Cessione crediti ed opponibilità al fallimento del cedente

Qualora il cessionario abbia pagato in tutto o in parte il corrispettivo della cessione ed il pagamento abbia data certa, la cessione è opponibile al fallimento del cedente dichiarato dopo la data del pagamento.

La norma dispone anche che l'efficacia della cessione verso i terzi non è opponibile al fallimento del cedente, se il curatore prova che il cessionario conosceva lo stato di insolvenza del cedente quando ha eseguito il pagamento e sempre che il pagamento del cessionario al cedente sia stato eseguito nell'anno anteriore alla sentenza dichiarativa di fallimento e prima della scadenza del credito ceduto.

Il momento dal quale si fa discendere l'opponibilità della cessione del credito ai terzi non è il perfezionamento dell'atto contrattuale, bensì il pagamento del cessionario al cedente.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 12994/15.

30 luglio 2015 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del credito - Inefficace se effettuata dopo il pignoramento
La cessione del credito è efficace nei confronti del debitore ceduto quando questi l'ha accettata o quando gli è stata notificata. Il codice civile aggiunge, inoltre, che il debitore non è liberato se paga al cedente pur essendo a conoscenza dell'avvenuta cessione. La disposizione, tuttavia, non autorizza a ritenere che ...
La notifica della cessione del credito e le implicazioni per il debitore
Come sappiamo il creditore C (tipicamente una banca o una finanziaria) che ha erogato il prestito al debitore D, può cedere il suo credito ad un soggetto terzo che indicheremo con T (tipicamente una società di recupero crediti). In un simile contesto, il creditore C viene indicato come creditore cedente, ...
Contratto di locazione - Il cedente è sempre responsabile per la morosità del cessionario
Il conduttore può cedere il contratto di locazione anche senza il consenso del locatore: tuttavia, se il locatore non ha liberato il cedente, può agire contro il medesimo qualora il cessionario non adempia alle obbligazioni assunte. La giurisprudenza ha affermato in più occasioni che in materia di locazioni, in caso ...
Cessione d'azienda e pagamento del TFR al lavoratore
In caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano. Si intende per trasferimento d'azienda qualsiasi operazione che, in seguito a cessione contrattuale o fusione, comporti il mutamento nella titolarità di un'attività economica organizzata, con o senza ...
Inefficacia dei pagamenti a favore del creditore del fallito per pignoramenti presso terzi già in corso ed azionati prima della dichiarazione di fallimento
La giurisprudenza consolidata di legittimità ha da tempo chiarito che in caso di fallimento del debitore già assoggettato ad espropriazione presso terzi, il pagamento eseguito dal terzo debitore in favore del creditore che abbia ottenuto l'assegnazione del credito pignorato è inefficace se intervenuto successivamente alla dichiarazione di fallimento, non assumendo ...

Spunti di discussione dal forum

Cessione del quinto e insinuazione al fallimento
Tre anni fa chiesi all'IBL banca una cessione del quinto ....dopo un anno la mia azienda fallisce. Io per sei mesi non percepisco nulla anzi vivo con i soldi del prestito. Dopo un anno la finanziaria si insinua al passivo e si prende tutto il tfr e 4 mensilita non…
Il datore di lavoro attuale è obbligato a continuare la trattenuta per un prestito su cessione del quinto ottenuto e non rimborsato durante un precedente impiego?
In merito a questa precedente discussione, avrei bisogno ancora di chiarimenti e quindi ripropongo il quesito, dettagliandolo con ulteriori elementi. In un precedente lavoro, assunto a tempo indeterminato, avevo 2 trattenute in busta paga (una cessione e una delega), sono stato licenziato per giusta causa e adesso una società di…
Fallimento ed ottenuta esdebitazione – Può l’Agenzia delle entrate chiedermi ancora l’IVA?
In seguito alla chiusura del fallimento ho ottenuto dal tribunale l’esdebitazione: l'agenzia delle entrate, però, mi richiede delle somme riguardanti IVA (cifre ovviamente inerenti all'attività per la quale ho chiesto il fallimento) notificate al curatore l’anno della dichiarazione del fallimento (ma dopo la data di apertura). Per questo motivo sarebbero…
Tempistiche fallimento
Il 7 luglio dello scorso anno ho cessato ditta individuale per cercare di far trascorrere un anno senza subire istanze di fallimento da parte di creditori. Oggi siamo ormai a fine febbraio, nessuno ha ancora fatto istanze, nemmeno di pignoramento, né ingiunzioni di pagamento ufficiali. Quanto tempo ci vuole per…
Si possono rateizzare i debiti esattoriali non soddisfatti nella procedura di fallimento?
Sono stato dichiarato fallito nel 2009 e a maggio 2016 il tribunale ha chiuso il fallimento: Ho scoperto tramite il curatore fallimentare che vi e in essere un debito verso Equitalia di 340 mila euro circa. Volevo chiedere se esiste la possibilità con l'ente di poter rateizzare la somma, tenuto…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cessione crediti ed opponibilità al fallimento del cedente. Clicca qui.

Stai leggendo Cessione crediti ed opponibilità al fallimento del cedente Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 30 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 30 luglio 2015 Classificato nella categoria cessione dei crediti Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?