Come funziona il credito al consumo (I Parte)

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

La legge (decreto legislativo numero 385, 1993 articolo 21) parla di credito al consumo per i finanziamenti che hanno un importo compreso tra i 150 e i 30.000 euro (sono esclusi i prestiti ripagabili in un’unica soluzione entro 18 mesi dalla loro concessione).

Il credito al consumo è costituito dai finanziamenti rateali destinati all’acquisto di beni o di servizi, dai prestiti personali, dalle aperture di credito rotativo (revolving) con o senza carta, dalle operazioni di cessione del quinto dello stipendio.

Il credito al consumo è riservato alle persone consumatrici e ha un importo compreso tra i 154,94 euro (300.000 vecchie lire) ed i 30.987,41 euro (60.000.000 di vecchie lire).

CHI LO PUO’ CONCEDERE

Il credito al consumo può essere concesso solo:

  1. dalle banche;
  2. dagli intermediari finanziari iscritti nell’apposito albo tenuto presso l’Ufficio Italiano dei Cambi dai commercianti, ma nella sola forma di dilazione del pagamento del prezzo

DOVE SI OTTIENE

Il contratto di credito al consumo può essere sottoscritto:

  1. presso lo sportello della banca o della finanziaria alla quale ci si rivolge;
  2. presso il punto vendita dei beni/servizi al cui acquisto il consumatore è interessato.

ATTENZIONE!

Il contratto di acquisto del bene ed il contratto di finanziamento sono, di norma distinti.

Il contratto d’acquisto riguarda il consumatore e il venditore/produttore del bene, il contratto di finanziamento il consumatore e la banca o la finanziaria che eroga il finanziamento.

L’impegno a rimborsare puntualmente le rate, assunto dal consumatore nei confronti del finanziatore, deve essere rispettato anche nel caso si verifichino problemi o disguidi tra il consumatore e il venditore/produttore del bene.

Per fare una domanda su come funzionano i contratti di credito al consumo, sugli acquisti a rate, sui finanziamenti in genere, sui contratti di prestito e  su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

23 Agosto 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Credito al consumo - cosa è
Per credito al consumo si intende il credito per l'acquisto di beni e servizi (credito finalizzato) ovvero per soddisfare esigenze di natura personale (ad esempio: prestito personale, cessione del quinto dello stipendio) concesso ad una persona fisica (consumatore). Il credito al consumo può assumere la forma di dilazione del pagamento del prezzo dei beni e servizi acquistati ovvero di prestito o altra analoga facilitazione finanziaria. Non costituisce credito al consumo il prestito concesso per esigenze di carattere professionale del consumatore (ad esempio: acquisto di un'autovettura da utilizzare per il trasporto dei dipendenti della propria impresa). Il consumatore si obbliga: nel ...

Credito al consumo e inadempimento nella consegna del bene acquistato - Il cliente è tutelato anche se il rapporto fra fornitore e venditore è regolato da una convenzione non esclusiva
Per credito al consumo si intende la concessione, nell'esercizio di un'attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta (consumatore). Il quadro normativo vigente riconosce l'esistenza di un collegamento tra il contratto di credito al consumo ed il contratto di acquisto: contratto di credito e contratto di acquisto vengono ad essere unitariamente considerati sotto il profilo giuridico (e non solo economico), onde tutelare la parte comune ai due contratti, cioè il consumatore, ...

Credito al consumo – inadempimento del venditore
Nel caso di contratto di credito al consumo legato ad acquisti di beni o servizi può capitare di avere a che fare con situazioni sgradevoli legate all'inadempimento del venditore mentre magari si è già iniziato a pagare le rate del finanziamento. E' bene chiarire che in questi casi non è così automatica come si crede la possibilità di smettere di pagare le rate, soprattutto quando si ritiene, agendo così, di “sollecitare” il venditore (pensiero del tutto errato, considerando che il venditore è già stato totalmente pagato). La regola da tener presente in questi casi - ragionevolmente cauta - è che ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come funziona il credito al consumo (i parte). Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)