Iscrizione in banca dati cattivi pagatori

Molto probabilmente, lei è stata già iscritta alla banca dati EURISC della Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF) e risulta, quindi, classificata come cattiva pagatrice con ampio margine di probabilità.

Per quel che riguarda i tempi di cancellazione da EURISC CRIF, potrebbe essere consigliabile non superare il numero di cinque rate mensili non pagate (in un semestre).

Infatti, secondo quanto stabilito nel recente Decreto Sviluppo - convertito definitivamente in legge in data 7 luglio 2011 - al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni sui ritardi inserite negli elenchi dei cattivi pagatori devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi da intermediari e banche, se relative al mancato pagamento di un numero di rate mensili inferiore a sei o di un'unica rata semestrale.

Altrimenti dovrà aspettare che sia decorso un anno dalla data in cui tornerà in regola con il pagamento delle rate. Solo allora potrà richiedere la cancellazione dalla banca dati dei cattivi pagatori.

Nel periodo in cui resterà iscritta alla CRIF non potrà accedere a nessun tipo di finanziamento. Va anche aggiunto, per onestà, che anche dopo la cancellazione dall'elenco dei cattivi pagatori, l'accesso al credito non le sarà garantito. In ragione di quelle che molti operatori del settore definiscono come "banche dati occulte dei cattivi pagatori".

Ad ogni modo, lo schema verifica/cancellazione CRIF è il seguente:

crif tempi

In alcuni casi è consigliabile inviare l'istanza di cancellazione via posta con raccomandata AR come suggerito qui.

Allegando, magari, anche la liberatoria del creditore.

8 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca