Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno

Ah, le rate di fine mese! Quante sono le famiglie italiane che mensilmente fanno i conti con i debiti da pagare? Il mutuo, l'automobile, ma anche il televisore o più banalmente l'ultima settimana di vacanza in montagna. Piccoli e grandi prestiti che si sommano a fine mese in altrettanto piccole o grandi rate e interessi da pagare. Chi almeno per una volta non si è lasciato tentare infatti da promozioni come "acquisti oggi paghi domani", "compri a rate", "acquisti a tasso zero"? Ma tra un finanziamento e l'altro si può correre il rischio di sottostimare il peso dei debiti accumulati e non riuscire a fine mese a far fronte ai pagamenti.

Non tutti sanno che esiste un modo per tenere sotto controllo le spese rateali e ridurre anche il peso da pagare. La pratica, già molto diffusa all'estero ed ormai offerta anche da molte finanziarie e banche italiane, prende il nome di prestito di consolidamento. L'operazione, molto semplicemente, estingue i singoli debiti contratti nel tempo con più istituti creditizi, unificando tutte le rate in un unico rimborso mensile. Più si allunga la durata del nuovo finanziamento, più si può abbattere la rata mensile. Al tempo stesso però, attenzione, gli interessi da pagare aumentano.

I tassi medi applicati sui prestiti di consolidamento infatti sono più onerosi rispetto alla media dei prestiti finalizzati: i più competitivi si aggirano intorno al 10%.

Tuttavia questo potrebbe essere un buon momento per consolidare.Trattandosi di prestiti a tasso fisso infatti, nella maggior parte dei casi chi ha contratto debiti negli ultimi tre anni, lo ha fatto ad un tasso più alto rispetto a quello proposto attualmente.

Un'altra opzione poi è a disposizione di chi ha una casa di proprietà. In questo caso si può ricorrere ad un mutuo di consolidamento, che gode di tassi intorno al 5-6%, grazie alla garanzia data dall'immobile.

Ma i calcoli vanno fatti caso per caso, questo risparmio infatti va mediato con i maggiori costi che l'apertura di un mutuo di consolidamento comporta rispetto ad un prestito dello stesso tipo.

Per porre una domanda sul consolidamento debiti, sul mutuo di consolidamento, sui debiti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

20 agosto 2013 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno. Clicca qui.

Stai leggendo Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 20 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria consolidamento ristrutturazione del debito Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • nunzia salmoiraghi 12 gennaio 2010 at 11:53

    Se hai bisogno di una liquidità di almeno 40.000 euro, il consiglio è quello di chiedere un mutuo per liquidità.

    Se hai una casa di tua proprietà e hai dei progetti da concretizzare o debiti da consolidare,il mutuo per liquidità può darti una mano.

    Infatti puoi richiedere questa forma di finanziamento fino al 60% del valore dell’immobile da ipotecare.

    L’ammortamento va da 5 a 20 anni con rimborso rateale mensile.

    SOGGETTI FINANZIABILI
    Lavoratori dipendenti e autonomi.

    IMPORTO
    Un mutuo per liquiditá normalmente viene erogato fino al 60% del valore dell’immobile; altri casi sono verificati nel merito.

    RIMBORSO
    Le rate del mutuo di liquidità sono mensili mentre la durata è subordinata ad alcuni parametri come l’età del contraente.

    AGEVOLAZIONI FISCALI
    L’imposta sostitutiva è pari allo 0.25% dell’importo del mutuo (D.P.R. n. 601 del 29/09/73). Gli interessi sono detraibili nei limiti previsti dalle norme vigenti.

  • rocco stigliani 23 settembre 2009 at 06:11

    Il consolidamento debiti, o prestito per consolidamento dei debiti, come dice il nome stesso è un tipo di finanziamento nato appunto per consolidare in un unico debito l’ammontare dei vari debiti del prestatore, solitamente spuntando, a fronte di un allungamento del periodo di restituzione, una rata molto più leggera da pagare rispetto alla somma delle rate dei debiti precedenti il consolidamento stesso.

    Quindi è un vero e proprio finanziamento atto a sanare le posizioni debitorie; solitamente per ottenere questo tipo di prestito è necessario che il prestatario sia proprietario di un immobile di proprietà.

    Quando si richiedono prestiti a consolidamento dei debiti si ottengono diversi vantaggi: innanzitutto viene meno l’ansia dovuta al pagamento multiplo di diverse rate che danno poco respiro al prestatore e anche psicologicamente una situazione di disagio; la nuova rata da pagare, unica innanzitutto, come si diceva innanzi sarà di importo molto inferiore alla somma delle rate precedenti; un altro vantaggio, non da poco, che solitamente è associato al prestito con consolidamento dei debiti è la possibilità di ricevere liquidità aggiuntiva a titolo personale, e senza dover dare spiegazioni circa la destinazione del denaro preso in prestito destinandolo per beni e servizi specifici.

    Quindi una vera e propria estinzione dei finanziamenti in corso unificando le rate e convogliando le stesse in un unico rimborso mensile, con aggiunta di liquidità supplementare.

    Quali garanzie è necessario presentare quando si richiede un prestito con formula consolidamento debiti?

    Per ottenere tale prestito, vista anche l’elevata entità massima possibile dello stesso, è solitamente obbligatorio essere proprietari di un immobile ed iscriverne relativa ipoteca oltre ad essere lavoratori dipendenti. L’importo solitamente varia da 30.000 a 150.000 euro, quindi sicuramente un importo non indifferente e tale da giustificare l’iscrizione ipotecaria di cui si diceva.

    La rata e il tasso d’interesse possono essere sia fissi sia variabili per tutta la durata del finanziamento; la durata può arrivare anche a 25 anni; è possibile naturalmente, per definizione, accedervi con altri finanziamenti in corso, con l’estinzione automatica degli stessi e normalmente viene data la possibilità di estinguere anticipatamente il prestito con il risparmio degli interessi annessi.

    Tra i requisiti richiesti solitamente per ricevere un prestito consolidamento debiti bisogna essere un lavoratore dipendente a tempo indeterminato, aver maturato un’anzianità minima di 12 mesi; in caso di protesti, pignoramenti o iscrizione nelle centrali rischi finanziari come cattivi pagatori e protestati è molto difficile, salvo garanzie aggiuntive, fideiussori, polizze assicurative, che un prestito del genere venga concesso;

    Quindi, riepilogando, qualora non si dovesse riuscire a sopportare diverse rate relative a diversi finanziamenti incautamente accesi o per qualsiasi altro motivo, il prestito consolidamento debiti si rivela utilissimo per far fronte ad una situazione pressante.

    I vantaggi di tale soluzione sono molteplici:

    1. rata da pagare minore anche in misura considerevole rispetto alla somma delle rate dei finanziamenti accesi precedentemente;
    2. possibilità di ottenere liquidità aggiuntiva senza dare alcuna spiegazione su come la stessa sarà impiegata;
    3. possibilità di richiedere il pagamento anche in casi d’insolvenza, anche se bisogna presentare solide garanzie o fideiussioni;
    4. non solo si estingueranno in un solo colpo tutti i finanziamenti in corso, ma ci sarà una rata inferiore spalmata su una durata del finanziamento maggiore, e si potrà disporre di altro denaro a titolo personale;

  • alfiero passaro 13 settembre 2009 at 07:08

    Risanare una posizione debitoria diventa fondamentale nel momento in cui si destina una parte troppo elevata del proprio reddito al rimborso di finanziamenti e prestiti in corso.

    Nel caso di importi piuttosto elevati, la migliore soluzione è ricorrere a un mutuo di consolidamento debiti che consente di estinguere i mutui e i prestiti che si hanno in corso, conglobandoli in un unico finanziamento, che, a fronte di una durata maggiore, ne consenta il rimborso con una rata di importo inferiore rispetto al totale di quelle previste dai debiti estinti.

    Generalmente, si tratta di un tipo di mutuo che viene richiesto da chi ha già acceso finanziamenti per importi elevati, come mutui per la prima casa e, magari, contemporaneamente cessioni del quinto dello stipendio o prestiti personali.

    In questo modo, la difficoltà di gestire le doppie e, a volte, anche triple rate mensili, viene, quindi, superata con il consolidamento dei debiti.

    Per riuscire ad avere un’idea precisa sui costi e sui vantaggi di un’operazione finanziaria di questo tipo, internet è di grande aiuto grazie agli appositi siti web di mutui online, dove sono disponibili tutte le informazioni necessarie per valutare le diverse proposte delle finanziarie e delle banche.

    Infatti si ha l’opportunità di orientarsi tra le possibili soluzioni prospettate dagli istituti di credito e, contemporaneamente, confrontare le rispettive proposte, individuando le migliori offerte di mutui on line tra quelle disponibili sul mercato.

    E’ così possibile calcolare il mutuo online sulla base dell’importo necessario per il consolidamento dei debiti compilando degli appositi form di ricerca messi a disposizione degli interessati, inserendovi alcuni elementi essenziali come il valore del proprio immobile, il reddito, l’attività professionale e l’età del richiedente, la frequenza e la durata delle rate e il tipo di tasso di interesse, fisso o variabile.

    Con il calcolo onlinesi otterrà, come risultato, un elenco contenente le proposte di quelle banche che sono in grado di soddisfare la richiesta di un mutuo sulla base degli elementi inseriti nel modulo di ricerca.

    Individuata la banca che propone l’offerta migliore, è possibile, quindi, richiedere il mutuo direttamente on line, compilando un modulo in cui devono essere inserite determinate informazioni necessarie per valutare se ci sia o meno la possibilità di erogare un finanziamento per il consolidamento debiti.

    Inoltrata la richiesta, sarà la stessa banca a mettersi direttamente in contatto con il richiedente per comunicare se ci sono o meno i presupposti per proseguire nell’istruttoria della pratica.

  • chiara bardini 6 settembre 2009 at 10:18

    Il prestito detto “per consolidamento debiti” è particolarmente indicato in tutti quei casi in cui siano stati contratti una molteplicità di debiti in capo ad un’unica persona.

    Questo tipo di prestito infatti ha la caratteristica di estinguere completamente tutte le obbligazioni in corso, riunendole in una sola, semplice rata.

    Questa sarà spalmata su un periodo molto lungo (si può arrivare a 25 anni) e l’entità di ogni rata sarà inferiore al totale delle precedenti rate, sommate tra loro.

    Questo permette a chi chiede questo genere di prestito, di poter ottenere un maggior respiro nel pagamento di quanto dovuto, senza sentirsi soffocato da molteplici scadenze pressanti. Inoltre è possibile ottenere anche una quota di liquidità senza doverla giustificare e senza dover dichiarare in che modo si intende utilizzarla.

  • mauro consoli 27 agosto 2009 at 20:20

    In un periodo di crisi come l’attuale trova sempre più riscontro l’operazione di consolidamento dei debiti.

    Cosa è il consolidamento dei debiti

    Il consolidamento dei debiti è un tipo di finanziamento utile quando si hanno più prestiti o mutui accesi. Con il consolidamento dei debiti infatti tutti i precedenti finanziamenti vengono accorpati in un unico nuovo prestito. Quindi si chiudono i vecchi finanziamenti e se ne apre uno nuovo con un nuovo piano di ammortamento. Per esempio supponiamo di aver contratto un prestito per l’auto e uno per i mobili di casa, il primo con valore residuo di 10.000, il secondo di 5.000 euro. Potremo chiudere entrambi i prestiti, e aprirne uno nuovo da 15.000 euro.

    Caratteristiche del consolidamento dei debiti

    Il consolidamento può prendere la forma di:

    * prestito di consolidamento;

    * mutuo di consolidamento.

    Si ricorre al secondo caso quando l’importo del finanziamento è elevato (oltre 30-50.000 euro). Il prestito di consolidamento può esser fatto con un normale prestito o con la cessione del quinto; per il mutuo di consolidamento ovviamente si ricorre ad un mutuo per cui occorrerà ipotecare un immobile di proprietà.

    Per ricorrere al consolidamento del debito occorrono anzitutto i normali documenti richiesti per la domanda di finanziamento:

    * documento di identità
    * codice fiscale
    * dichiarazione dei redditi e ultima busta paga se dipendenti.

    Inoltre occorre fornire i dati, in particolare il debito residuo, dei prestiti che si intende chiudere con il consolidamento dei debiti.

    I vantaggi del consolidamento del prestito

    I vantaggi nell’operazione di consolidamento dei prestiti sono molteplici:

    1) maggiore comodità e controllo: si paga una sola rata invece che più rate con diverse scadenze e magari a diversi beneficiari;

    2) risparmio di costi: si risparmia già solo sul fatto di effettuare un solo pagamento, sia la commissione di incasso rata che sull’eventuale spesa di bonifico;

    3) riduzione della rata: si può ridurre il totale da pagare allungando la durata del prestito ma anche grazie a tassi di interesse che possono essere mediamente vantaggiosi (per esempio se abbiamo sottoscritto un mutuo quando avevamo uno stipendio nettamente inferiore all’attuale o se avevamo acceso un mutuo in un periodo di tassi alti);

    4) aumento dell’importo erogato: con il consolidamento dei prestiti è possibile ottenere un importo aggiuntivo rispetto ai prestiti chiusi.




Cerca