Compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario

Com’è noto, nella notifica diretta effettuata tramite servizio postale, qualora il destinatario risulti temporaneamente assente, il postino lascia un avviso di giacenza dell’atto presso l’ufficio postale (a tale proposito, leggasi questo topic).

In tale circostanza, è da confutare, a nostro parere, l’affermazione secondo la quale alcune Pubbliche Amministrazioni ritengono che qualora la giacenza superi i 10 giorni successivi al tentativo di consegna dell’atto non andato a buon fine, la notifica per il destinatario debba intendersi perfezionata il giorno in cui il postino ha lasciato l’avviso nella buchetta delle lettere (o sull’uscio di casa).

Noi ci atteniamo, fino a prova contraria, alla sentenza della Corte Costituzionale numero 3 del 2010 che recita la notifica a mezzo posta si perfeziona, per il destinatario, non con il semplice invio a cura dell’agente postale della raccomandata che dà avviso dell’infruttuoso accesso, ma decorsi dieci giorni dall’inoltro della raccomandata o nel minor termine costituito dall’effettivo ritiro del plico in giacenza.

Ora, è ben vero che la sentenza si riferisce alla giacenza (presso l’ufficio postale o la casa comunale) nel caso di notifica indiretta dell’atto tramite servizio postale (l’atto viene consegnato comunque all’ufficiale giudiziario che si avvale, poi, del servizio postale e certifica la correttezza della procedura controllando l’operato del postino): ed è per questo che, nella sentenza della Consulta, viene indicata la raccomandata informativa che il postino deve inviare al destinatario dell’atto, come previsto dalla legge, in caso di sua temporanea assenza.

Quando, invece, la notifica via posta è diretta (invio dell’atto con raccomandata AR direttamente dalla PA al destinatario, senza il coinvolgimento dell’ufficiale giudiziario) non c’è obbligo di raccomandata informativa ma solo dell’avviso di giacenza che il postino deve lasciare. Dunque, fra raccomandata che dà avviso dell’infruttuoso accesso e avviso di giacenza c’è una stretta ed inconfutabile analogia sul piano logico giuridico.

Pertanto, anche in caso notifica diretta via posta, non andata a buon fine per temporanea irreperibilità del destinatario e successivo ritiro dell’atto oltre il decimo giorno di giacenza, la notifica per il destinatario si perfeziona, a tutti gli effetti, nel decimo giorno di giacenza (che decorre dal momento in cui il postino lascia l’avviso in buchetta).

31 Marzo 2016 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La notifica per compiuta giacenza “frega” spesso il debitore
Andrà sempre verificato se la notifica di un atto (verbale di multa, cartella esattoriale) sia stata correttamente eseguita anche nel caso di temporanea irreperibilità e compiuta giacenza. Nei casi in cui non sia possibile eseguire la consegna per irreperibilità o incapacità o rifiuto de destinatario o dei terzi, l'ufficiale giudiziario o l'addetto delle poste deposita l'atto, rispettivamente, nella casa comunale (affissione all'albo pretorio) o presso l'ufficio postale. Il destinatario dev’essere messo al corrente di detto deposito con l'invio di una raccomandata a/r informativa. Sia nel caso di ricorso ai messi comunali o agli ufficiali giudiziari, sia nel caso di utilizzo ...

Notifica degli atti attraverso il servizio postale - momento in cui deve considerarsi perfezionata la notifica del'atto
La notifica degli atti con il servizio postale è regolato dalle norme di cui alla legge 20 novembre 1982, numero 890. L'articolo 10 della legge 3.8.1999, numero 265 ha apportato modifiche al primo comma dell'articolo 12 della legge 20 novembre 1982, stabilendo che: "Le norme sulla notifica degli atti giudiziari a mezzo della posta sono applicabili alla notifica degli atti adottati dalle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, numero 29, e successive modificazioni, da parte dell'ufficio che adotta l'atto stesso." Per la notifica degli atti a con il servizio postale occorre utilizzare ...

La notifica indiretta per compiuta giacenza degli atti inviati al destinatario via posta
Com'è noto, in materia civile, tributaria, amministrativa e penale, l'ufficiale giudiziario può avvalersi del servizio postale per la notifica degli atti: si parla, allora, di notifica indiretta via posta (articolo 8 legge 890/1982). In questo caso, il termine per il perfezionamento della notifica dell'atto impositivo quando non sia stata possibile la consegna del piego raccomandato ed esso sia stato depositato presso l'ufficio postale, e sia stata data notizia al destinatario a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, è di dieci giorni dalla data di spedizione della lettera raccomandata informativa ovvero dalla data di ritiro dell'atto se anteriore. Così hanno stabilito ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario. Clicca qui.

Stai leggendo Compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 31 Marzo 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria cartella esattoriale ingiunzione fiscale e avviso di accertamento esecutivo » mini guide

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)