Chiedo delucidazioni in merito ad una multa per divieto di sosta

Salve chiedo delucidazioni in merito ad una multa per divieto di sosta inflittami il giorno 27/09/2007 e recapitatami oggi 10/09/2008.E’ possibile contestarla visto che è passato quasi un ‘anno,inoltre leggendo bene sulla multa c’è solo il numero di targa del veicolo,ma nn il modello
p.s. inoltre vi è anche scritto che la violazione nn è stata immediatamente contestata x assenza del trasgressore,grazie

Commento di gaetano | Mercoledì, 10 Settembre 2008

Hai 60 giorni a partire da oggi per impugnare la multa dinanzi al Prefetto o al giudice di pace.

Ma fondare il ricorso solo sull’errore relativo al modello è temerario.

I tuoi diritti di opposizione sono fatti salvi a partire dalla notifica, quindi l’anno passato dalla contestazione alla notifica non può essere motivo di ricorso.

Ed il divieto di sosta è una delle poche violazioni per cui è ammessa la contestazione differita

Commento di karalis | Mercoledì, 10 Settembre 2008

10 Settembre 2008 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: ,

Approfondimenti

Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. II civ., con la Sent. numero 19902 del 29 settembre 2011. Un automobilista multato per divieto di sosta si è rivolto al giudice di pace lamentando la mancata indicazione nella multa del numero civico in corrispondenza del quale sarebbe stata accertata l'infrazione. Il magistrato onorario ha accolto le motivazioni addotte ...

Multa per divieto di sosta » Va elevata anche al disabile che trasgredisce perchè gli spazi ad hoc sono troppo lontani
Il disabile non può posteggiare in divieto di sosta solo perché gli spazi ad hoc sono lontani da casa: la multa è valida. Infatti, deve essere rigettata l'opposizione proposta contro le sanzioni amministrative inflitte all'invalido civile al 100 per cento per la violazione del codice della strada consistente nell'area dove la sosta dei veicoli risulta vietata in modo assoluto. Ciò, nonostante l'interessato lamenti l'eccessiva distanza degli stalli dedicati dalla propria abitazione, dovendosi ritenere che la libera circolazione consentita dal contrassegno-invalidi di cui all'articolo 12 del Dpr 506/96 debba essere comunque disciplinata nei suoi aspetti applicativi e che l'inibizione assoluta alla ...

Multa per divieto di sosta » valida anche se sul cartello mancano estremi ordinanza
La multa per divieto di soste è valida anche se sul cartello mancano gli estremi dell'ordinanza di apposizione del segnale. Infatti, l'anomalia non esenta l'utente della strada dall'obbligo di rispettare la prescrizione. In sede di opposizione alla sanzione l'amministrazione deve dunque produrre il provvedimento che legittima il segnale a disciplinare la circolazione nella zona. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Suprema Corte con la pronuncia 25771/13. Multa per divieto di sosta: Riflessioni L'assenza di una disposizione specifica, che stabilisca le conseguenze della mancata osservanza da parte dell'amministrazione locale delle disposizioni invocate per l'installazione dei segnali stradali, non determina l'illegittimità del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chiedo delucidazioni in merito ad una multa per divieto di sosta. Clicca qui.

Stai leggendo Chiedo delucidazioni in merito ad una multa per divieto di sosta Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 10 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • cristian 15 Maggio 2009 at 09:54

    Buongiorno. In data 08/05/09 mi è stata notificata una multa di 85€ per transito in zona a traffico limitato. IL fatto risale al 01/01/09. Sul verbale leggo che la volazione è stata accertata dai vigili il giorno 04/03/09 e mi è stata poi notificata appunto il 08/05/09. La mia domanda è: i 150 gg (limite massimo per la notifica della multa) partono da quando? dal giorno in cui è stata commessa l’infrazione? in questo caso sono trascorsi più di 150 gg e quindi non sono tenuto a pagare la sanzione, è corretto? come mi devo comportare, qual è la prassi da seguire?
    oppure i 150 gg iniziano dal momento dell’accertamento dei vigili?
    Grazie per la risposta.

    • roberto ruo 28 Maggio 2009 at 10:57

      se sono trascorsi piu di 90 giorni (150 ratione temporis) dalla data dell’infraziona a quella di notifica è necessario ricorrere al gdp eccependo appunto la notifica tardiva.