Cinture di sicurezza » Falso certificato per l'esonero? E' reato

Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenere l’esonero dall’utilizzo delle cinture di sicurezza ed evitare, così, le multe.

Commette il delitto di uso di atto falso chi per ottenere l’annullamento della sanzione amministrativa, per guida senza cinture di sicurezza, utilizza un certificato apparentemente rilasciato da un medico convenzionato con il Ssn e attestante una patologia per la quale aveva diritto all’esenzione dall’obbligo della cintura.

Il reato è perseguibile senza querela perché il certificato medico nella sua parte ricognitiva è un atto pubblico.

Questo la decisione della Corte di Appello di Campobasso 185/2014.

Per evitare la multa, per guida senza cinture di sicurezza, utilizzate un certificato medico falso che ne giustifica l’esonero? Attenzione.

Secondo quanto disposto dai Giudici Molisani, infatti, commette il reato di uso di atto falso chi esegue questa pratica.

Chiariscono i magistrati, inoltre, che il reato è perseguibile senza il bisogno di una querela di parte, dato che si può procedere d’ufficio, essendo il certificato medico, nella sua parte ricognitiva, un atto pubblico.

Insomma, lasciate perdere. Meglio stare un po’ scomodi e guidare con le cinture di sicurezza allacciate, che affrontare un dispendioso e, pericoloso, processo penale.

7 Novembre 2014 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Sinistro stradale: senza cinture di sicurezza niente risarcimento danni? » Non sempre
In un sinistro stradale, è impossibile negare il risarcimento dei danni all'infortunato solo perché non indossava le cinture di sicurezza. In tema di concorso del fatto colposo del danneggiato nella produzione dell'evento dannoso, infatti, a norma dell'articolo 1227, 1 comma, del codice civile, applicabile per l'espresso richiamo di cui all'articolo 2056 del codice civile anche nel campo della responsabilità extracontrattuale, la prova che il danneggiato avrebbe potuto evitare i danni dei quali chiede il risarcimento usando l'ordinaria diligenza, deve essere fornita dal danneggiante che pretende di non risarcire, in tutto o in parte, il creditore. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso ...

Cinture di sicurezza » Diritti doveri e... sanzioni
I primi tentativi erano stati quelli di Edward J. Claghorn, che alla fine dell'Ottocento aveva ideato un complicato sistema di cinghie e ganci per mettere al sicuro le persone tenendole ancorate a un oggetto fisso, forse non si riferiva solo alle neonate automobili, ancora non così diffuse, e da George Cayley. In questo caso però sembra che la cintura fosse stata ideata più per i piloti in volo che per quelli su strada, visto che Cayley fu un famoso ingegnere aeronautico. Dagli anni Trenta del Ventesimo secolo, poi, cominciarono a diffondersi i sistemi a due punti, da fianco a fianco ...

Arriva il Trucam - Dispositivo in grado di sanzionare chi guida senza cintura di sicurezza ed utilizza lo smartphone
Ho sentito dire che su alcune strade ed autostrade italiane sta per essere sperimentato un nuovo autovelox, denominato Trucam, in grado di scovare chi non indossa cinture di sicurezza e chi utilizza lo smartphone alla guida. E' vero? Se sì, come funziona? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cinture di sicurezza » falso certificato per l'esonero? e' reato. Clicca qui.

Stai leggendo Cinture di sicurezza » Falso certificato per l'esonero? E' reato Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 7 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)