Indice del post frodi online » postepay ed il chargeback

Sempre più spesso capita di trovare sul proprio estratto conto della Postepay transazioni (ad esempio una ricarica) online mai richieste né effettuate. Dopo le varie segnalazioni alla polizia postale, il rimborso comunque non avviene. Cosa fare? Scopriamo la procedura di chargeback. Come abbiamo accennato, la prima cosa da fare in caso di frodi su postepay è una denuncia contro ignoti presso la stazione dei Carabinieri più vicini o ancora meglio, alla polizia postale. Solo allora, si potrà attivare la procedura detta di chargeback, affinché venga stornata la transazione già avvenuta, ma non autorizzata, come previsto dal circuito [ ... leggi tutto » ]

Chargeback è il termine tecnico usato dai circuiti internazionali di carte di pagamento che indica una modalità attraverso cui vengono gestiti i movimenti soggetti a contestazioni da parte dei titolari di carte di credito. Un chargeback ad esempio si verifica quando il titolare chiede alla società emittente della carta di credito il rimborso di una transazione già avvenuta. I motivi più frequenti per i quali viene contestata una transazione sono: Transazione non riconosciuta : è la situazione più comune, il titolare non riconosce uno o più movimenti elencati nell’estratto conto (transazioni fraudolente o errori tecnici) Il titolare non riceve [ ... leggi tutto » ]

L’emittente, dopo avere esaminato la contestazione, può decidere di: rimborsare direttamente il titolare senza iniziare la procedura di chargeback. (Questo accade generalmente quando l’importo della transazione è troppo basso rispetto al costo della procedura); contattare l’acquirer e iniziare la procedura tecnica di chargeback; negare la richiesta di rimborso. Se l’issuer decide di iniziare un chargeback, questo viene trasmesso elettronicamente all'acquirer che esamina la richiesta e chiede all'esercente di fornire la documentazione [ ... leggi tutto » ]

A questo punto l'issuer può decidere alternativamente di: accettare la richiesta e addebitare l’importo sul conto del merchant; reintrodurre la procedura di chargeback, fornendo la documentazione atta a giustificare il motivo per cui non può procedere al rimborso. Il 50% di tutte le richieste di chargeback interessano transazioni via internet. In caso di transazioni fraudolente, laddove venga esclusa qualsiasi responsabilità da parte del titolare nell’uso della carta, gli importi relativi vengono in genere riaccreditati dalla società emittente. I tempi per un rimborso variano in genere dai tre ai sei mesi circa. A volte può capitare che la società ritenga [ ... leggi tutto » ]

17 settembre 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Acquisti online con carta di credito - La banca non risponde dell'inadempimento dell'esercente
La domanda è se sussiste, in capo all'utilizzatore di una carta di credito, il diritto al rimborso, da parte della banca, dell'importo di una transazione disposta mediante carta di credito prepagata per un acquisto effettuato online, in relazione all'inadempimento imputabile all'esercente, beneficiario del pagamento medesimo. Il contratto standard espressamente dispone ...
Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto
La carta prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all'emittente. Essa incorpora il potere d'acquisto pagato in via anticipata dal titolare della carta e viene emessa da banche, nel caso in cui la carta sia spendibile presso una molteplicità di esercenti (carta a ...
Carte revolving - Comunicarne in ritardo il furto o lo smarrimento può costare caro
Com'è noto, il credito revolving rappresenta una forma di finanziamento attraverso la messa a disposizione di una somma di denaro che il titolare può impiegare a propria discrezione, con obbligo di restituzione dell'apertura di credito secondo un piano di rimborso prestabilito, pagando una determinata rata minima, generalmente mensile. Tale importo ...
Il charge back degli importi addebitati sulla carta di credito e non riconosciuti dal titolare
Le convenzioni che regolano il servizio di carta di credito prevedono che se il titolare di una carta dovesse disconoscere qualsiasi addebito effettuato attraverso Internet e dovesse affermare di non aver ricevuto la merce e/o i servizi, l'emittente potrà procedere al riaddebito totale dell'importo, così configurando un diritto potestativo dell'emittente ...
Frodi con carte di credito - misure di sicurezza e consigli
In questo articolo ci proponiamo di stilare una guida sulle misure di sicurezza per l'utilizzo delle stesse, con i consigli nel caso si sia incappati in un uso indebito od una truffa. La regola numero uno, valida per ogni modalità di utilizzo della carta, è quella di controllare regolarmente l'estratto ...

Spunti di discussione dal forum

Evasione fiscale?
Essendo uscito indenne da una tentata truffa sto cercando le cose che potranno aiutarmi per una denuncia-querela. Ho cercato di acquistare una playstation per mio figlio da un negozio fisico che vende anche online, mi e' stato richiesto un bonifico anticipato a nome e sul conto del titolare dell'attivita'. Quando,dopo…
Equitalia può pignorare una carta postepay?
Sto cercando di aiutare una persona disoccupata che riceve dei soldi attraverso la postepay per dei lavoretti che vende su internet. La domanda è contenuta nel titolo, e c'è poco da aggiungere, se non che si tratta di una Postepay normale, senza iban (non è la evolution). Sul web non…
Pignoramento conto corrente – Il saldo può essere prelevato ad insaputa debitore?
Vorrei sapere se quando una determinata banca chiede e ottiene dal Giudice il pignoramento del conto corrente, esso viene bloccato all'insaputa del titolare/debitore oppure se arriva una raccomandata dove viene intimato il pagamento entro un tot giorni, e solo allora, non pagando entro, per esempio un mese, verrà bloccato il…
I creditori possono procedere al pignoramento di una carta prepagata con International Bank Account Number (IBAN)?
Come è noto la carte con IBAN sono anch'esse inserite nella anagrafe tributaria e rintracciabili dai creditori tramite l'istituto emittente, essendo trattate come se fossero un normale conto corrente. Nel caso di giacenza positiva, quali ulteriori problematiche e costi incontrerebbe il creditore Italiano nel pignorare il debitore italiano che possiede…
Pignoramento del saldo di conto corrente – Cosa accade per gli impegni di spesa sottesi ai RID e alle carte di credito e per gli assegni emessi prima del prelievo del saldo?
Chiedo come viene calcolata da parte degli istituti la giacenza sul conto da comunicare al giudice della esecuzione, in particolare nei seguenti due casi: -1- qualora vi sia un saldo contabile positivo sul conto alla data del pignoramento ma sia stata usata la carta di credito il cui importo non…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post frodi online » postepay ed il chargeback. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Frodi online » Postepay ed il chargeback Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 17 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - frode creditizia e furto di identità Inserito nella sezione tutela consumatori.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca