Conti dormienti estinti – La qualificazione di conto dormiente

Il Ministero aveva altresì precisato che la qualificazione come “dormiente” di un determinato conto non pregiudicava il diritto alla restituzione al titolare: quest’ultimo avrebbe potuto richiedere la restituzione delle relative somme o alla Banca o all'Intermediario presso cui risultava sussistere il rapporto. Oppure  direttamente al MEF, entro il normale termine prescrizionale, nel caso in cui i relativi importi fossero già stati trasferiti dalla Banca o dall'Intermediario al relativo Fondo.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze non aveva però definito il provvedimento attuativo con le procedure attraverso le quali gli aventi diritto potevano rivendicare le somme devolute al fondo entro i dieci anni dall'avvenuto trasferimento. Lasciando nel panico e nell'incertezza migliaia di correntisti e di titolari di libretti di risparmio.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Rosaria Proietti 28 aprile 2012 at 12:03

    I titolari (o anche i loro delegati, compresi gli eredi) di un rapporto non “risvegliato” nei termini, quindi classificato come “conto dormiente estinto”, e come tale devoluto al Fondo per il risarcimento delle vittime dei crack finanziari (Cirio, Parmalat, bond argentini) potranno, finalmente, rivendicare il diritto di credito sulle somme trasferite e rimpossessarsi così dei propri averi.

  • marianna 5 settembre 2011 at 13:18

    Salve vorrei sapere se per riscuotere un credito dormiente necessitano tutti gli eredi?

  • Emanuele Albanese 12 luglio 2011 at 09:33

    Buongiorno, ho trovato tra la documentazione di mia madre un libretto di Piccolo Risparmio Nominativo con su versate 3000 lire il 22/12/1965 ed a me intestato.
    Il mio avvocato ha inviato una raccomandata al Banco di Napoli, alcuni mesi fa, per avere notizie a tal proposito, ma come immaginabile al momento non abbiamo ricevuto notizie.
    Vorrei cortesemente sapere cosa fare per poter rientrae in possesso di quanto in argomento.
    Fiducioso Vi saluto cordialmente .
    emanuele albanese

    • dott. Emanuele Perrotta 12 luglio 2011 at 10:43

      Ciao Emanuele. Personalmente non credo sia possibile recuperare le somme versate, data per certa la prescrizione decennale. Tuttavia, ti suggerisco di inserire comunque la tua domanda nella sezione debiti del forum. Potrebbe esserci, lo spero per te, una voce più autorevole della mia che magari asserisca (e documenti) il contrario.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca