Come pagare le cartelle esattoriali ADER con la compensazione

Pagare i debiti di cartelle esattoriali con la compensazione » Le istruzioni dell'Agenzia delle entrate-riscossione

E' possibile onorare le proprie pendenze verso l'Agenzia delle Entrate-riscossioni, per debiti indicati in cartelle esattoriali, tramite la compensazione: vediamo come.

Se si hanno dei crediti verso lo Stato, è possibile decidere di utilizzarli per pagare eventuali cartelle esattoriali a proprio carico.

Ciò è possibile in due modalità:

Analizziamo più dettagliatamente la questione nei paragrafi successivi.

Onorare i debiti delle cartelle esattoriali dovuti all'agenzia delle entrate-riscossione utilizzando la compensazione con crediti d'imposta

In che modo è possibile pagare i debiti delle cartelle esattoriali dovuti all'agenzia delle entrate-riscossione utilizzando la compensazione con crediti d'imposta.

Per effetto del decreto legge 78/2010 (e del successivo decreto attuativo MEF del 10 febbraio 2011), è possibile pagare, anche parzialmente, le somme indicate nelle cartelle esattoriali che riguardano imposte erariali (es. Irpef, Ires, IVA) e i relativi oneri accessori (compresi aggio e spese dovute all'Agenzia delle entrate-Riscossione), compensandole con i crediti relativi alle imposte erariali.

Per fare ciò è necessario utilizzare il modello “F24 accise” (codice tributo RUOL), insieme alle istruzioni per la compilazione.

Se il pagamento riguarda solo una parte delle somme dovute, è possibile presentare all'Agenzia lo specifico modulo con cui si dichiara l'avvenuto pagamento in compensazione tramite “F24 accise” e indicare a quali cartelle esattoriali attribuire il pagamento.

In quest’ultimo caso la scelta dei debiti da compensare va effettuata entro 3 giorni dal conferimento della delega di pagamento se si presenta il modello “F24 accise” tramite banche, poste ed Entratel oppure, contestualmente, se si presenti il modello “F24 accise” agli sportelli dell'Agenzia delle entrate-Riscossione.

Il modulo di dichiarazione da presentare è disponibile anche presso gli sportelli dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Di seguito la modulistica:

Modello f24 accise per compensazione

Con le indicazioni per la compilazione:

istruzioni per compilare f24 accise

Colmare i debiti delle cartelle esattoriali dovuti all'agenzia delle entrate-riscossione utilizzando la compensazione con crediti verso la pubblica amministrazione

Come colmare i debiti delle cartelle esattoriali dovuti all'agenzia delle entrate-riscossione utilizzando la compensazione con crediti verso la pubblica amministrazione.

Se un'impresa ha effettuato dei lavori per conto di una Pubblica amministrazione e non ha ancora ricevuto il pagamento per la prestazione effettuata, è possibile utilizzare quel credito commerciale per pagare i debiti oggetto di cartelle esattoriali.

Per procedere è indispensabile che l'amministrazione interessata, cioè quella per cui si siano effettuato i lavori, certifichi il credito.

Per richiedere la certificazione è a disposizione la piattaforma informatica del ministero dell'Economia e delle Finanze.

Presentando la certificazione prodotta agli sportelli dell'Agenzia delle entrate-Riscossione, è possibile ricevere tutta l'assistenza necessaria per effettuare la compensazione.

La compensazione può essere effettuata tra:

L'Agenzia delle entrate-Riscossione verificherà la conformità della certificazione per poi procedere, in caso positivo, alla compensazione con conseguente rilascio dell'attestazione di pagamento.

In fase di compensazione, nel caso in cui il pagamento riguardi solo una parte dei debiti iscritti a ruolo scaduti o in scadenza, sarà necessario indicare gli importi che si intende estinguere.

20 luglio 2017 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA
Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla ...
Definizione agevolata bis delle cartelle esattoriali dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione » 6 cose da sapere assolutamente
In merito alla definizione agevolata (o rottamazione) bis delle cartelle esattoriali proposta dall'Agenzia delle Entrate-Riscossione, vi proponiamo sei possibili domande che la maggior parte di voi si sta chiedendo: ecco le risposte che cercavate da tempo. Non ho pagato la prima (o unica) rata di luglio, né la seconda di ...
Compensazione dei crediti tributari in presenza di debiti della PA accertati giudizialmente
Nel giudizio di ottemperanza con cui un cittadino richiede nei confronti della pubblica amministrazione il pagamento di un credito accertato giudizialmente l'amministrazione medesima non può eccepire l'esistenza di un proprio credito e, quindi, invocare la compensazione. È, infatti, stato confermato il principio espresso con la sentenza della stessa Suprema Corte ...
L'enciclopedia delle cartelle esattoriali di Equitalia » Guida semplificativa per il contribuente/debitore
Tutto ciò che il contribuente deve conoscere sulle cartelle esattoriali di equitalia. Nell'articolo che segue, istruiremo il contribuente/debitore su tutto ciò che riguarda le cartelle esattoriali di Equitalia. Forniremo chiare delucidazioni su come e dove pagare, cosa fare quando si riceve una cartella, come e quando chiedere l'annullamento. Istruiremo su ...
Riscossione coattiva e compensazione – la PA non salda fatture a chi deve pagare una cartella esattoriale
Secondo quanto previsto dall'articolo 48-bis, DPR 602/1973, i soggetti pubblici, ossia le pubbliche Amministrazioni e società a totale partecipazione pubblica, prima di effettuare un pagamento di importo superiore a euro 10 mila, devono procedere alla verifica di eventuali inadempienze tributarie da parte del soggetto beneficiario del pagamento stesso. Ciò si ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come pagare le cartelle esattoriali ader con la compensazione. Clicca qui.

Stai leggendo Come pagare le cartelle esattoriali ADER con la compensazione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 luglio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 10 marzo 2018 Classificato nella categoria compensazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande