Compilazione cid » Errata trascrizione luogo del sinistro

Dopo un sinistro stradale, quando si effettua la constatazione amichevole, se nel modello CID si sbaglia a trascrivere la strada dell’incidente, la compagnia assicurativa è tenuta a pagare ugualmente il danneggiato, poichè si tratta di un semplice errore materiale.

Nell’eventualità di un incidente stradale, il danneggiato non può vedersi negare il diritto al risarcimento da parte dell’assicuratore se, nel modello CID, le parti hanno trascritto, per errore, come luogo dell’incidente, una strada piuttosto che un’altra.

Si tratta, infatti, di un semplice errore materiale che non rende nullo il modello di constatazione amichevole. In parole povere, il CID continuerà ad avere il valore che normalmente ha, che ricordiamo, non è quello di una piena prova, ma un elemento liberamente valutabile dal giudice.

Comunque, trascrivere nel modello CID una strada al posto di un’altra, è un errore semplicemente materiale, che non incide sulla veridicità di tutti gli altri dati in esso contenuti, in particolare sulla ammissione di responsabilità del danneggiante.

L’errore topografico non è, di per sé, decisivo. Da ciò si evince che, in assenza di ulteriori contestazioni, il fatto che ha determinato il danno deve considerarsi certo. Pertanto, l’assicurazione è chiamata a versare al danneggiato il giusto risarcimento.

Ciò è quanto chiarito dalla Corte di Cassazione con sentenza 11368/14.

28 Maggio 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cid » Non costituisce prova se l'indicazione della via del sinistro è errata
Il Cid non può essere valutato dal giudice come prova se contiene una descrizione sbagliata della strada dove è avvenuto il sinistro. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza 21161/2013, ha stabilito che: Il Cid non può essere valutato dal giudice come prova se contiene una descrizione sbagliata della strada dov’è avvenuto l'incidente. Infatti, il documento non vale, nell'ambito del processo, come dichiarazione confessoria neppure se suffragato da una testimonianza. A parere degli Ermellini, in questi casi, il modello Cid del sinistro perde, nell'ambito del processo, il suo valore di dichiarazione confessoria, e ciò anche ...

CID riporta luogo errato del sinistro - La compagnia assicuratrice deve pagare comunque
In una precedente sentenza, i giudici di legittimità avevano stabilito che la dichiarazione confessoria del Cid, resa dal responsabile del danno, proprietario del veicolo assicurato, non ha valore di piena prova, ma deve essere liberamente apprezzata dal giudice. Una volta tanto, questo principio si rivela a favore dell'assicurato e non della compagnia di assicurazioni, nonostante la circostanza che il verbale di constatazione amichevole indicasse il sinistro avvenuto in luogo diverso da quello successivamente accertato. Nei rapporti diretti tra conducente antagonista e proprietario assicurato, l'assunzione di responsabilità rende certa l'esistenza del fatto dannoso, e dunque necessariamente accoglibile la domanda risarcitoria. Dal ...

Sinistro stradale e Cid » Secondo la Cassazione la dichiarazione resa non vale come prova
Sinistro stradale - La dichiarazione resa nel Cid non vale come prova » Sentenza Cassazione La dichiarazione resa nel Cid non vale come prova neppure nei confronti del confitente. Infatti, se non è sottoscritto dalla compagnia assicuratrice non ha valore legale e va considerata la conclusione del Ctu. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 17571/13, ha sancito che: La dichiarazione confessoria, contenuta nel modulo di constatazione amichevole del sinistro, resa dal responsabile del danno proprietario del veicolo assicurato e litisconsorte necessario, non ha valore di piena prova nemmeno nei confronti del solo confitente, ma ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su compilazione cid » errata trascrizione luogo del sinistro. Clicca qui.

Stai leggendo Compilazione cid » Errata trascrizione luogo del sinistro Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 28 Maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)