Contenzioso tributario - Il diniego di autotutela può essere impugnato solo per vizi propri

L'istanza di sgravio in autotutela, in ogni caso, non sospende i termini per la presentazione di un eventuale ricorso giudiziale. Pertanto, se il rigetto dell'istanza in autotutela dell'amministrazione viene notificato una volta decorsi i termini per l'impugnazione giudiziale dell'atto, non è più possibile contestare il merito della pretesa tributaria.

Infatti, la giurisdizione tributaria è una giurisdizione che abbraccia qualunque atto rappresentativo di una pretesa tributaria ad eccezione di quelli che appartengono alla fase dell'esecuzione: pertanto, anche il diniego di autotutela è suscettibile di essere opposto avanti al giudice tributario. Tuttavia, il diniego di autotutela è impugnabile solo per vizi propri.

In altre parole, il giudice adito per l'impugnazione del diniego di autotutela deve limitarsi ad effettuare un controllo inteso a verificare che l'esercizio di detto potere sia avvenuto correttamente ovvero in adesione alle norme che ne disciplinano l'esercizio, sicché non è consentito al giudice investito dell'opposizione sostituirsi alla pubblica amministrazione nel giudizio di discrezionalità, ad esempio, revocando un atto impositivo non più opponibile.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 23765/15.

25 novembre 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contenzioso tributario - il diniego di autotutela può essere impugnato solo per vizi propri. Clicca qui.

Stai leggendo Contenzioso tributario - Il diniego di autotutela può essere impugnato solo per vizi propri Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 25 novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di fisco tributi e contributi Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca