Eredità e successione - Collazione e disposizione testamentaria di dispensa dalla collazione

Come è noto, i figli del de cuius e i loro discendenti ed il coniuge del de cuius che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente (articolo 737 del codice civile - collazione).

In sede di domanda giudiziale di divisione dell'eredità (Cassazione 15131/2005), si procede a riduzione delle disposizioni testamentarie per i legittimari (tutti gli altri sono legatari). Si procede a collazione e la divisione viene effettuata, fra i legittimari, in osservanza allo schema di divisione dell'eredità regolata con testamento, costituita dalle quote lasciate ai legittimari ed alle donazioni effettuate in vita a coniuge, figli e nipoti del de cuius. I legittimari compensano fra loro le quote di eredità a cui hanno diritto secondo la legge.

L'obbligo della collazione sorge automaticamente e i beni donati in vita dal de cuius devono essere conferiti indipendentemente da una espressa richiesta, essendo sufficiente, a tal fine, la proposizione della domanda di accertamento della lesione della quota di legittima e di riduzione e la menzione in essa dell'esistenza di determinati beni facenti parte dell'asse ereditario da ricostruire (Corte di cassazione 8510/2018).

La collazione trova il suo fondamento nella presunzione (conforme alla corrente valutazione sociale) che il de cuius, facendo in vita donazioni al coniuge e ai figli, abbia semplicemente voluto compiere delle attribuzioni patrimoniali gratuite in anticipo sulla futura successione. Funzione della collazione è, dunque, quella di conservare fra gli eredi la proporzione stabilita nel testamento o nella legge, permettendo ai coeredi, che siano il coniuge o il discendente, di conteggiare il valore della quota non solo sui beni relitti (lasciati dal defunto), ma anche sui beni donati a taluno di loro. Il criterio di ripartizione, tenuto dal testatore o stabilito dalla legge, è operante anche in sede di collazione.

Una diversa volontà del de cuius, manifestata attraverso un atto di dispensa formalmente valido, trova unico limite nella intangibilità dei diritti dei legittimari. La dispensa dalla collazione, cioè, sottrae il donatario del conferimento, ma non comporta l'esclusione del bene donato dalla riunione fittizia ai fini della determinazione della porzione disponibile. In altre parole, la dispensa da collazione non sottrae la donazione dalla riduzione se essa sia lesiva della legittima altrui. Infatti, come stabilisce l'articolo 737 del codice civile, La dispensa da collazione non produce effetto se non nei limiti della quota disponibile al de cuius.

Si tratta dei principi giuridici che emergono dalla lettura della sentenza della Corte di cassazione 12317/2019.

11 maggio 2019 · Patrizio Oliva

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su eredità e successione - collazione e disposizione testamentaria di dispensa dalla collazione. Clicca qui.

Stai leggendo Eredità e successione - Collazione e disposizione testamentaria di dispensa dalla collazione Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 11 maggio 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 12 maggio 2019 Classificato nella categoria donazioni e comodati Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca