Come avviene la notifica del verbale di una multa?

Vi sarei grato se poteste darmi delucidazioni sul processo di notifica del verbale di una multa.

Grato per la cortese attenzione, distintamente vi saluto.

Onorato Mazza

Caserta

Nel caso classico in cui vi sia contestazione immediata la notifica avviene tramite consegna nelle mani del trasgressore del verbale originale, solitamente redatto a mano su moduli prestampati.

Tuttavia vi sono numerosi e frequenti casi in cui la contestazione immediata può legittimamente non avvenire, con la conseguenza che il verbale dev’essere notificato in un momento successivo.

Come regola generale, in questi casi il verbale dev’essere notificato all'effettivo trasgressore -se conosciuto- oppure ad uno dei soggetti solidalmente obbligati (il proprietario del veicolo, in genere) che risultino registrati al PRA alla data dell'accertamento.

Tale notifica (ovvero, come vedremo più avanti, l'invio del verbale) dev’essere fatta entro 90 giorni dall'identificazione di tali soggetti, ovvero -citando l'articolo 201 comma 1- da quando l'amministrazione è “posta in grado di provvedere alla loro identificazione” considerando ciò che risulta al PRA o all'archivio nazionale dei veicoli.

E' quindi chiaro che il giorno da cui partire col conteggio dei 90 giorni non è facile da stabilire perchè può variare da caso a caso, e non è pertanto possibile standardizzare nè le regole nè i possibili ricorsi riguardanti questo delicato punto.

Il caso di residenti all'estero, invece, il verbale dev’essere notificato entro 360 giorni dall'accertamento, calcolati inequivocabilmente dalla data dell'infrazione.

La notifica, ovviamente, deve avvenire alla residenza o domicilio dei soggetti destinatari che può essere desunta -a seconda dei casi- dalla carta di circolazione o dalla patente di guida, dall'archivio nazionale dei veicoli tenuto presso il dipartimento per i trasporti terrestri (ex Motorizzazione), dal P.R.A od anche dall'anagrafe tributaria.

In caso di notifica “differita” il verbale originale redatto dall'organo accertatore rimane agli atti dell'ufficio o comando, mentre ai soggetti ai quali devono esserne notificati gli estremi viene inviato uno degli originali o copia autenticata redatta -anche con sistemi meccanizzati- a cura del responsabile dello stesso ufficio o comando.

Alla notifica, oltre che i soggetti previsti dal codice della strada (vedi la sezione “organi che possono applicare le sanzioni”), possono provvedere anche i messi comunali o i funzionari dell'organo accertatore secondo le modalità previste dal codice di procedura civile o -in alternativa- a mezzo posta tramite invio di una raccomandata a/r.

Non di rado i Comuni, quindi gli organi di polizia municipale, stipulano convenzioni con corrieri privati per la consegna sul proprio territorio. In questi casi fungono da “casa comunale” le varie filiali di tale corriere, specificate negli avvisi di giacenza.

Alcune sentenze di Cassazione hanno tuttavia stabilito che un verbale notificato da società private è nullo.

Le modalità di notifica previste dalla legge comprendono, oltre alla classica consegna dell'atto nelle mani del destinatario (da parte del messo comunale, corriere, postino), la consegna ad un soggetto terzo abilitato, od addirittura la compiuta giacenza dell'atto presso la posta o la cassa comunale. Più avanti analizziamo queste ultime due vie che, per dirsi regolarmente attuate devono sottostare a determinate regole.

Le spese di accertamento e di notifica sono poste a carico di chi è tenuto al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria.

20 ottobre 2008 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica del verbale di multa - il conteggio dei 90 giorni
Per quanto attiene la problematica posta nel titolo stesso dell'articolo sulla notifica del verbale di multa, il conteggio deve terminare alla data di  notifica del verbale oppure, nel caso di notifica postale, alla data  di consegna dell'atto all'ufficio postale. Tale data viene normalmente riportata sul verbale e costituisce il momento ...
Notifica della multa e prescrizione dei termini
Le norme che disciplinano la notifica della  multa sono stabilite dal Codice Procedura Civile. Le norme stabiliscono che una la notifica della multa può avvenire, in assenza del destinatario o di persone di famiglia/conviventi (non palesemente incapaci o minori di anni 14), a persona addetta alla casa, ad un vicino ...
Multa » Risulta notificata anche se l'automobilista rifiuta di firmare il verbale
Anche se l'automobilista rifiuta di firmare il verbale, la multa si dà per notificata e fa scattare il termine per impugnare la conseguente cartella esattoriale. Infatti, in tema di sanzioni amministrative per una violazione del codice della strada come l'eccesso di velocità deve ritenersi che la consegna immediata di copia ...
La multa – il verbale e la sua notifica
Quando si viola una delle disposizioni del codice della strada si è soggetti ad una sanzione amministrativa (pecuniaria e, quando previsto, accessoria) la cui applicazione è disciplinata, oltre che dallo stesso codice anche dalla legge 689/81. In questo articolo vogliamo approfondire le modalità di contestazione e notifica dei verbali, nonchè ...
Multa e verbale non sottoscritto - il ritiro equivale a notifica
In caso di contestazione immediata dell'infrazione al Codice della strada, il ritiro di una copia del verbale da parte del trasgressore equivale a notifica dello stesso, a nulla rilevando che chi ritira l'atto rifiuti di sottoscriverlo. Dalla data in cui viene contestata l'infrazione e ritirato il verbale, comincia a decorrere ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come avviene la notifica del verbale di una multa?. Clicca qui.

Stai leggendo Come avviene la notifica del verbale di una multa? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 20 ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • c0cc0bill 3 novembre 2008 at 19:20

    ho ricevuto a casa un accertamento di violazione per divieto di sosta il giorno 3 novembre,la multa è stata data il 21/08/2008-non è stato messo il preavviso sull’autom
    , manca il n° civico. non mi è stato fatto il verbale, l’accertamento mandatomi a casa tramite postino è il verbale? posso contestarlo? perchè devo pagare anche 7,67 euro di spese postali? grazie mille per vostra gentilezza in caso di risposta, Acerbis giuseppe alzano Lombardo (BG)

    Commento di giuseppe acerbis | Lunedì, 3 Novembre 2008

    Il preavviso di contravvenzione non è dovuto.

    Quello mandato a casa è il verbale.

    La mancanza di numero civico potrebbe essere un motivo di impugnazione, ma non lo è sempre. Ad esempio se il divieto di sosta è lungo l’intera strada la mancanza dell’indicazione del civico non è rilevante.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca