La riforma della class action approvata alla Camera dei deputati: segnali di rinnovamento

Unanimità sulla riforma della class action: l'Aula della Camera ha infatti approvato all'unanimità (388 favorevoli, un astenuto, nessun contrario) la proposta di legge di riforma della class action.

Prima vittoria per i consumatori: la Camera ha votato all'unanimità la legge sulla class action.

La votazione si è conclusa dopo le 19 e tutti i gruppi hanno votato a favore della riforma: su 389 presenti, 388 deputati hanno votato a favore, 1 astenuto e nessun voto contrario.

Il testo, che ora passa al Senato, potenzia lo strumento dell'azione di classe attualmente disciplinato nel Codice del consumo ampliandone lo spettro di applicazione con l'inserimento nel Codice di procedura civile.

Sarà, dunque, una class action più forte quella prevista nel testo di riforma a firma del vicepresidente della commissione giustizia della Camera Alfonso Bonafede (M5s).

Una novità prevede che, nel caso in cui l'attore decida di rinunciare all'azione, gli aderenti possano scegliere tra due opzioni: portare avanti la causa facendola propria oppure iniziarne una nuova usando come base di partenza i fatti di quella precedente arricchiti con eventuali ulteriori elementi.

Inoltre, il testo prevede la possibilità di aderire all'azione di rivalsa anche dopo il pronunciamento del giudice.

Infine, le nuove class action saranno devolute ai Tribunali delle imprese che, essendo poco numerosi sul territorio, contribuiranno a dare vita ad un orientamento giurisprudenziale più compatto.

4 giugno 2015 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca