Inps » recupero crediti - trattenute per indebito pagamento - avviso di addebito e cartelle esattoriali

Avviso di addebito con valore di titolo esecutivo - il nuovo sistema di riscossione inps

Simone di Saintjust - 18 luglio 2011

A decorrere dal 1 gennaio 2011, l'INPS ha  introdotto un nuovo sistema di riscossione con la finalità di indirizzare l'attività dell'Istituto verso una più efficace azione di contrasto dell'omissione contributiva. Da tale data, infatti, l'istituto provvede al recupero dei crediti contributivi di propria competenza attraverso la notifica al contribuente di un avviso di addebito con valore di titolo esecutivo. Avviso di addebito L'avviso di addebito viene utilizzato sia per le somme dovute a titolo di contributi previdenziali e assistenziali non versati alla scadenza mensile o periodica, sia per le somme accertate come dovute dagli uffici o dagli organi di vigilanza, anche [ ... leggi tutto » ]

Cartella esattoriale per crediti previdenziali - competenza territoriale per il ricorso

Antonella Pedone - 4 giugno 2011

Per l'opposizione a cartella esattoriale, relativa a crediti previdenziali, è competente il Tribunale del luogo ove ha sede l'ufficio dell'ente, se si tratta di lavoro subordinato; altrimenti, se si tratta di lavoro autonomo, il Tribunale nella cui circoscrizione risiede il debitore. Ai sensi dell'articolo 444, terzo comma, del Codice di procedura civile, al quale rinvia l'articolo 24, sesto comma, del Decreto Legislativo del 26 febbraio 1999, numero 46, giudice del lavoro territorialmente competente a conoscere delle opposizioni a cartella esattoriale per crediti previdenziali è il giudice del luogo ove ha sede l'ufficio dell'ente preposto ad esaminare la posizione assicurativa e [ ... leggi tutto » ]

La dilazione di pagamento presso inps

Simone di Saintjust - 21 aprile 2011

L'oggetto della dilazione è costituito dal debito contributivo, dalle sanzioni civili e dagli interessi di dilazione (6 punti oltre il tasso ufficiale di riferimento). Non possono essere dilazionati i contributi non ancora scaduti e cioè contributi per i quali non sia ancora decorso il termine entro cui vanno pagati. Condizione essenziale per l'autorizzazione alla dilazione è che l'istanza comprenda tutti i debiti contributivi a carico dell'azienda. Bisogna quindi fare una valutazione complessiva della situazione debitoria considerando la possibilità che oltre ai debiti oggetto di cartella esattoriale,  vi siano debiti  in fase amministrativa (ad es. contestati con un avviso di pagamento), o in fase di recupero [ ... leggi tutto » ]

Opposizione a cartella esattoriale originata da crediti per contributi previdenziali o premi assicurativi

Andrea Ricciardi - 27 febbraio 2011

In materia di contributi e premi, in applicazione dell'articolo 32-bis del decreto legge numero 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge numero 2/2009 Richiesta di informazioni e di riesame del ruolo in autotutela Per questa cartella di pagamento è possibile chiedere informazioni all'ente impositore (indicato nell'intestazione della pagina relativa al "Dettaglio degli addebiti"). All'ente impositore potrà, inoltre, essere presentata istanza di riesame per chiedere l'annullamento del ruolo. Ricordare sempre che l'istanza in autotutela non interrompe né sospende i termini per proporre l'eventuale ricorso. Il responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo è il Direttore della Direzione/Ufficio, indicato nell'intestazione della pagina relativa al [ ... leggi tutto » ]

Recupero crediti inps su eredi del pensionato deceduto

Paolo Rastelli - 7 ottobre 2008

Quando l'indebito percepito dal pensionato deceduto risulti conseguente alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene in sostanza equiparata dal legislatore al dolo, il che ne consente in ogni caso la recuperabilità. Ed infatti, i termini di prescrizione decennali del credito decorrono, qualora l'indebito sia da ricollegare a situazioni che devono essere comunicate dal pensionato, dalla data della comunicazione stessa. Vengono ricompresi nel comportamento doloso - [ ... leggi tutto » ]

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca