Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Delega ad un terzo

E’ legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente?

Com’è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari hanno facoltà di compiere operazioni anche separatamente. Ne deriva che la banca, presso la quale viene intrattenuto il rapporto di conto corrente cointestato con firme disgiunte dei contitolari, non potrebbe rifiutarsi di dar seguito all’ordine impartito da uno di questi.

Tuttavia, il discorso è diverso quando si affronta il problema del conferimento ad un soggetto terzo della delega ad operare e disporre relativamente ad un conto corrente cointestato, seppure a firma disgiunta. A tal proposito, va rilevato che le condizioni generali del contratto tipo di conto corrente prevedono che la delega debba essere conferita da entrambi i contitolari del rapporto. Ne deriva che la delega posta in essere da uno solo dei due cointestatari non può dirsi valida, con conseguente inesistenza del conferimento del potere rappresentativo. Pertanto tutti gli importi prelevati dal terzo, privo di valida delega, devono essere restituiti dalla banca alla disponibilità in conto corrente.

In questi termini si è espresso l’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 4334/13.

26 Settembre 2014 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conto corrente cointestato - firma congiunta o disgiunta delega e pignoramento
Nel caso in cui il conto è intestato a più persone, la possibilità per i cointestatari di compiere operazioni anche separatamente (cosiddetta firma disgiunta) deve essere espressamente prevista dal contratto. Le condizioni contrattuali possono prevedere peraltro l'inversione di tale regola, precisando che in assenza di specifica disposizione deve presumersi che il conto sia a firma disgiunta. Quanto agli effetti dell'esecuzione forzata sui rapporti di conto corrente cointestati, il pignoramento sulle somme depositate in un conto corrente bancario, cointestato al debitore e ad altra persona, non può riguardare l'intero ammontare del denaro depositato. Anche in ipotesi di cointestazione con firma disgiunta, ...

Conto corrente cointestato a firma disgiunta » l'evento morte di uno dei contitolari non porta allo scioglimento del rapporto
In caso di cointestazione del rapporto di conto corrente a firma disgiunta l'evento morte di uno dei contitolari non porta allo scioglimento del rapporto. Il cointestatario superstite può continuare a utilizzare il conto dovendosi riconoscere piena continuità, pure successivamente alla morte di uno dei cointestatari, dell'efficacia del patto di firma disgiunta e quindi della potestà di compiere operazioni disgiuntamente anche oltre le rispettive quote. Pertanto, nel caso di morte del cointestatario la facoltà di disporre del saldo deve essere riconosciuta tanto al contitolare superstite, quanto agli eredi del cointestatario deceduto. La morte di uno dei cointestatari, infatti, non modifica l'obbligazione ...

Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Consentire lo svuotamento del conto da parte di uno dei cointestatari può costare caro alla banca
In tema di responsabilità della banca rispetto alla abusiva gestione, da parte di uno dei cointestatari a danno dell'altro, di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, l'ABF ha attribuito rilievo, ai fini dell'obbigo di restituzione imposto alla banca delle somme prelevate, alla circostanza che il prelievo da un conto corrente cointestato a firma disgiunta fosse stato realizzato mediante un'unica operazione; sostanzialmente azzerando le disponibilità del conto, da un soggetto che non aveva sino ad allora operato e che aveva poi versato l'importo su altro conto corrente presso il medesimo istituto. Quello che segue, il ragionamento logico giuridico che ha ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato a firma disgiunta - delega ad un terzo. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Delega ad un terzo Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 26 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria assegni cambiali conti correnti » mini guide Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 21 Gennaio 2019 at 11:11

    Conto corrente cointestato a firma disgiunta. La delega a un terzo può essere conferita solo congiuntamente.

    È chiara la responsabilità della banca nel caso in cui la delega è conferita da uno solo dei cointestatari.

    Sono un erede, ho rilevato,dopo la morte di mio padre (23/12/2017), che mia madre ha sottoscritto una delega a mio fratello nel 2013.
    Dagli estratti conto, dal 2013 al 2016 risultano mensilmente operazioni di prelievo, operazioni di versamenti di assegni intestati a mia madre e contestuali prelevamenti, numerose operazioni di addebito di F24 per pagamento di imposte di mia madre.

    Sono certa, ma naturalmente chiederò a prova documentazione alla banca, che tali numerose operazioni sono state effettuate allo sportello dal falsus procurator.

    Posso agire con reclamo ed eventuale ricorso in qualità di erede invocando la responsabilità della banca per inesistenza del potere rappresentativo?

    • Ornella De Bellis 21 Gennaio 2019 at 11:39

      In virtù dei principi in tema di rappresentanza negoziale, ed in conformità con le disposizioni tipo contenute nelle condizioni generali di contratto di conto corrente, secondo le quali la delega deve essere conferita da entrambi i contitolari del rapporto, la delega posta in essere da uno solo dei due cointestatari non è valida, con conseguente inesistenza del conferimento del potere rappresentativo. Ne deriva, pertanto, che gli atti posti in essere dal falsus procurator devono considerarsi privi di effetti giuridici.

      Pertanto può agire con reclamo nei confronti della banca: in assenza di risposta entro 30 giorni dalla notifica del reclamo alla banca, oppure in caso di risposta ritenuta non soddisfacente pervenuta prima del decorso di 30 giorni dalla data di notifica alla banca, può adire, in prima battuta, l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) e successivamente, se necessario, il giudice ordinario.

      Per il ricorso all’ABF non è necessaria l’assistenza tecnico legale, la procedura può essere attivata online e il suo costo è molto contenuto (20 euro).