Il coniuge divorziato che forma una nuova famiglia di fatto non ha diritto all'assegno divorzile

L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, ancorché di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge, sicché il relativo diritto non entra in stato di quiescenza, ma resta definitivamente escluso.

Infatti, la formazione di una famiglia di fatto, costituzionalmente tutelata come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalità dell'individuo, è espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole, che si caratterizza per l'assunzione piena del rischio di una cessazione del rapporto e, quindi, esclude ogni residua solidarietà postmatrimoniale con l'altro coniuge, il quale non può che confidare nell'esonero definitivo da ogni obbligo.

Il principio è stato ribadito dai giudici della Corte Suprema nella sentenza 225/16.

13 gennaio 2016 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

No all'assegno divorzile per il coniuge beneficiario che forma una nuova famiglia di fatto
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, ancorché di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge, sicché il relativo diritto ...
Nessun diritto all'assegno divorzile per l'ex coniuge che forma una nuova famiglia di fatto, anche se la convivenza viene successivamente meno
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, anche se di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge. Con la formazione ...
Assegno divorzile: cosa accade quando il coniuge divorziato forma una nuova famiglia, anche di fatto » Obblighi di mantenimento del figlio maggiorenne non convivente
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, anche di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge. Il relativo diritto non ...
Assegno di mantenimento o divorzile - Cessa il diritto se il beneficiario forma una nuova famiglia di fatto
Per giurisprudenza ormai consolidata l'espressione "famiglia di fatto" non consiste soltanto nel convivere come coniugi, ma indica prima di tutto una "famiglia", portatrice di valori di stretta solidarietà, di arricchimento e sviluppo della personalità dì ogni componente, e dì educazione e istruzione dei figli. Ove tale convivenza assuma i connotati ...
Al coniuge divorziato titolare di assegno divorzile spetta anche il 40% del TFR percepito dal coniuge obbligato
Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto titolare di assegno divorzile, ad una percentuale del trattamento di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del ...

Spunti di discussione dal forum

Pensione di reversibilità e ripartizione fra la vedova e il coniuge divorziato
Volevo sapere quali sono le condizioni per avere la pensione di reversibilità del coniuge divorziato, tenendo conto che il coniuge si e risposato dopo il divorzio. Dopo il divorzio non ho percepito assegno di mantenimento ma se ho capito bene è possibile chiederlo anche dopo. Ho una figlia studente di…
Assegno divorzile pignorabile se versato su conto corrente – Ho capito bene?
Quindi se non ho capito male, in riferimento a questa discussione, io posso salvare i miei pochi risparmi, ma se Equitalia decidesse di pignorare il mio conto io non avrei più la disponibilità dell'assegno divorzile; infatti, fino all'esaurimento del debito, con il conto bloccato, il mio ex marito continuerebbe a…
Possibile pignoramento assegno divorzile – Ulteriori chiarimenti
In riferimento a questo topic ed in merito alla pignorabilità dell'assegno divorzile che quando è accreditato sul conto diventa liquidità, invece che prelevare la somma in contanti posso far un bonifico sul conto di mia sorella appena la somma è disponibile? Il bonifico può essere bloccato in qualche modo? Accordarmi…
Assegno di mantenimento e assegno divorzile – Possono essere pignorati alla fonte?
Vivo alle Canarie iscritta Aire: ricevo mensilmente un assegno divorzile dall'Italia e in quanto tale devo dichiararlo in Italia. Il mio conto corrente è in Spagna e in Italia non ho più niente. La domanda e: se non dichiaro e vengo pizzicata, cosa può fare agenzie delle entrate? Può pignorare…
Separazione personale fra coniugi – Come influisce l’assegno di mantenimento sulla capienza residuale nel pignoramento dello stipendio
Nel caso di separazione consensuale e di versamento di una parte dello stipendio al coniuge, il Giudice decide al momento dell'udienza di separazione se pignorare l'importo e versarlo al coniuge separato? In questo caso la capienza dello stipendio per eventuali pignoramenti ordinari diminuisce, oppure se il coniuge non chiede un'ingiunzione…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il coniuge divorziato che forma una nuova famiglia di fatto non ha diritto all'assegno divorzile. Clicca qui.

Stai leggendo Il coniuge divorziato che forma una nuova famiglia di fatto non ha diritto all'assegno divorzile Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 13 gennaio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info