Condono delle multe per divieto di sosta

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Dal 1946 ad oggi in Italia tutto è stato condonato o amnistiato, tranne le contravvenzioni per divieto di sosta. O il Legislatore si è dimenticato o le multe per divieto di sosta sono considerate socialmente più pericolose delle rapine, degli stupri, delle corruzioni e dello spaccio di droga.

L'economia italiana è cresciuta sulle automobili, che ognuno di noi, per una serie di necessità, è stato costretto ad acquistare. All'aumento del parco macchine non è corrisposto l'adeguato aumento delle strutture (con particolare riguardo ai parcheggi).

Oggi l'automobilista è abbandonato a se stesso, penalizzato dal traffico, dai vigili, dalle assicurazioni, dall'aumento della benzina e dai Comuni, che hanno nelle contravvenzioni per divieto di sosta la maggiore entrata dei loro bilanci. Il Consumatore non sa quante multe deve pagare. I Comuni non sanno più quante multe devono incassare.

Perchè non condonare anche le multe, o almeno quelle per divieto di sosta?

Per fare una domanda sul ventilato condono delle multe per divieto di sosta, su multe e ricorsi in genere e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

1 luglio 2008 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca