Compensazione legale fra saldi attivi e passivi di conti correnti

Le condizioni generali che, di solito, disciplinano il rapporto di conto corrente dispongono che qualora esistono tra banca e correntista più rapporti o più conti di qualsiasi genere o natura, anche di deposito, ancorchè intrattenuti presso altre dipendenze italiane o estere, ha luogo in ogni caso la compensazione di legge ad ogni suo effetto.

La banca, secondo le clausole contrattuali standard, ha il diritto di valersi della compensazione ancorché i crediti, seppure in monete differenti, non siano liquidi ed esigibili e ciò in qualunque momento senza obbligo di preavviso e/o formalità, fermo restando che dell’intervenuta compensazione la banca darà prontamente comunicazione al correntista.

D’altra parte, l’articolo 1853 del codice civile dispone che la banca può compensare i saldi attivi e passivi rinvenienti da più rapporti o più conti riconducibili al medesimo correntista. Tuttavia, i rapporti di conto corrente, anche se intestati al medesimo correntista sono autonomi e, quindi, perché operi la compensazione tra due o più conti è necessario che almeno uno di essi cessi: in tal caso il saldo si compensa con quello degli altri ancora aperti. Se, invece, la compensazione agisse sui conti in corso verrebbe meno la loro autonomia giuridica.

In altre parole, la norma di cui all’articolo 1853 del codice civile deve interpretarsi nel senso che il potere di compensazione spetta alla banca solo nel momento in cui il conto del cliente sia oramai chiuso, appunto perché solo a quel momento esso, ove presenti ancora un saldo attivo, potrà dirsi esprimere definitivamente un credito liquido ed esigibile a favore del cliente, allora giuridicamente compensabile con eventuali crediti vantati dalla banca in forza di rapporti diversi.

Operare la compensazione su conti correnti ancora aperti comporta una riduzione del saldo del conto ed equivale, nella sostanza, ad un indebito esercizio di un potere di autotutela, appunto perché equivalente ad una indebita appropriazione di un somma disponibile a favore del correntista, e di cui soltanto questi è legittimato a definire le modalità di utilizzazione.

In pratica, la compensazione legale ex articolo 1853 del codice civile può avere ad oggetto soltanto un conto corrente chiuso: solo dopo la chiusura del conto il credito del cliente risultante dal saldo attivo può infatti dirsi liquido ed esigibile.

Quello appena riportato è l’orientamento dell’Arbitro Bancario Finanziario, in tema di compensazione fra saldi attivi e passivi di conti correnti intestati allo stesso correntista, così come articolato nella decisione 4484/15.

8 Agosto 2016 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Compensazione legale fra credito rinveniente da una fideiussione prestata dal cliente con il saldo disponibile del conto corrente intestato allo stesso cliente
È illegittima l'operazione di compensazione del credito rinveniente da una fideiussione rilasciata dal cliente a favore di un terzo con il saldo disponibile del conto corrente intestato al cliente stesso. In assenza di una pattuizione in tal senso o di un ordine di quest’ultimo, la compensazione equivale a un'indebita appropriazione di una somma disponibile a favore del correntista, in violazione dell'articolo 1852 del codice civile. La compensazione legale, ex articolo 1853 del codice civile, può avere ad oggetto soltanto un conto corrente chiuso: solo dopo la chiusura del conto il credito del cliente risultante dal saldo attivo può, infatti, dirsi ...

Errore di accredito in conto corrente da parte di terzi – Il rimborso è a carico del correntista
Nel caso sia un terzo ad accreditare per errore su un conto corrente una somma non dovuta, chi ha ricevuto il versamento non può chiedere alla banca di restituire al disponente la somma erroneamente accreditatagli. Il rimborso deve essere effettuato direttamente dal correntista che ha ricevuto il pagamento, senza che possa configurarsi alcun obbligo della banca. Così ha stabilito l'Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 6105/14. ...

Controversie su conti correnti tra istituto di credito e clienti » Le decisioni più interessanti adottate dall'Arbitro Bancario Finanziario
Nell'articolo che segue forniremo una rassegna sulle decisioni più interessanti prese dall'Arbitro Bancario Finanziario (d'ora in avanti ABF) in materia di contenziosi tra istituti di credito (banche) e clienti (correntisti) su vicende legate ai conti correnti. Come noto, l'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un organismo indipendente ed imparziale, istituito con la legge 262/2005 e sostenuto dalla Banca d'Italia, rivolto a garantire una risoluzione stragiudiziale delle controversie che possono sorgere tra i clienti e le banche, in tempi rapidi e con costi minimi. Così, si possono appianare controversie senza ricorrere al Tribunale e senza l'assistenza di un avvocato, risparmiando denaro e ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su compensazione legale fra saldi attivi e passivi di conti correnti. Clicca qui.

Stai leggendo Compensazione legale fra saldi attivi e passivi di conti correnti Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 8 Agosto 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)