Il concetto giuridico di comoda divisibilità di un immobile

Il concetto di comoda divisibilità di un immobile (detenuto in comproprietà o in comunione fra più soggetti) a cui fa riferimento il codice civile (articolo 720) postula, sotto l'aspetto strutturale, che il frazionamento del bene sia attuabile mediante determinazione di quote concrete suscettibili di autonomo e libero godimento che possano formarsi senza dover fronteggiare problemi tecnici eccessivamente costosi e, sotto l'aspetto economico funzionale, che la divisione non incida sull'originaria destinazione del bene e non comporti un sensibile deprezzamento del valore delle singole quote rapportate proporzionalmente al valore dell'intero, tenuto conto della normale destinazione ed utilizzazione del bene stesso.

In materia di divisione giudiziale, la non comoda divisibilità di un immobile, può ritenersi legittimamente sussistente solo quando risulti rigorosamente accertata la ricorrenza dei suoi presupposti, costituiti dall'irrealizzabilità del frazionamento dell'immobile, o dalla sua realizzabilità a pena di notevole deprezzamento, o dall'impossibilità di formare in concreto porzioni suscettibili di autonomo e libero godimento, tenuto conto dell'usuale destinazione e della pregressa utilizzazione del bene stesso.

E' quanto hanno sostenuto i giudici della Corte di cassazione redigendo la sentenza 14343/16.

4 agosto 2016 · Roberto Petrella

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il concetto giuridico di comoda divisibilità di un immobile. Clicca qui.

Stai leggendo Il concetto giuridico di comoda divisibilità di un immobile Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 4 agosto 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria azioni esecutive revocatoria pignoramento ed espropriazione » mini guide Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 24 aprile 2019 at 12:36

    Buongiorno, il mio ex, proprietario al 50% della casa coniugale, ha avuto in’ ipoteca da parte di equitalia per la sua quota di casa. Adesso vuole donare la sua quota ai 2 figli così che essendo prima casa per entrambi non possa essere posta in vendita coatta. La mia quota risulta libera e vorrei liberarmi da tutto questo inghippo per acquistare nuova casa. La casa è una villa singola di 2 piani e non credo sia divisibile con una spesa inferiore ai 100.00€ e opere murarie. Come uscirne fuori senza che la casa venga messa all’asta che prenderei meno del suo valore?

    • Simone di Saintjust 24 aprile 2019 at 14:16

      La soluzione per evitare una vendita all’asta mi sembra sia stata trovata dal suo ex: se i proprietari (i due figli) anche al 50% non posseggono altre case e vi stabiliscono residenza (anche uno solo di essi), la casa non può essere messa all’asta. Per liberarsene deve trovare un accordo con il suo ex, dal momento che non credo sia facile trovare un acquirente, sul libero mercato, disposto ad acquistare il 50% di un immobile già occupato. Per quello che può interessare, comunque, l’ipoteca non grava sulla sua metà, e quindi può liberarsi senza problemi (se ci riesce) della quota del 50% di proprietà del villino (trattandosi di immobile occupato, non ricaverà certamente di più di quanto otterrebbe all’asta con immobile libero dal debitore o dai suoi figli).

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca