Concorso di colpa - L'automobilista è responsabile anche della condotta imprudente altrui se prevedibile

L'utente della strada, nel caso di infortunio subito da un terzo anche per colpa di questi, potrebbe andare esente da responsabilità solo se provi che la sua condotta fu immune da qualsiasi addebito, sia sotto il profilo della colpa specifica, che della colpa generica, sì da presentarsi in tal caso la condotta medesima quale semplice occasione dell'evento.

Ciò si spiega in quanto le norme sulla circolazione stradale impongono severi doveri di prudenza e diligenza proprio per fare fronte a situazioni di pericolo, anche quando siano determinate da altrui comportamenti irresponsabili, cosicchè la fiducia di un conducente nel fatto che altri si attengano alle prescrizioni del legislatore, se mal riposta, costituisce di per sé condotta negligente: il principio dell'affidamento, infatti, nello specifico campo della circolazione stradale, trova un opportuno temperamento nell'opposto principio secondo cui l'utente della strada è responsabile anche del comportamento imprudente di altri utenti purché rientri nel limite della prevedibilità.

Dunque, i giudici di legittimità, nella sentenza 31242/15, hanno riaffermato il principio per il quale l'utente della strada è responsabile anche del comportamento imprudente di un terzo se rientra nel limite della prevedibilità.

21 luglio 2015 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Strada pericolosa? » Se l'automobilista è imprudente non ha diritto al risarcimento danni
L'automobilista imprudente non ha il diritto al risarcimento danni. Il proprietario di una strada non è responsabile, ai sensi dell'articolo 2051 del codice civile, degli infortuni occorsi ai fruitori di quest’ultima. Ciò, quando sia provata l'elisione del nesso causale tra la cosa e l'evento, quale può aversi, in un contesto ...
Concorso di colpa - Obbligo di precedenza a destra anche al veicolo che procede contromano e ad elevata velocità
Il codice civile pone a carico dei conducenti coinvolti in un sinistro stradale una presunzione di pari corresponsabilità. Per vincere tale presunzione non basta dimostrare che l'altro conducente abbia tenuto una condotta colposa, ma occorre dimostrare che l'altrui condotta colposa fosse anche imprevedibile od inevitabile. Questa dimostrazione può essere fornita ...
Il pedone investito non ha sempre ragione - I casi in cui per il conducente non c'è concorso di colpa
Il principio generale di cautela del Codice della strada si sostanzia in tre obblighi comportamentali a carico del conducente: quello di ispezionare la strada dove si procede o che si sta per impegnare; quello di mantenere un costante controllo del veicolo in rapporto alle condizioni della strada e del traffico; ...
Sinistri stradali: sorpasso pericoloso? » Quando l'auto si allarga non c'è concorso di colpa
Sinistri stradali: non sussiste concorso di colpa anche se durante il sorpasso l'automobile che sta per essere superata si "allarga". La responsabilità è di chi compie il sorpasso vietato e non di chi si sposta dal margine destro della propria carreggiata. In tema di sinistri stradali, non si ha nessun ...
Sinistro stradale » Scontro tra veicoli? Non è colpa esclusivamente di chi non ha rispettato l'obbligo di precedenza
Nella fattispecie di un sinistro stradale con scontro tra due veicoli, per la valutazione della colpa, non importa che uno dei due automobilisti non abbia rispettato l'obbligo di precedenza: va verificata anche la condotta dell'altro conducente. Nel caso di scontro tra veicoli, l'accertamento della intervenuta violazione, da parte di uno ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su concorso di colpa - l'automobilista è responsabile anche della condotta imprudente altrui se prevedibile. Clicca qui.

Stai leggendo Concorso di colpa - L'automobilista è responsabile anche della condotta imprudente altrui se prevedibile Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 21 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca