Come si pagano le multe

Non è possibile pagare la contravvenzione direttamente agli agenti verbalizzanti, ma solo attraverso conto corrente, versamento bancario o allo sportello cassa dell'autorità che l'ha emessa. Non è ammesso il pagamento con carta di credito.

Il pagamento immediato è invece l'unico possibile per i conducenti, anche se con patente italiana, che vengono fermati per violazioni commesse alla guida di veicoli con targa straniera oppure EE, oppure alla guida di veicoli con targa italiana ma con patente non rilasciata da uno Stato dell'UE.

L'obbligo di pagamento si prescrive decorsi cinque anni dalla data della violazione. Questo termine si interrompe però in presenza di ogni atto formale con il quale l'amministrazione richiede il pagamento. L'obbligo di pagamento non si trasmette agli eredi. E' opportuno conservare per almeno 5 anni (termine di prescrizione delle contravvenzioni) la ricevuta che prova l'avvenuto pagamento.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • nicolasciacovelli@tiscali.it 14 novembre 2008 at 19:10

    mi e’ stato mandato tramite posta un verbale per eccesso di velocita’fatto dai tudor autostradali,nel tratto roma napoli,zona frosinone,il vero problema che’io vivo a bari elavoro a bari e in quel posto io non ci sono mai stato ne io e tantomeno la mia macchina..cosa devo fare.un aiuto per favore.grazie

  • Peppe 12 novembre 2008 at 17:28

    L’Equitalia col consenso dei politici, anziché svolgere il ruolo di far pagare i furbi, opera un accanimento terapeutico nei confronti delle persone oneste.
    Di questo passo sono sicuro che verrà il giorno che ci stancheremo e daremo l’assalto ai forni.
    Non se ne può più. Questa è un’associazione a delinquere contro il cittadino.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca