Indice del post cartelle esattoriali - a chi e come rivolgersi per un contenzioso

Per chi voglia intraprendere un ricorso, o contenzioso, per un atto della riscossione o una o più cartelle esattoriali, vi spieghiamo come muoversi e a chi rivolgersi. È possibile proporre ricorso dinanzi all'autorità giudiziaria competente contro un atto della riscossione, qualora si ritenga che abbia vizi formali o sostanziali. Con particolare riferimento alla cartelle esattoriali, i possibili vizi formali sono, a titolo esemplificativo: vizio di notifica; carenza e/o mancanza di motivazione; omessa indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notificazione della cartella; omessa sottoscrizione del ruolo. Il contribuente che intenda [ ... leggi tutto » ]

I ritenuti vizi formali delle cartelle esattoriali, come per esempio quelli relativi alla sua notifica, devono essere contestati, invece, all'agente della riscossione, essendo riconducibili a una sua attività tipica. Vizi sostanziali sono, a titolo esemplificativo: omessa notifica degli atti precedenti al ruolo; decadenza della pretesa creditoria; prescrizione della pretesa creditoria; erronea iscrizione a ruolo. Il contribuente che intenda contestare la pretesa per vizi sostanziali deve rivolgere le relative eccezioni nei confronti dell'ente creditore che ha formato il titolo, cioè il ruolo e che, pertanto, è il solo a poter contraddire in giudizio in ordine a tale circostanza. Di seguito [ ... leggi tutto » ]

Quando Equitalia avvia la fase esecutiva il debitore ha la possibilità di rivolgersi all'autorità giudiziaria (in questo caso il giudice dell’esecuzione), proponendo diversi tipi di opposizione. Ad esempio: un’opposizione all’esecuzione (art. 615 c.p.c.), al fine di contestare il diritto del creditore a procedere all'esecuzione forzata, ad esempio per intervenuta prescrizione del credito (senza termine); un’opposizione agli atti esecutivi (art. 617 c.p.c.), al fine di contestare la regolarità formale del titolo esecutivo o della sua notificazione e quella dei singoli atti esecutivi (nel termine di 20 giorni dalla notifica dell’atto che si vuole impugnare). Ai sensi dell’art. 57 del DPR [ ... leggi tutto » ]

27 ottobre 2016 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale per contributi previdenziali - termini per il ricorso e fatti estintivi
In materia di cartelle esattoriali aventi ad oggetto contributi previdenziali si riporta l'orientamento del Tribunale di Roma, sezione lavoro, espresso con la recentissima sentenza del 9 febbraio 2012. Il vigente sistema di tutela giurisdizionale per entrate relative a contributi previdenziali (ed in genere per quelli non tributari) prevede le seguenti ...
Cartelle esattoriali originate da multe » Si al ricorso per sollecito di pagamento
Chiunque riceva solleciti di pagamento per cartelle esattoriali originate da multe per il codice della strada non pagate può ancora presentare ricorso presso il giudice di pace e sperare nell'annullamento dell'intero debito maturato verso la pubblica amministrazione. Il ricorso, infatti, può essere proposto non solo nei confronti della cartella di ...
Riscossione coattiva esattoriale - Opposizione agli atti esecutivi ed opposizione all'esecuzione
Nell'ambito del procedimento di riscossione coattiva esattoriale, al fine di valutare se esperire opposizione all'esecuzione ovvero opposizione agli atti esecutivi, vanno considerati i motivi dell'opposizione. I rimedi di opposizione proponibili avverso la cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative pecuniarie sono l'opposizione all'esecuzione ex articolo 615 codice procedura ...
Differenza fra opposizione ad esecuzione ed opposizione agli atti esecutivi
Il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) e l'opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile) si individua considerando che con l'opposizione all'esecuzione si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del ...
Debiti di natura tributaria - dall'accertamento al pignoramento
In generale, per debiti di natura tributaria (laddove il creditore è l'Agenzia delle entrate o il Comune) esiste una prima fase di attività in cui l'ufficio preposto alla riscossione accerta l'insufficiente o omesso pagamento del tributo stesso. Viene quindi notificato al debitore un atto di accertamento che giustifica e motiva ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post cartelle esattoriali - a chi e come rivolgersi per un contenzioso. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Cartelle esattoriali - A chi e come rivolgersi per un contenzioso Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 27 ottobre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali » mini guide Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca