uso esclusivo che attribuisce agli intestatari la qualità di creditori o di debitori solidali dei saldi del conto fa sì presumere, sia nei confronti dei terzi che nei rapporti interni, la contitolarità dell'oggetto del contratto ma non è prova definitiva di aver posto in essere con tale atto una donazione indiretta.

Dunque, la cointestazione di un conto corrente bancario autorizza ciascuno degli intestatari al relativo prelievo, ovvero al compimento di tutte le operazioni consentite sul conto, ma non attribuisce al medesimo cointestatario, che sia consapevole dell'appartenenza ad altri delle somme risultanti a credito, il potere di disporne come proprietario.

Infine, la presunzione di eguaglianza delle quote di ciascuno dei cointestatari di un conto corrente (articolo 1298 codice civile, secondo comma) può essere vinta non già con la mera dimostrazione di avere avuto la disponibilità del danaro immesso nel conto, ma con la precisa dimostrazione che il titolo di acquisizione di quel danaro rendeva destinatario dello stesso, in via esclusiva, il solo soggetto che poi lo ha versato sul conto cointestato.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 77/2018.

8 gennaio 2018 · Simonetta Folliero

Argomenti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato a firma disgiunta - qualora il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti si deve escludere che l'altro cointestatario possa pretenderne una quota. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Qualora il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti si deve escludere che l'altro cointestatario possa pretenderne una quota Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 8 gennaio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 8 gennaio 2018 Classificato nella categoria assegni cambiali conti correnti » mini guide Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 12 marzo 2019 at 16:18

    conto corrente cointestato.
    il papà vedovo, del mio compagno ha cointestato insieme alla convivente (non sono sposati) il suo conto corrente postale, dove fa confluire la pensione ed altri introiti (affitti d’immobili) .
    il mio compagno è figlio unico e teme che la convivente possa approfittare della situazione impossessandosi di tutto il denaro al decesso del padre.
    e’ un timore fondato? ci potrebbe essere questa opportunità?
    il padre fra l’altro ha tenuto nascosto il fatto di aver cointestato il conto corrente poiché figlio e convivente non sono in buoni rapporti.
    grazie e cordiali saluti

    • Ludmilla Karadzic 12 marzo 2019 at 17:50

      Situazione classica e frequente, purtroppo, specie quando la convivenza non può definirsi propriamente dettata da sentimenti d’amore: comunque, è vero, il cointestatario a firma disgiunta (la compagna del papà vedovo) può svuotare il conto corrente ed appropriarsi di tutta la liquidità, in qualsiasi momento. Certo l’altro cointestatario del conto corrente, il papà vedovo (o l’erede) può dimostrare che la disponibilità in conto corrente era riconducibile esclusivamente alle rimesse del pensionato e citare in tribunale, per appropriazione indebita, la compagna del papà vedovo. Ma, ormai, il danno sarà fatto e riavere indietro il maltolto una missione quasi impossibile.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca