FORMA E CONTENUTO

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali.

Indice dei contenuti dell'articolo


 

La cartella di pagamento e’ formata di piu’ pagine con le quali vengono comunicate al cittadino/contribuente le somme da lui dovute iscritte a ruolo.

E’ l’atto che assolve la funzione di:

  • comunicazione formale al contribuente della sua posizione debitoria nei confronti dell’erario o degli altri creditori;
  • atto di precetto, ovvero formale intimazione a provvedere al pagamento entro TOT giorni (nel caso specifico 60) con avvertenza che, in mancanza, si potra’ agire tramite le classiche procedure esecutive (fermo amministrativo auto, ipoteca, pignoramento, etc.);
  • titolo esecutivo (relativamente all’iscrizione a ruolo), ovvero atto riferito ad un diritto certo, in base al quale può essere iniziata l’esecuzione forzata.

25 Luglio 2008 · Paolo Rastelli

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su forma e contenuto. Clicca qui.

Stai leggendo FORMA E CONTENUTO Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 25 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Aprile 2018 Classificato nella categoria archivio storico

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Vincenzo 6 Febbraio 2010 at 10:13

    Quanti anni devono passare per cadere in prescrizione il debito?

    • cocco bill 6 Febbraio 2010 at 10:20

      Cinque anni dall’ultima richiesta notificata da Equitalia. Se si arriva alla cartella (titolo esecutivo) dieci anni in cui il creditore (Equitalia) resti passivo.