Controversie tra utenti e operatori di telecomunicazioni - La quantificazione del danno a fronte di un disserviio

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Indice dei contenuti dell'articolo


La quantificazione del danno ricevuto a fronte di un disservizio è un’operazione molto complessa.

In primo luogo, anche in conciliazione, potrebbe essere utile dare prova del danno.

E’ importante sottolineare, che il danno è una voce diversa ed eventualmente aggiuntiva rispetto all’indennizzo, che è invece, predeterminato dal contratto.

Quest’ultimo, infatti, è frutto di una mera operazione aritmetica, che può essere fatta anche dall’utente (si moltiplica il numero di giorni del disservizio per l’importo stabilito dalle Condizioni Generali di Abbonamento).

4 Giugno 2013 · Giovanni Napoletano

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su controversie tra utenti e operatori di telecomunicazioni - la quantificazione del danno a fronte di un disserviio. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)