Il debitore può richiedere copia del documento che conferma l'avvenuta cessione del credito

La richiesta della lettera di cessione del credito così come quella relativa all'estratto conto con il conteggio degli interessi di mora, che la collega le aveva consigliato di inoltrare alla società di recupero crediti, parte dal presupposto che il creditore non sia in grado di produrre tale documentazione (a meno di non falsificarla).

E' un modo come un'altro per "rilanciare la palla" dall'altra parte del campo.

Lei ha contattato la società, chiedendo un accordo transattivo. Lo ha fatto via e-mai, credo. Ma, adesso sulla sua pratica c'è un appunto che suona più o meno così "La debitrice chiede un accordo transattivo e deve essere interessata a chiudere la posizione. Inviare una raccomandata AR di messa in mora per interrompere i termini di prescrizione. Effettuare ricerca anagrafica per conoscere l'attuale indirizzo"

Dunque, i suoi genitori saranno coinvolti, volenti o nolenti. La cosa più corretta da fare, a questo punto, è metterli al corrente della situazione istruendoli a non fornire alcuna informazione sulla sua residenza all'estero.

E poi, inviare, come già consigliatole, la raccomandata AR di cui in premessa. Purtroppo lei ha deciso di "ballare", ed adesso non può più esimersi dal farlo.

21 novembre 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca