La comunicazione di fermo deve indicare la CTP a cui ricorrere

Secondo quanto affermato dalla Commissione tributaria provinciale di Torino, nella Sentenza 40 del 16/07/2008 la comunicazione del fermo amministrativo di un veicolo é sempre impugnabile: deve perciò contenere tutti gli elementi che permettano al contribuente di esercitare il proprio diritto di impugnazione.

La causa sottoposta all’esame del giudice tributario verteva sulla notifica di un fermo amministrativo scattato per il mancato pagamento di una cartella esattoriale per infrazioni al Codice della Strada.

Il ricorrente ha impugnato l’atto ricevuto per la mancata indicazione del responsabile del procedimento e l’incompleta indicazione delle informazioni necessarie ai fini dell’eventuale ricorso.

Nonostante l’agente della riscossione abbia sostenuto in giudizio la legittimità del proprio operato, la Commissione ha ritenuto fondato il ricorso proposto.

In base a quanto precisato dalla Commissione tributaria di Torino, la comunicazione di avvio della procedura di fermo amministrativo di beni mobili registrati, non ha natura di semplice avviso, ma dichiara un provvedimento di fermo riferito al veicolo del contribuente.

Tale provvedimento, emesso per il mancato pagamento di una somma richiesta, diviene esecutivo trascorsi 20 giorni dalla sua comunicazione notificata all’interessato con a/r.

A prova di ciò, la nota apposta sul provvedimento di fermo, con cui si informa il destinatario che è possibile impugnarlo innanzi ad una Commissione tributaria provinciale.

Pertanto, l’atto di fermo deve indicare chiaramente:

  1. natura del debito
  2. numero della cartella di pagamento che lo ha originato
  3. importo dovuto
  4. anno di riferimento del  ruolo
  5. indicazione del capoluogo di provincia in cui ha sede la CTP competente per l’eventuale impugnazione dell’atto

Nel caso in esame il provvedimento di fermo era privo dell’indicazione del capoluogo di provincia in cui ha sede la Commissione Tributaria Provinciale, presso la quale il destinatario poteva presentare ricorso.

I giudici hanno pertanto accolto il ricorso annullando l’atto contestato, suscettibile di arrecare grave danno al ricorrente.

Per porre una domanda sulla comunicazione di fermo amministrativo  (e sugli elementi che tale comunicazione deve contenere per permettere al contribuente di esercitare il proprio diritto di impugnazione) sulle cartelle esattoriali  in genere, su fisco tasse e contenzioso tributario clicca qui.

6 Agosto 2013 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fermo amministrativo » A quale giudice presentare il ricorso?
Fermo amministrativo: sia l'iscrizione che il preavviso, nell'ipotesi di un ricorso, sono impugnabili di fronte alla Commissione Tributaria solo se il credito ha natura tributaria. Grazie alle modifiche apportate dal decreto del fare il fermo amministrativo, iscritto da Equitalia sull'autovettura di un contribuente moroso verso lo Stato, può essere impugnato più facilmente, soprattutto quando il veicolo sottoposto all'esecuzione forzata serve all'attività professionale o aziendale del debitore. Ma qual è il giudice competente per l'impugnazione? La risposta, già chiarita in precedenza da una pronuncia della Corte di Cassazione, è stata ribadita dalla Commissione Tributaria Regionale (CTR) di Firenze. A parere, infatti, ...

Equitalia » In caso di fermo amministrativo illegittimo deve risarcire il contribuente
Lite temeraria per Equitalia che iscrive il fermo amministrativo illegittimo. Sussiste la responsabilità, ex articolo 96, II comma, codice di procedura civile per l'Agente della Riscossione che provvede a iscrivere fermo amministrativo sull'autovettura del ricorrente sulla base di cartelle di pagamento per crediti già ampiamente prescritti. Questo, in breve, l'orientamento espresso dalla Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso con sentenza 182/2013. Se equitalia dispone il fermo amministrativo in modo illegittimo deve risarcire il contribuente Ennesimo stop ad Equitalia! In caso di fermo amministrativo illegittimo, perché relativo a tributi prescritti, deve effettuare il risarcimento danni per lite temeraria al contribuente che si ...

Fermo amministrativo - termini per il ricorso e giudice competente
Le società Equitalia possono iscrivere il fermo sul veicolo del contribuente, trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella: vizi, modalità e termini di impugnazione Le società Equitalia, in qualità di Agenti della riscossione, hanno il potere di iscrivere il fermo dei beni mobili registrati (ad esempio i veicoli) di proprietà del debitore, in forza dell'articolo 86 del DPR 602/73 (vedasi nota 1). Il fermo è un provvedimento amministrativo di natura cautelare che impedisce, durante il periodo in cui opera, l'utilizzo del bene. In altre parole, un veicolo sottoposto a fermo non può legalmente circolare. Se la pubblica autorità (Polizia di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la comunicazione di fermo deve indicare la ctp a cui ricorrere. Clicca qui.

Stai leggendo La comunicazione di fermo deve indicare la CTP a cui ricorrere Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 6 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 29 Maggio 2017 Classificato nella categoria preavviso di fermo amministrativo e fermo amministrativo

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • cinzia 5 Marzo 2010 at 17:24

    preavviso di iscrizione presso il P.R.A. di fermo di beni mobili registrati cosa è?

    • cocco bill 5 Marzo 2010 at 20:52

      Vuol dire che se non paga la cartella esattoriale a cui il preavviso di fermo si riferisce, le arriverà il fermo amministrativo.

      Con il fermo amministrativo non può circolare, non può vendere, nè rottamare l’auto.

      Deve continuare a pagare il bollo, perchè il bollo è tassa di possesso e non di circolazione. Anche l’assicurazione se non ha un posto auto privato dove custodirla.

      Se vende l’auto, il passaggio di proprietà non viene effettuato. I rottamatori non la prendono in carico.

      Se circola con l’auto e la beccano, l’auto viene espropriata a vantaggio dello stato.