Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore

Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore

In tema di prova del credito fornita da un istituto bancario, va distinto l’estratto di saldaconto (che consiste in una dichiarazione unilaterale di un funzionario della banca creditrice accompagnata dalla certificazione della sua conformità alle scritture contabili e da un’attestazione di verità e liquidità del credito), dall’ordinario estratto conto, che è funzionale a certificare le movimentazioni debitorie e creditorie intervenute dall’ultimo saldo, con le condizioni attive e passive praticate dalla banca.

Mentre il saldaconto riveste efficacia probatoria nel solo procedimento per decreto ingiuntivo eventualmente instaurato dall’istituto, l’estratto conto, trascorso il previsto periodo di tempo dalla sua comunicazione al correntista, assume carattere di incontestabilità ed è, conseguentemente, idoneo il solo a fungere da prova nell’eventuale successivo giudizio contenzioso instaurato dal cliente.

In altre parole, una volta conclusasi la fase monitoria che si conclude con l’emissione del decreto ingiuntivo e avviato dal cliente un giudizio di cognizione piena in opposizione al decreto ingiuntivo della banca, spetta a quest’ultima l’onere di produrre gli estratti conto a partire dall’apertura del conto corrente anche oltre il decennio (cosiddetto estratto conto zero), non potendosi confondere l’obbligo di conservazione della documentazione contabile con l’onere di fornire la prova in giudizio del proprio credito. Soltanto attraverso gli estratti conto, infatti, è possibile ricostruire i rapporti dare e avere tra le parti ed in loro assenza il decreto ingiuntivo deve essere revocato.

Soltanto la produzione degli estratti conto consenta, infatti di pervenire, attraverso l’integrale ricostruzione del dare e dell’avere con l’applicazione del tasso legale, alla determinazione del debito o del credito della banca. Al medesimo risultato non si può invece pervenire sulla base del saldo registrato alla data di chiusura del conto e della documentazione relativa all’ultimo periodo del rapporto, dal momento che quest’ultima non consente di verificare gli importi addebitati nei periodi precedenti per operazioni passive e quelli relativi agli interessi, la cui iscrizione nel conto ha condotto alla determinazione dell’importo che costituisce la base di computo per il periodo successivo.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione con la sentenza 18541/13, richiamando precedenti giurisprudenziali quali cassazione sentenze 14234/2003 nonché 23974/2010, 10692/2007 e 13693/2016.

1 Gennaio 2019 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Banca notifica decreto ingiuntivo a debitore per scoperto su conto corrente? » Deve produrre in causa estratti conto
Banca notifica al proprio cliente decreto ingiuntivo per scoperto su conto corrente: qualora il debitore presenti l'opposizione all'atto, l'istituto di credito non solo deve produrre in causa gli estratti conto, ma dare anche prova di averli, di volta in volta, comunicati al cliente. Mettiamo il caso che un istituto di credito notifichi, al proprio cliente, un decreto ingiuntivo a causa di uno scoperto sul conto corrente. Qualora il debitore proponga opposizione davanti al tribunale, sollevando eccezioni per l'applicazione di tassi usurari, anatocismo bancario o conteggi non esatti, la banca, per poter vincere la causa, è tenuta a produrre i singoli ...

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e non sia stato in grado di proporre una tempestiva opposizione. Tale prova deve considerarsi raggiunta ogni qualvolta sia da ritenere che l'atto non sia pervenuto tempestivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario. Ove il creditore procedente intenda contestare la tempestività dell'opposizione tardiva in relazione alla irregolarità della notifica al debitore, ...

Pignoramento » Il solo saldaconto non è sufficiente per ottenere il decreto ingiuntivo
In caso di mancato pagamento di mutui o finanziamenti i decreti ingiuntivi ottenuti dalle banche per arrivare ad un pignoramento possono essere nulli e impugnati. Ciò, perché, il cosiddetto estratto dei saldaconti non è sufficiente per ottenere il decreto monitorio. Il decreto ingiuntivo emesso solo sulla base dell'estratto dei saldaconti, infatti, è invalido in quanto fondato su prova scritta inidonea a documentare il titolo giustificativo del credito. Infatti, costituisce prova scritta ai fini del predetto decreto, in materia bancaria, l'estratto analitico dei conti dall'apertura della linea di credito alla pretesa da parte della banca, che invece su tale prova può ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contenzioso fra banca e cliente presunto debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 1 Gennaio 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 28 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)