Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente

Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità.

Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli anni e che la banca proceda alla chiusura del conto corrente solo dopo la presentazione, da parte del cliente, di un esposto alla Banca d'Italia.

Nel frattempo, pur in assenza di movimentazioni in conto corrente, le spese di gestione continuano a lievitare. La domanda che ci si pone è se il cliente sia tenuto a rimborsare alla banca le spese di gestione del conto corrente maturate nel periodo che intercorre dalla richiesta iniziale di chiusura a quella effettiva.

Orbene, in tema di rapporti di conto corrente, la richiesta di chiusura non può essere disattesa dalla banca in ragione della supposta esistenza di un debito del cliente nei confronti della banca.

Il diritto di recesso è infatti espressamente previsto dall'articolo 1855 del codice civile, che così dispone: Se l'operazione regolata in conto corrente è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, dandone preavviso nel termine stabilito dagli usi o, in mancanza, entro quindici giorni.

L'esercizio di tale diritto non può essere vanificato dalla condotta della banca che, affermandosi creditrice del cliente, mantenga aperto il conto. Condotta, quest'ultima, che vale, altresì, a snaturare lo stesso strumento del conto corrente, in quanto esso, ormai privo di movimentazioni, finisce per ridursi solamente a fonte di voci di costo a carico del cliente.

La banca deve dare corso con tempestività alla richiesta di chiusura del conto e tenere indenne il cliente dalla produzione di costi legati al mantenimento in esercizio del conto e dei conseguenti interessi a debito. La banca, pertanto, non ha diritto alla corresponsione delle spese di tenuta del conto corrente maturate successivamente allo scadere del termine di 15 giorni dall'esercizio del recesso.

Naturalmente, resta impregiudicata la questione relativa al diritto della banca di ottenere la restituzione dell'importo versato al cliente in eccedenza.

Quelli appena sinteticamente esposti sono i rilevanti contenuti della decisione numero 825 assunta il 22 aprile 2011 dall'Arbitro Bancario Finanziario.

14 maggio 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Chiusura unilaterale conto corrente e conseguente protesto assegno - la banca deve risarcire
La clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto di conto corrente opera come criterio di reciprocità, imponendo a ciascuna delle parti del rapporto di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali ...
Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...
Tempestività del recesso dal contratto di conto corrente - La banca non deve far gravare sul cliente inutili spese di gestione
Il riconoscimento del diritto di recesso dal rapporto di conto corrente a tempo indeterminato impone di per sé che l'interesse del correntista recedente non sia inutilmente frustrato dalla banca, la quale deve porre in essere un comportamento attivo, al fine di rendere possibile l'esercizio di tale diritto secondo modalità rapide ...
Il cliente ha sempre diritto a chiudere un conto corrente anche se in rosso
Il cliente ha diritto di recedere in qualsiasi momento, attraverso un'apposita dichiarazione, da un contratto di conto corrente, senza penalità e senza spese, anche in presenza di un eventuale saldo debitore nel momento di esercizio del relativo diritto. Se nel contratto di conto corrente non è stabilito un termine più ...
Compensazione legale fra credito rinveniente da una fideiussione prestata dal cliente con il saldo disponibile del conto corrente intestato allo stesso cliente
È illegittima l'operazione di compensazione del credito rinveniente da una fideiussione rilasciata dal cliente a favore di un terzo con il saldo disponibile del conto corrente intestato al cliente stesso. In assenza di una pattuizione in tal senso o di un ordine di quest’ultimo, la compensazione equivale a un'indebita appropriazione ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente. Clicca qui.

Stai leggendo Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 14 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca