Compensazione fiscale - Confermate le regole attualmente in vigore

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, nei confronti della Pubblica Amministrazione per somministrazioni, forniture, appalti e prestazioni professionali, ai fini della compensazione, qualora la somma iscritta a ruolo sia inferiore o pari al credito vantato, dovranno accreditarsi presso la piattaforma informatica dedicata gestita dalla Ragioneria generale dello stato e ottenere la certificazione del credito, che dev’essere emessa dalla Pubblica Amministrazione entro 30 giorni dall'istanza.

Nella Gazzetta Ufficiale del 31 luglio è stato pubblicato, infatti, il decreto MEF che estende al 2015 le modalità di compensazione, stabilite per il 2014, delle cartelle esattoriali in favore di imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, nei confronti della Pubblica Amministrazione.

4 agosto 2015 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su compensazione fiscale - confermate le regole attualmente in vigore. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca