compromesso e pignoramento....

Il contratto preliminare non costituisce un vincolo da tenere in considerazione ai fini del pignoramento di un immobile. Nell'ipotesi che prefigura, la parte danneggiata sarebbe la promissaria acquirente, la quale avrebbe tutto il buon diritto di chiedere la restituzione del doppio della caparra versata.

E' da dire che non si arriva agli atti giudiziari, e quindi al pignoramento dell'immobile, da un giorno all'altro. Potrebbe quindi avere tutto il tempo di vendere l'immobile, anche perchè - tenendo aperto il colloquio con i creditori - tale ipotesi potrebbe essere più gradita alle banche di un eventuale esproprio.

La discussione continua in questo forum.

1 marzo 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su compromesso e pignoramento..... Clicca qui.

Stai leggendo compromesso e pignoramento.... Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 1 marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 10 marzo 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • beppe 3 settembre 2011 at 10:07

    vorrei sapere se la scrittura privata tuteli un bene , nel caso in questione una quota di denaro ricavata dalla vendita di un appartamento con eredi in successione. che tempi ci sono per tutelarsi le proprietà dal momento in cui i creditori procedono con i titoli,, assegni,, nelle mani?

    • Simone Saintjust 3 settembre 2011 at 13:01

      Teoricamente, dopo la formazione del debito, non c’è nessuna possibilità di tutelarsi. Il creditore può procedere a presentare istanza di revocazione di atti di vendita, donazioni, costitizione di fondi patrimoniali, cessioni in usufrutto ecc…, tutti evidentemente finalizzati a sottrarre al prestatore ogni possibilità di recuperare il credito vantato attraverso il pignoramento.

      In tal senso, le scritture private non hanno alcun valore.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca