Consumatori: diritti e doveri » La gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Diritti e doveri dei consumatori: Ci stiamo adeguando all'Europa sulla gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) adattandoci ad un'apposita direttiva emanata dall'Ue. La nuova normativa è simile a quella antecedente, con l'aggiunta di alcune piccole novità. Eccone i punti fondamentali.

Gli apparecchi elettrici ed elettronici, come cellulari, elettrodomestici, lampade, televisori, giocattoli elettrici e, più in generale, tutte quelle apparecchiature alimentate dalla corrente elettrica, non possono essere smaltiti come normali rifiuti urbani.

Pertanto, i consumatori hanno diverse possibilità per liquidarli.

La prima opzione è di portarli presso appositi centri di raccolta o nelle isole ecologiche predisposte dal Comune.

Sussiste anche la possibilità di richiedere, di solito tramite numero verde, il ritiro a domicilio (se previsto), organizzato dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti.

Ultima alternativa è quella di consegnarli al rivenditore da cui si acquista un bene della stessa tipologia, che ha l'obbligo di ritirarlo gratuitamente.

I rivenditori, infatti, hanno il dovere di assicurare il ritiro gratuito dell'apparecchiatura usata quando se ne acquista una nuovo.

Inoltre, gli stessi, hanno l'obbligo di informare i consumatori sulla gratuità del ritiro, anche tramite avvisi posti nei locali commerciali con caratteri oppure mediante indicazione sul proprio sito internet.

Qualunque commerciante non rispetti queste regole è soggetto a una sanzione pecuniaria da 150 a 400 euro per ogni apparecchio che si rifiuta di ritirare o che ritira dietro pagamento di una somma di denaro.

Come sempre, per quanto riguarda i consumatori, l'abbandono di rifiuti espone ad una sanzione pecuniaria da 300 a 3.000 euro, aumentata fino al doppio in caso di rifiuti pericolosi, oltre a quelle eventualmente previste dai regolamenti comunali per lo scorretto smaltimento.

Fino a questo punto la disciplina non cambia da quella precedentemente in vigore.

Veniamo ora agli aggiornamenti.

D'ora in poi, i rivenditori di grosse dimensioni, con superficie di vendita di almeno 400 mq, dovranno ritirare gratuitamente gli elettrodomestici usati di piccolissime dimensioni, fino a 25 cm, anche in assenza dell'acquisto di un nuovo apparecchio da parte del cliente.

Questo sistema, denominato uno contro zero, ovvero lascio uno e compro zero, sarà invece facoltativo per i negozi di dimensione ridotta.

Le modalità di questa pratica saranno descritte in apposito decreto del Ministero dell'Ambiente.

13 maggio 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Consumismo responsabile - Scegliere con cura ed attenzione gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche
Il consumo di elettricità - e di acqua - può variare considerevolmente da un apparecchio all'altro. È dunque meglio studiare attentamente i propri acquisti, guardando in particolare l'etichetta Energia. Per limitare le spese e risparmiare le risorse, si dovrà anche prestare attenzione a tutti i consumi "nascosti" (modalità "attesa" e ...
Smaltimento rifiuti elettronici in negozio » Questa ed altre novità sul RAEE
Per quanto riguarda lo smaltimento rifiuti elettronici ed elettrici (RAEE) ci sono interessanti novità in vista: infatti, sarà infatti possibile liberarsene a costo zero: come? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. A partire dal 22 luglio 2016 entra in vigore il DM 121 del 31/06/2016, GU del 7 luglio 2016 n. 157, ...
Contributo RAEE » Come sbarazzarsi gratis degli apparecchi inusati
Come disfarsi gratis e legalmente della vecchia tv, frigorifero, lavatrice e di tutti gli apparecchi obsoleti? Non in molti sanno che quando si acquista un nuovo elettrodomestico, il rivenditore è obbligato per legge a ritirare gratuitamente quello vecchio di cui ci si deve disfare, indipendentemente dal fatto che l'apparecchio obsoleto ...
Tutela consumatori » Acquisti in stand? Non si applica la tutela prevista dal codice del consumo a beneficio di chi acquista fuori dai locali commerciali
Comprare allo stand è come comprare in negozio: per i consumatori non non si applica la tutela prevista dal codice del consumo a beneficio di chi acquista fuori dai locali commerciali. Non si applica la disciplina prevista dal d. lgs. n. 55/1992 a tutela del consumatore in caso di contratto ...
Non assoggettabilità TARSU e inidoneità a produrre rifiuti? La prova spetta al contribuente
La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di un contribuente che sosteneva la non soggettività TARSU di propri locali adibiti a uso autorimessa perché inidonei a produrre rifiuti. I giudici hanno argomentato che “il presupposto della tassa di smaltimento dei rifiuti ordinari solidi urbani, secondo il decreto legislativo 15 ...

Spunti di discussione dal forum

Prossima locazione – come sanare il mancato pagamento dei servizi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani
Nel 2006 ho acquistato un mini appartamento a Treviso: dopo l'acquisto di questa casa per anni non ho mai pagato i rifiuti, nella convinzione (errata!) che avere la casa a disposizione (ma arredata e con le utenze allacciate) mi esonerasse da tale obbligo. Da qualche anno ho locato con contratti…
Tassa rifiuti – non abbiamo dichiarato l’inizio occupazione
Dal 2001 con mia moglie abbiamo preso in affitto un'appartamento nel quale tuttora viviamo, non essendo a conoscenza che stava a noi dichiarare al comune l'occupazione dell'abitazione, non lo abbiamo mai fatto e di conseguenza fino ad oggi non ci è mai stata notificata alcuna tassa sui rifiuti e nessun…
Tassa rifiuti solidi urbani
Mia madre é proprietaria di una seconda casa al mare a in un paese in provincia di Viterbo fin dal 1970. Fino all'anno scorso era lei che si occupava di tutto quanto c'era da pagare inteso come tasse. Purtroppo ora a seguito di una malattia non è più in grado…
Quale normativa in vigore sulla prescrizione della tassa di smaltimento rifiuti?
In data 14/09/2017 ho ricevuto un intimazione di pagamento dalla Soget spa per mancato pagamento cartelle relative allo smaltimento rifiuti del comune di Taranto per gli anni dal 2002 al 2009. Sul prospetto per ogni anno è indicato il numero di cartella con la data della notifica: per il 2002…
Mancato pagamento tassa rifiuti
Ho ereditato nel 2015 da mia madre un appartamento 50 mq, un garage 24 mq e un negozietto 10 mq a Bologna: mi sono reso conto che per l'appartamento è sempre stata pagata la tassa dei rifiuti mentre per il negozio (non è collegato a nessuna utenza gas luce) e…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su consumatori: diritti e doveri » la gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Clicca qui.

Stai leggendo Consumatori: diritti e doveri » La gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 13 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo, vizi della cosa venduta garanzie e recesso - consumismo responsabile Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?